Giornale Online
Pubblicità
Pubblicità

FLASH NEWS

Sabato 21 Ottobre 2017

i più apprezzati

$('#s1').cycle({
			    fx:      'scrollHorz',
			    prev:   '#prev',
			    next:   '#next',
			    speed:  1000, 
				timeout: 5000
				});
			
ANDREA SMACCHI

Dal Blog di

ANDREA SMACCHI

Postato il: 2012-09-12 alle 13:25:44

Tags:

Umbra Flor: “A Torraccia è possibile costruire un modello umbro di fattoria sociale"

Consigliere Regionale Andrea Smacchi

Politica

Umbra Flor: “Nell'area della Torraccia è possibile costruire un modello umbro di fattoria sociale che in breve potrebbe diventare punto di riferimento nazionale. L'unica cosa da non fare è dismettere il vivaio di Gubbio ed affidare incarichi di alcun tipo a personale posto in quiescenza

La vicenda dell'ipotetica ristrutturazione aziendale del vivaio Umbra Flor, si sta ormai trascinando da tempo, senza che si riesca ancora ad intravvedere una soluzione condivisa ed in grado di rilanciare le due sedi di Spello e Gubbio – così in una nota il Consigliere Regionale Andrea Smacchi. Occorre innanzitutto fare chiarezza sugli obiettivi strategici, analizzare in maniera approfondita le possibili aree di mercato da aggredire e di conseguenza, costruire un piano aziendale sostenibile che riesca a valorizzare al meglio i due siti di Gubbio e Spello.

Nello specifico il vivaio la Torraccia di Gubbio, potrebbe essere utilizzato, stante l'ampiezza dei terreni e le strutture di cui è dotato, per costruire un modello umbro di fattoria sociale, in grado di rispondere alla domanda sempre crescente di famiglie in cui vivono soggetti svantaggiati. La fattoria sociale, integrata con attività di carattere socio sanitario, educativo, di inclusione lavorativa e ricreativa rivolta in particolare a soggetti svantaggiati o a rischio di emarginazione, potrebbe diventare un punto di riferimento su scala nazionale.

In questo contesto la mia proposta di legge in materia, che presto andrà all'esame della competente Commissione, potrebbe essere lo strumento normativo attraverso il quale costruire un progetto innovativo, che potrebbe consentire di colmare il gap che l'Umbria sconta rispetto ad altre regioni che da anni portano avanti con successo un importante lavoro su questo versante. L'unica cosa da non fare – prosegue Smacchi - è dismettere l'attività in un'area, come quella della Torraccia, che storicamente ha costituito un punto di riferimento per l'attività floro-vivaistica della regione.

Allo stesso tempo, in periodo di spending review e nel bel mezzo della discussione sul nuovo assetto aziendale,non andrebbero affidati incarichi di alcun tipo a personale posto in quiescenza. I tempi delle scelte sono ormai maturi – conclude Smacchi – ma le stesse andranno condivise e concordate anche per tutelare tutto il personale che oggi lavora in Umbra Flor, che se si arriverà a scelte lungimiranti e coraggiose potrà non solo continuare ad operare, ma in un futuro non molto lontano potrebbe anche crescere.

Commenta l'articoloSCRIVI

Pubblicità .

Crea il tuo Account!

Accetto il regolamento del blog.

 

LiveGubbio ti dà visibilita sul web!

LiveGubbio ti dà la possibilità di sponsorizzare la tua attività, organizzazione, società o partito politico sul web dandoti visibilità 24 ore su 24 su un blog che conta più di 1000 pagine visualizzate al giorno.

Contattaci e troveremo la soluzione che più si adatta alle tue esigenze di marketing, scrivi all'indirizzo:

info@livegubbio.it