Giornale Online
Pubblicità
Pubblicità

FLASH NEWS

Mercoledì 21 Febbraio 2018

i più apprezzati

  • Lupini

    IL CONSIGLIERE COMUNALE PAVILIO LUPINI INTERVIENE IN MERITO ALL'ASSOLUZIONE DELL'EX SINDACO ORFEO GORACCI E DELLA SUA GIUNTA DA PARTE DELLA CORTE DEI CONTI

    Dal blog di Gubbio Libera
    Live Gubbio

    DANNO ERARIALE: ASSOLTI GORACCI & C. CHI PAGA?

    Dal blog di Live Gubbio
    Live Gubbio

    Tanto per smentire il luogo comune della buona gestione amministrativa locale del centrosinistra: il Caso Terni

    Dal blog di Fabio Graziani
  • ANGELO PERUZZI VENERDI' AL LICEO "MAZZATINTI"

    Dal blog di Live Gubbio

    ALLARME A TORRE: LADRI NELLA STESSA CASA IN DUE MESI

    Dal blog di Live Gubbio
$('#s1').cycle({
			    fx:      'scrollHorz',
			    prev:   '#prev',
			    next:   '#next',
			    speed:  1000, 
				timeout: 5000
				});
			
Live Gubbio

Dal Blog di

Live Gubbio

Postato il: 2014-06-24 alle 12:22:27

Tags: Carabinieri, operazione, antidroga, Gubbio

Importante operazione antidroga dei Carabinieri di Gubbio

Carabinieri

Cronaca

Nel tardo pomeriggio di sabato 21 Giugno i Carabinieri del Comando Compagnia di Gubbio hanno tratto in arresto due coniugi marocchini M.A. 37enne e B.C. 23enne, residenti a Gubbio da anni, poiché responsabili del reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

L'operazione di indagine condotta dai militari del Nucleo Operativo Radiomobile, illustrata questa mattina durante una conferenza stampa alla presenza del Capitano Piergiuseppe Zago e del Maresciallo Domenico Giustino, si inserisce nel più ampio contesto di controllo del territorio eugubino con particolare riferimento al contrasto del fenomeno di spaccio e consumo di sostanze stupefacenti.

L’operazione di servizio è stata caratterizzata, sin dalle sue prime fasi, da una particolare e significativa collaborazione tra i militari dell’Arma e la popolazione locale. Le numerose telefonate al 112 e i contatti tra residenti della zona interessata e le pattuglie hanno indicato agli inquirenti i due coniugi arrestati, quali centro gravitazionale di alcuni noti acquirenti e assuntori di stupefacenti.

L’attività informativa ha permesso l’organizzazione e la successiva esecuzione di mirati servizi di controllo e pedinamento, che, da subito, hanno dato positivi riscontri. Infatti M.A. e B.C., durante tali particolari servizi, sono stati notati dai militari nell’atto di cedere lo stupefacente, sia a giovani del luogo che ad altri della vicina regione Marche. Nel tardo pomeriggio di sabato scorso, i due sono stati notati uscire dalla propria abitazione, a Caporeggiano, e dirigersi, alla guida di un’autovettura verso Gubbio.

Dopo poco i due hanno incontrato, a Torre dei Calzolari, un giovane del luogo, al quale hanno ceduto 11 grammi di sostanza stupefacente. Accertata la flagranza della cessione della droga, i militari tempestivamente sono intervenuti fermando l’autovettura su cui i due stavano viaggiavando, procedendo all’immediata perquisizione, durante la quale sono stati rinvenuti ulteriori 100 grammi di sostanza stupefacente, verosimilmente destinata ad altri acquirenti, nonché 100 euro, profitto del precedente spaccio.

La perquisizione è stata quindi estesa anche alla loro abitazione, a Camporeggiano. Lì, occultati all’esterno dell’abitazione, ma comunque nelle sue pertinenze, sono stati rinvenuti ulteriori 400 grammi di sostanza stupefacente, la somma di 2.000 euro in banconote di vario taglio, un bilancino elettronico di precisione e un coltello utilizzato per tagliare lo stupefacente. M.A. e B.C sono stati tratti in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti ed il giovane acquirente è stato segnalato all’Autorità Amministrativa quale assuntore.

Alla donna è stata inoltre contestata la violenza e resistenza a pubblico ufficiale, dato che durante le operazioni di identificazione ha reagito nei confronti dei militari colpendoli con calci e pugni. Nel corso dell’operazione di Polizia Giudiziaria è stato sequestrato più di mezzo chilo di hascisc per un valore di circa 6.000 euro, quantità per poterci realizzare circa 500 dosi. Su disposizione della procura M.A. è stato trasferito alla Casa Circondariale di Capanne, mentre la donna, avendo anche un figlio di circa un anno, è stata portata nella propria abitazione in regime di arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida da parte del GIP di Perugia.

Commenta l'articoloSCRIVI

Pubblicità .

Crea il tuo Account!

Accetto il regolamento del blog.

 

LiveGubbio ti dà visibilita sul web!

LiveGubbio ti dà la possibilità di sponsorizzare la tua attività, organizzazione, società o partito politico sul web dandoti visibilità 24 ore su 24 su un blog che conta più di 1000 pagine visualizzate al giorno.

Contattaci e troveremo la soluzione che più si adatta alle tue esigenze di marketing, scrivi all'indirizzo:

info@livegubbio.it