Giornale Online
Pubblicità
Pubblicità

FLASH NEWS

Domenica 20 Aprile 2014

i più apprezzati

  • muretto

    'Sulla messa in sicurezza di Piazza Grande...'

    Dal blog di Live Gubbio

    Nessuno deve mettere la museruola a Piazza Grande

    Dal blog di Ubaldo Emanuele Scavizzi
    Bandiera italiana

    L'ESALTAZIONE DELLA MEDIOCRITA'

    Dal blog di Francesco Gagliardi
  • arresto

    Arrestati tre fratelli autori di oltre 100 furti

    Dal blog di Live Gubbio
    Gagliardi

    'Fondamentale la condivisione di Forza Italia'

    Dal blog di Live Gubbio
    Logge

    Il progetto delle Logge dei Tiratori rimane in "stand-by"

    Dal blog di Live Gubbio
    conferenza

    'Sulle Logge si esprimerà la nuova amministrazione'

    Dal blog di Lorenzo Billi
  • Daniele Morini

    Daniele Morini: «Un sito per spiegare la mia scelta». Facebook e Twitter per strizzare l’occhio ai giovanissimi

    Dal blog di Daniele Morini
    gubbio

    Girlanda: "Un regalo lungo un secolo a chi è contro Sant'Ubaldo"

    Dal blog di Live Gubbio
$('#s1').cycle({
			    fx:      'scrollHorz',
			    prev:   '#prev',
			    next:   '#next',
			    speed:  1000, 
				timeout: 5000
				});
			
Cristina Cipiciani

Dal Blog di

Cristina Cipiciani

Postato il: 2011-04-27 alle 17:42:40

Tags:

Nati con la camicia

Cultura

Noi delle nuove generazioni potremmo essere considerati tutti “nati con la camicia”, quella camicia che anche se di colori diversi: gialla, blu o nera, ha un grande significato, che va oltre la ragione e la comprensione usuale. Essere un ceraiolo non significa portare la camicia, ma sentirsi la festa dentro di sé; altrimenti avremmo ceraioli solo dal periodo della rinascita economica, dove si cominciò a comprare le prime divise, lasciando appeso dentro l’armadio il “vestito buono della domenica”.
La nostra gloriosa Festa non è fatta di oggetti, ma di semplici gesti, che accompagnano non solo noi stessi, ma le generazioni che erano e che saranno. Questi gesti fanno parte della nostra tradizione, che per più di 850 anni ci ha trasmesso un amore incondizionato, semplice e a volte geloso per Sant’Ubaldo e per i nostri Ceri. In alcune situazioni la parola tradizione viene vista come sinonimo di limitazione, per me tradizione significa guardare negli occhi di mio nonno, mentre mi racconta le sue imprese ceraiole e vederci dentro emozioni e ricordi di un tempo che è stato e che ancora sopravvive, assalendomi incontrollati il cuore. Tutti abbiamo visto occhi simili, dove il rispetto e la fratellanza brillavano limpidi, riflessi sullo specchio della nostra anima.
La nostra è la Festa più bella del mondo perché siamo noi il cuore pulsante di essa. Siamo noi che con le nostra urla, salti, lacrime, abbracci, rimproveri e sorrisi rendiamo il Cero vivo, facendolo diventare nostro fratello, il nostro migliore amico. Forse dovremmo inventare parole nuove per descrivere quello che succede all’interno di noi stessi quando li vediamo sbucare all’improvviso e iniziamo a saltare, con la folla intorno che ci avvolge, dove diveniamo goccia vitale di un mare impetuoso. La cosa meravigliosa è che Sant’Ubaldo dalla cima del colle ci guarda e ci sostiene, perché questa festa è nata spontanea e continua a vivere spontaneamente, nonostante la vita frenetica di tutti i giorni che ci cambia e ci consuma.
Quando morì Sant'Ubaldo, la città si trovava in lotta con i feudatari del contado e questo impediva ai sudditi di entrarvi. Ma privarli di porgere l’ultimo saluto al loro Vescovo Padre sarebbe stata una crudeltà, così dal Municipio partì l’offerta di pace, condivisa da tutti, che permise alla gente della campagna di venire ad onorare la salma di Sant'Ubaldo. Tutti i fedeli lo vegliavano, giorno e notte e la chiesa era sempre piena, dove la classe sociale non contava più, ma soltanto il dolore e il grande amore per il Vescovo Ubaldo.
Quando poi Papa Celestino III lo proclamò Santo vennero prese disposizioni in merito alla decisione della data della festa in suo onore e disse: «et festum eius septimo decimo ca-lendas iunii hilariter annis singulis celebrantes, solecite operemini quod vestra circa divinum cultum devotio profecisse merito videatur, et ipse (cioè Sant’Ubaldo) vestris motus precibus pro totius ecclesie statu apud amnipotentem dominum intercedat». Iniziò tutto con la parola hilariter che ha un diverso tono dall’italiano “con ilarità” e che sarebbe più corretto tradurre “con allegrezza”. Nella terminologia religiosa è consueto trovare “cum gaudio” riferendosi alla feste liturgiche in onore dei Santi, ma in questo caso il Pontefice lasciò la scelta agli Eugubini di celebrare in libertà un culto che viene definito a priori hilariter. Tutto questo insieme di cose permette di affermare che la festa sia nata spontaneamente e noi ne siamo portatori e protettori.
Dobbiamo proteggere la spontaneità nei nostri antenati, lo dobbiamo a loro e a noi stessi. Non importa quanto tempo sia passato, io credo ancora in quello spirito di unione che ci caratterizza da tutti gli altri popoli. Con i nostri gesti di amore, che offriamo a Sant'Ubaldo, nel pieno del nostro entusiasmo il 15 maggio, non facciamo altro che ringraziarlo per tutto quello che ha fatto e che continua a fare per tutti noi. Perché nonostante quasi mille anni, alla fine siamo ancora uniti e dobbiamo crederci.
W i Ceri, W Gubbio e W gli eugubini!

Commenta l'articoloSCRIVI

  • La Eli 2011-06-03 alle 17:36:35

    Bell'articolo, emozionante però purtoppo ora i veri valori non sono più questi! Esperienza personale la mia - . -''

  • Amanda Minelli 2011-05-01 alle 08:14:52

    Scusate nuovamente il disturbo, se potete mi togliereste un dubbio, ma dopo Mussolini chi è il genio che porta i santi fuori da Gubbio, ma veramente abbiamo bisogno della benedizione del pronipote illegittimo del Barbarossa per sentire vivi i santi? Sant' Ubaldo non aveva bisogno del papa per Benedire i suoi fratelli, la Città e tutti i suoi simboli. Comunque anche questa è iniziativa.

  • Amanda Minelli 2011-05-01 alle 08:11:40

    Bellissimo articolo, complimenti, mi sono emozionata tantissimo, ci vorrebbero tli parole nel cuore di tutti, ma purtroppo non è così. Brava sei Grande.

    • Cristina Cipiciani 2011-05-02 alle 12:09:27

      Grazie, ne sono lusingata e anche un po' imbarazzata in verità!

  • Cristina Cipiciani 2011-04-28 alle 09:27:01

    Grazie!!!

  • magda migliarini 2011-04-27 alle 19:25:14

    commovente......di questi tempi, col vento che tira......speriamo che i nostri giovani sappiano farne tesoro!!!! tvb

    • Cristina Cipiciani 2011-04-28 alle 09:27:20

      tvb!!!

  • Lorenzo Billi 2011-04-27 alle 18:03:06

    Parole da condividere in pieno!!! Tutti dovremmo farne tesoro...

  • Marta Gubbio 2011-04-27 alle 17:58:02

    Complimenti veramente un bell'articolo...

  • Mattia Martinelli 2011-04-27 alle 17:54:30

    Molto bello;)!!!

Pubblicità .

Crea il tuo Account!

Accetto il regolamento del blog.

 

LiveGubbio ti dà visibilita sul web!

LiveGubbio ti dà la possibilità di sponsorizzare la tua attività, organizzazione, società o partito politico sul web dandoti visibilità 24 ore su 24 su un blog che conta più di 1000 pagine visualizzate al giorno.

Contattaci e troveremo la soluzione che più si adatta alle tue esigenze di marketing, scrivi all'indirizzo:

info@livegubbio.it