Giornale Online
Pubblicità
Pubblicità

FLASH NEWS

Sabato 21 Ottobre 2017

i più apprezzati

$('#s1').cycle({
			    fx:      'scrollHorz',
			    prev:   '#prev',
			    next:   '#next',
			    speed:  1000, 
				timeout: 5000
				});
			
Live Gubbio

Dal Blog di

Live Gubbio

Postato il: 2014-07-15 alle 16:44:17

Tags:

'Inchiesta Trust: verità e giustizia'

arresto

Attualita

"La 'sentenza' del GUP Semeraro del 14.04.2014 - afferma in una nota il consigliere regionale Orfeo Goracci - elimina molti capi di imputazione e fa luce su tante condotte incredibilmente assurde.

Attesa la scadenza dei tempi entro i quali le motivazioni del GUP Semeraro potevano essere impugnate dai PM e dalle parti civili, ho deciso di rendere note alla stampa e mettere in rete le stesse dal momento che si può a ragione parlare di “sentenza” definitiva.

Invito a leggere da pagina 18 a pagina 76 cosa scrive, in merito al vestito che mi (ci) è stato cucito addosso, un giudice della Repubblica. A questo proposito non sarà inutile ricordare che il GUP non decide se l'indagato è colpevole o innocente, ma solo se ci sono i presupposti perché le accuse possano essere vagliate in un dibattimento processuale: ebbene, non solo alcune persone sono state prosciolte definitivamente, ma per ben 22 capi di imputazione a mio carico, questi presupposti sono stati ritenuti, udite udite, inesistenti. Ho buone ragioni, dunque, per credere che, nel processo che avrà inizio a febbraio 2015, non sarà così difficile per i miei avvocati dimostrare anche l’infondatezza delle accuse rimaste in piedi…

Ma torniamo alla sentenza del GUP. In essa si riconosce l’esistenza di molte accuse assurde, le stesse, però, che hanno determinato per me/noi un’assurda detenzione con l'aggiunta, assurda anche questa, del divieto di colloquio con l'avvocato difensore per 5 giorni (trattati peggio di Riina, Provenzano, Lavitola o, per stare all' attualità, a un omicida reo- confesso di tre familiari). Le accuse di cui parlo, poi, torneranno in mente a coloro i quali, usi a leggere i giornali locali (novembre- dicembre 2011), rimasero ovviamente colpiti da titoli costruiti su termini quali sparizione, sottrazione e distruzione, di documenti, pedinamenti, fotografie...

Per questo non posso biasimare nessuno di quegli eugubini che abbia pensato: 'Se hanno preso e distrutto qualche documento dal Comune, si vede che avevano qualcosa da nascondere'… Solo che nulla di tutto ciò si è verificato! Bastava semplicemente, in fase di indagini, chiedere o andare in Comune a prendere quegli atti che erano e sono sempre stati al loro posto.

I nostri avvocati, così come non hanno avuto alcuna difficoltà nel dimostrare ciò, non hanno indugiato neanche nello 'sbugiardare' le dichiarazioni false e inconsistenti fatte da qualche soggetto 'deluso' rispetto al concorso da vigile urbano conclusosi a dicembre del 2010 (quando io ero in Regione già da 8/9 mesi). E' bastato semplicemente verificare tempi, commissione ed esiti... cosa, anche questa, che avrebbero dovuto fare gli 'indagatori' (leggere da pagina 42 a pagina 44).

Addirittura, e si legga a pagina 22, mi viene contestato un capo di imputazione per il trasferimento di Minelli Nadia all'anagrafe: cosa potevo entrarci io con la delibera n. 200 del 17 agosto 2011, firmata da Sindaco e Giunta Guerrini, e supportata per di più con una nota di Franco Bazzurri del 22 giugno 2011? E’ evidente che in Comune un 'gruppo' c'era (e da scelte e atti successivi, fino all'attualità, è riscontrabile che ancora c'è), ma non era certo quello descritto da Guerrini e altri accusatori, composto da amministratori scelti e votati dagli eugubini. E' altrettanto evidente che equilibrio, cautela, prudenza nelle indagini sono totalmente mancate… o forse, più semplicemente, si doveva perseguire un obiettivo e la direzione era obbligata.

Questo è solo un anticipo. Perché la sentenza del GUP è talmente ricca di chicche di falsità e calunnia, tutte riconducibili a un filo rosso basato sulla 'lotta politica' e il coinvolgimento di qualche scontento, che mi impegno a renderle note singolarmente: per tutto il mese di luglio ogni giorno sul mio profilo Facebook e, sempre su FB, sul gruppo 'Orfeo Goracci Siamo Solidali', inserirò una 'pillola' con la motivazione del perché del proscioglimento da uno specifico capo di imputazione.

Chi avrà la pazienza di leggere si renderà conto del male gratuito che è stato fatto nei miei/nostri confronti: da un lato non potrà che risultare evidente a chiunque quanto siano state assurde, se non palesemente false, alcune dichiarazioni di testi, dall’altro si potrà anche prendere consapevole visione del modo a dir poco inadeguato con cui sono state condotte le indagini, affidandosi solo alle dichiarazioni di 'testimoni' che hanno 'confuso' un giorno con una settimana... ma guarda caso hanno reso dichiarazioni 'fotocopia' (concordate?)!

Fin da subito è apparso chiaro che questa è stata probabilmente l’unica indagine in Italia, riguardante i 'politici', che non aveva un centesimo in ballo! Certo, so bene che oggi, a seguito di questa sentenza, non ci saranno i soliti solerti giornalisti che alle 8 del mattino del 14 febbraio 2012 già inondavano gli indirizzi di posta elettronica con l'ordinanza di custodia cautelare che devastava la vita mia, delle persone a me care e quella degli altri 'compagni di sventura'.

Come so anche che non ci saranno coloro che, nell'azienda dove lavorano, faranno girare a 'nastro' nei PC dei colleghi queste motivazioni come invece fecero la mattina del 14 febbraio (e pensare che fino alle 9:00 di quel tristissimo giorno a mia moglie è stato proibito persino di informare mia madre…). Per quanto mi riguarda so che gli avvocati avranno molto, molto da lavorare (io sulle spese ci sono! come si suol dire), perché una cosa è certa: tutti quelli che sono stati chiamati dalla Procura (chissà come mai e perché proprio loro.. il caso? il 'sorteggio'? chissà se si è tenuto conto della neutralità e del disinteresse degli 'informatori/interlocutori'?) e hanno detto cose rivelatesi false e calunniose - e non poteva essere diversamente - ne dovranno rispondere, oltreché alla propria coscienza, nelle sedi deputate.

Di sicuro, per qualche nobildonna e amica/confidente saranno canti di dolore come per chi ha usato penna e computer (noti o anonimi della rete) a mo’ di mitra e veleno, per insultare, diffamare, infangare, distruggere, eliminare, ben oltre alla lotta politica, perché quella ognuno la fa come crede. Sta per arrivare il tempo di renderne conto nei modi e nelle sedi preposte.

Per me, certo, rimangono l’amarezza, la tristezza e il dolore nel vedere come sono andate le cose, come la 'distruzione' - mai riuscita sul piano politico – abbia percorso altre strade e, di conseguenza, io abbia dovuto subire la barbarie del linciaggio mediatico come mai era successo prima in Umbria. Sono stato descritto, in Italia e nel mondo, come 'violentatore' solo su invenzione di persone 'deluse', certamente non 'serene' e neutrali.

Chi decide sulla vita delle persone non può permettersi il lusso di essere superficiale. Perché questa è la perniciosa deriva verso il più terribile dei mali: la disumanità".

Commenta l'articoloSCRIVI

  • Interessa tutti 2014-07-27 alle 21:31:09

    Negli ultimi giorni della campagna elettorale per le amministrative ho letto la "lettera aperta" inviata da Capannelli, Ercoli, Goracci, Panfili in cui in pratica si diceva: "amiamo la politica, potevamo candidarci, non lo abbiamo fatto per non dare uno occasione di polemica".
    Grande scelta!

    Si avvicinano le elezioni regionali, Goracci sarebbe coerente come Capannelli, Ercoli, Panfili, se evitasse di ricandidarsi alla Regione ed attendesse la sentenza definitiva, la prima udienza del processo sarà il 15 febbraio.

    Goracci è un grande politico, ovviamente possiamo avere idee assolutamente opposte ma dobbiamo rispettarlo fino alla fine del processo, lui potrebbe però rispettare tutta la Città con un atteggiamento "europeo": autosospensione transitoria dalla vita politica.

  • dirittodinonvoto dirittodinonvoto 2014-07-17 alle 09:31:00

    Questo Goracci che si dichiara innocente per i reati a lui imputati mi potrebbe spiegare dove sono i 3 MILIONI DI EURO UNA QUOTA DEL SUPER ENALOTTO che ci sono di passivo a bilancio!!!!

    Quando devo andare a pagare la TARI paga lui con i soldi nostri!!!

  • Alessandro Bocci 2014-07-16 alle 23:53:05

    CHIUDO ANCHE IO QUI LE CONSIDERAZIONI, MA LE ASSICURO CHE ALMENO SU DUE CASI CHE CONOSCO DIRETTAMENTE LA SOFFERENZA PER LE DISCRIMINAZIONI SUBITE È STATA TOTALE E REALE. OVVIO, COME DETTO È DIFFICILE PROVARLO, MA ACCIDENTI SE CI SONO STATE. COME LE HO GIÀ DETTO CONCORDO ALTRESÌ CHE L'AUTORITÀ GIUDIZIARIA SEMBRA AVER AGITO PIUTTOSTO GROSSOLANAMENTE, MA RIPETO NON PERCHÈ NON CI SIANO STATI COMPORTAMENTI SCORRETTI. IL COMPLOTTO POLTICO-GIUDIZIARIO È UNA "BARZELLETTA" SEMPRE MOLTO AMATA DAI POLITICI; SO CON ESTREMA CERTEZZA CHE TANTI TESTIMONI NEANCHE SI CONOSCONO GLI UNI CON GLI ALTRI O SOLO DI VISTA. EPPURE HANNO RIPORTATO DI UN AMBIENTE E DI SITUAZIONI COINCIDENTI. TANTÉ CHE IL RINVIO A GIUDIZIO PER ASSOCIAZIONE A DELINQUERE È RIMASTO, NONOSTANTE IL RIGORE GARANTISTA (GIUSTAMENTE) DEL GUP. A PROPOSITO DELLA VIGILESSA NON STABILIZZATA, SO CHE HA PRESENTATO RICORSO IN APPELLO ( E MI SEMBREREBBE ANCHE LOGICO) ED e' DECISA AD ARRIVARE IN CASSAZIONE, QUINDI LA VICENDA NON È AFFATTO CONCLUSA. CIRCA LA VICENDA GALLO-BELLISSIMO INVECE VOGLIO PROPRIO STENDERE UN VELO PIETOSO PERCHÈ ALLORA SAREBBERO TANTE, MA PROPRIO TANTE LE FAMIGLIE NELLA DISPERAZIONE PIÙ NERA CHE GRADIREBBERO AVERE UN IMMOBILE RISTRUTTURATO DAL COMUNE (SOLDI DI TUTTI) A UNA SETTANTINA DI EURO L'ANNO DI AFFITTO. CONCORDO ALTRESÌ LA PROFONDA, PROFONDISSIMA SPERANZA CHE L'ATTUALE AMMINISTRAZIONE SAPPIA FAR DIMENTICARE ANNI BUI, VERAMENTE BUI (GUERRINI COMPRESO) ED INIZI AD OPERARE SUL SERIO IN FAVORE DELLA CITTÀ.

  • salvatore angeloni 2014-07-16 alle 22:52:39

    Concordo con Lei, Sig. Bocci, che comportamenti scorretti anche se non hanno rilevanza penale vanno comunque deprecati, ma per poterli deprecare bisogna conoscere bene i fatti; Lei è veramente convinto che tutte quelle persone, la stragrande maggioranza delle quali mi risulta essere state “figlioccie” del sindaco Goracci, che hanno sporto denuncia o che hanno riferito su fatti ed avvenimenti, tra l’altro in maniera molto approssimativa ma che comunque con le loro denunce e/o testimonianze hanno devastato la vita degli indagati e delle loro famiglie lo abbiano fatto con spirito di servizio ed al di sopra di ogni interesse di parte?
    Sarà proprio vero che tutti quelli che si lamentano di essere stati discriminati lo siano stati veramente o magari possa essere dipeso anche dalle loro capacità professionali e dalle loro competenze?
    Crede veramente alla barzelletta della violenza?Io no.
    E’ convinto che stiamo parlando dell’unica inchiesta dove in ballo non c’è neanche un centesimo di ruberia? Almeno di questo vogliamo dare testimonianza!
    Per quanto riguarda le stabilizzazioni dei vigili non mi risulta, a differenza di quanto da Lei affermato, che ci sia stata alcuna scorrettezza; la vicenda della vigilessa non stabilizzata è corretta e non soltanto in base al regolamento comunale ma anche in relazione alla normativa legislativa in materia di rapporto di lavoro subordinato ed è anche in linea con sentenze emesse dalla Magistratura sull'argomento; mi sembra altresi che la vicenda si sia conclusa anche in sede civile.
    La vicenda Gallo – Bellissimo: un’amministrazione comunale non è un’azienda privata che risulta ben amministrata se a fine anno rileva un utile, il fatturato in progresso ecc.
    Un Comune, nei limiti delle sue competenze e disponibilità, deve badare, in via prioritaria, alla soluzione dei problemi dei cittadini, soprattutto dei meno abbienti, quindi probabilmente in questa vicenda potrebbe esserci un risvolto di natura sociale di cui né io né Lei ne siamo a conoscenza, quindi tranquillamente potrebbe non trattarsi semplicemente di amico e non amico.
    La mia presa di posizione verso questa vicenda non è dettata, come Lei insinua, da alcun vantaggio: non ho mai avuto interessi di lavoro o di altra natura a Gubbio, pur essendovi da sempre residente; non sono stato mai comunista anche se sono sempre stato e tutt’ora sono di sinistra, sono in pensione (posso soltanto dire di essere stato fortunato nell’aver potuto anticipare la Fornero): è soltanto che avendo avuto la possibilità di aver sentito raccontati i fatti sia sul versante degli accusati che su quello degli accusatori mi sono convinto che le cose non stanno proprio come si è voluto farle passare da parte di molti soggetti interessati a livello politico, economico e personale.
    Vede voler far passare l’Amministrazione Goracci come il peggior male che possa aver colpito la città di Gubbio nella sua storia non mi trova assolutamente d’accordo, anzi mi auguro che questa nuova Amministrazione riesca a rivitalizzare la città di Gubbio come nel periodo dei primi anni ‘2000.
    Chiudo qui la “querelle”, La ringrazio per questo civile scambio di opinioni ed a risentirci su altri argomenti.

    • Alessandro Bocci 2014-07-16 alle 23:52:38

      CHIUDO ANCHE IO QUI LE CONSIDERAZIONI, MA LE ASSICURO CHE ALMENO SU DUE CASI CHE CONOSCO DIRETTAMENTE LA SOFFERENZA PER LE DISCRIMINAZIONI SUBITE È STATA TOTALE E REALE. OVVIO, COME DETTO È DIFFICILE PROVARLO, MA ACCIDENTI SE CI SONO STATE. COME LE HO GIÀ DETTO CONCORDO ALTRESÌ CHE L'AUTORITÀ GIUDIZIARIA SEMBRA AVER AGITO PIUTTOSTO GROSSOLANAMENTE, MA RIPETO NON PERCHÈ NON CI SIANO STATI COMPORTAMENTI SCORRETTI. IL COMPLOTTO POLTICO-GIUDIZIARIO È UNA "BARZELLETTA" SEMPRE MOLTO AMATA DAI POLITICI; SO CON ESTREMA CERTEZZA CHE TANTI TESTIMONI NEANCHE SI CONOSCONO GLI UNI CON GLI ALTRI O SOLO DI VISTA. EPPURE HANNO RIPORTATO DI UN AMBIENTE E DI SITUAZIONI COINCIDENTI. TANTÉ CHE IL RINVIO A GIUDIZIO PER ASSOCIAZIONE A DELINQUERE È RIMASTO, NONOSTANTE IL RIGORE GARANTISTA (GIUSTAMENTE) DEL GUP. A PROPOSITO DELLA VIGILESSA NON STABILIZZATA, SO CHE HA PRESENTATO RICORSO IN APPELLO ( E MI SEMBREREBBE ANCHE LOGICO) ED e' DECISA AD ARRIVARE IN CASSAZIONE, QUINDI LA VICENDA NON È AFFATTO CONCLUSA. CIRCA LA VICENDA GALLO-BELLISSIMO INVECE VOGLIO PROPRIO STENDERE UN VELO PIETOSO PERCHÈ ALLORA SAREBBERO TANTE, MA PROPRIO TANTE LE FAMIGLIE NELLA DISPERAZIONE PIÙ NERA CHE GRADIREBBERO AVERE UN IMMOBILE RISTRUTTURATO DAL COMUNE (SOLDI DI TUTTI) A UNA SETTANTINA DI EURO L'ANNO DI AFFITTO. CONCORDO ALTRESÌ LA PROFONDA, PROFONDISSIMA SPERANZA CHE L'ATTUALE AMMINISTRAZIONE SAPPIA FAR DIMENTICARE ANNI BUI, VERAMENTE BUI (GUERRINI COMPRESO) ED INIZI AD OPERARE SUL SERIO IN FAVORE DELLA CITTÀ.

  • Alessandro Bocci 2014-07-16 alle 20:14:45

    PROVERÒ A SPIEGARMI MEGLIO: COME HO DETTO TANTE ALTRE VOLTE, ALCUNI COMPORTAMENTI POSSONO ANCHE NON AVERE RILEVANZA PENALE, MA MI FANNO RIBREZZO UGUALMENTE; SOPRATTUTTO SE MESSI IN ATTO DA UN'AMMINISTRAZIONE CHE SI È SEMPRE DETTA DI ULTRA SINISTRA.
    NON VIENE STABILIZZATA UNA VIGILESSA PERCHÈ NON LE È COMPUTATO, IN BASE AD UN REGOLAMENTO COMUNALE IL PERIODO DI ASTENSIONE PER MATERNITÀ VOLONTARIA DOVUTA A GRAVIDANZA A RISCHIO, BENE, TUTTO LEGALE MA SE PERMETTE MI FA UN PÒ RIDERE SEMPRE DA PARTE DELL'AMMINISTRAZIONE CHE SI DICE DI ULTRA SINISTRA, QUANDO PER ALTRI VIGILI INVECE SI PROCEDE ALLA STABILIZZAZIONE ANCHE SE NON HANNO TUTTI I REQUISITI E CON UNA PROCEDURA ILLEGITTIMA. DA QUEL CHE SO INOLTRE LA PRIMA VIGILESSA ERA IN GRADUATORIA PRIMA DI TANTI ALTRI ED HA UN RICORSO IN ATTO. LA VICENDA GALLO -BELLISSIMO, GIÀ DEFINITA IN AMBITO CIVILE, RISTRUTTURATO E DATO UN IMMOBILE AD UN AMICO A SETTANTA EURO L'ANNO DI AFFITTO INVECE CHE A UN NON AMICO CHE NE AVEVA OFFERTI 35.000. E' ARRIVATA LA PRESCRIZIONE, QUINDI IL REATO NON SI PUÒ PIÙ PERSEGUIRE, ANCORA BENISSIMO, SARÀ LEGALE, MA A ME FA OBBROBRIO LO STESSO. SAPPIAMO POI PIÙ CHE MAI CHE DIMOSTRARE CHE UN CONCORSO È TRUCCATO NON È CERTO FACILE, COSÌ COME DA PARTE DI UN FUNZIONARIO O DI UN DIRIGENTE CHE STA SUBENDO INDEBITE PRESSIONI DALLA COMPONENTE POLITICA; NON SIGNIFICA CHE QUESTO NON AVVENGA E SE IL FUNZIONARIO IN QUESTIONE LO DENUNCIA FA SOLO BENE. SE POI È TUTTO LECITO, CHE SORELLE, AMICHE, AMANTI PROCEDANO SPEDITE CON LA CARRIERA, SEMPRE PER MERITO SI INTENDE.TUTTO OK? PER ME MICA TANTO. INOLTRE...PER AMMISSIONE DELLO STESSO ZAR, DALLE INTERCETTAZIONI, ECC APPARE PALESE CHE QUEST'UOMO HA AVUTO MENTRE ERA SINDACO MOLTE RELAZIONI, LEI È COSÌ CERTO CHE QUESTO NON INFLUISCA SULL'IMPARZIALITÀ DELLE SCELTE? IO SCUSI, BASANDOMI UN PO' SULLA NATURA UMANA DIREI PROPRIO DI NO. SE POI C'È CHI DICE CHE VA TUTTO BENE VUOL DIRE CHE EVIDENTEMENTE NE HA UN VANTAGGIO, PERCHÉ IO, CITTADINO COMUNE E PADRE DI FAMIGLIA REPUTO TUTTO ABBASTANZA SQUALLIDO E NON È CERO L'AMBIENTE CHE AUSPICO A GESTIRE LA MIA VITA DI CITTADINO. CONCORDO COME DETTO CON LEI CHE GLI IMPUTATI SE INNOCENTI COME SI DICONO, RINUNCINO ALLE EVENTUALI PRESCRIZIONI E CONCORDO CHE GLI OPERATORI DELLA PROCURA SU TANTE COSE POTEVANO CERTAMENTE ESSERE PIÙ ATTENTI.

  • salvatore angeloni 2014-07-16 alle 19:20:33

    Caro BOCCI, non vorrei assumere le vesti di difensore di parte degli imputati perché non ne ho le competenze/capacità, la voglia e l’interesse, ma mi sento obbligato risponderLe prima di tutto perché fa delle affermazioni nei miei confronti del tutto infondate: io non faccio assolutamente parte “di quelli che festeggia sul gruppo solidale”, come da Lei indicato e precedentemente indicato dal Sig. Costantini ed onestamente non ho nulla da festeggiare essendo io completamente al di fuori della vicenda, la mia è soltanto una valutazione personale, condivisibile o meno, a prescindere.
    Siccome i visitatori di Facebook sono facilmente tracciabili lo può accertare tranquillamente: non mi collego a facebook da diversi giorni.
    Lei dimostra ancora una volta di non aver minimamente letto la sentenza quando parla "di inquinamento probatorio…..". Tutti gli atti di accusa di sottrazione di documentazione e di conseguente inquinamento delle prove sono stati annullati in quanto non è risultata la sottrazione di alcun documento dagli archivi comunali per cui anche questo era un falso problema che lascia alquanto perplessi sulla serietà di come sono state condotte le indagini preliminari da parte della Polizia giudiziaria e dei Pubblici Ministeri.
    In tema di prescrizione non è stato ammesso a processo la vicenda Gallo - Bellissimo: anche su questo capo di accusa il GUP tiene a precisare che non c’è stato alcun reato da parte dei “Rinviati a giudizio” precisando, se ben ricordo, che intanto la Delibera di annullamento della vendita è stata presa da tutta la Giunta e non dai soli “Rinviati” e che la stessa non era vincolante nei confronti del dirigente comunale Pes ed in ultima analisi, lo stesso Gup, dichiara che il reato non sarebbe stato comunque ammissibile in giudizio in quanto prescritto. Il mio augurio personale è che per quei reati dichiarati ammissibili in giudizio dal GUP, si arrivi a sentenza definitiva anche se nel frattempo dovesse intervenire la prescrizione.

    • francesco costantini 2014-07-16 alle 19:33:38

      Ma lei e' lo stesso Salvatore Angeloni candidato con "Gubbio Libera" a sostegno di Pavilio Lupini?

  • Alessandro Bocci 2014-07-16 alle 15:57:08

    Caro Angeloni, sappiamo bene che lei è di quelli che festeggia sul gruppo solidale e va bene, ma se VUOLE ESSERE SERO SUL PERCHÈ DELLA DETENZIONE CAUTELARE c'è innanzitutto l'iquinamento probatorio, che gli imputati HANNO POSTO IN ESSERE per tutto il tempo delle indagini, nonostante sapessero di essere indagati. Secondo, state focalizzanzo, giustamente dal vostro puntp di vista sul non luogo a procedere per ragioni tecniche che non ESCLUDONO AFFATTO i comportamenti posti in essere. Es. Io le do un pugno sui denti, ma non ci sono testimoni. Ciò non significa che io non glielo abbia dato. Mancano tanti, troppi dati nelle vostre affermazioni, che ovviamente vedete bene di tacere. Credo, che qualcuno stai già pensando di scrivere un libro VERO CON TUTTE LE testimonianze ed i dati raccolti dalla Procura. Ripeto, se poi il sistema giudiziario si sta plasmando a favore dei carnefici invece che a difesa delle vittime ( vedi anche l'ultima schifezza per chi è vittima di stalking), questo è un altro paio di maniche.

    • Alessandro Bocci 2014-07-16 alle 16:00:11

      Ciò che ammiro nel suo scritto è che nel caso sopraggiunga la prescrizione e per un caso è già arrivata (mi documento e le faccio sapere quale) gli imputati vi rinuncino e chiedano di essere giudicati nel merito.Staremo a vedere se lo faranno.

  • salvatore angeloni 2014-07-16 alle 15:44:34

    Si può essere partigiani fino all’infinito ma un minimo di obiettività non guasta mai.
    Non so quanti di coloro che si sono prodigati o si stanno prodigando a scrivere commenti su questo blog abbiano dato uno sguardo alla sentenza del Giudice e si siano soffermati un attimo sulla sua reale portata; io, anche se per sommi capi uno sguardo glielo ho dato e non mi trovo d’accordo con gran parte dei commenti sotto riportati.
    Avere stabilito che due persone (di cui una, è stata agli arresti domiciliari per vari giorni) non sono processabili in quanto mancano i presupposti ed avere dimezzato i capi di imputazione per gli altri imputati, mi sembra che possa rappresentare un buon punto di parte per gli imputati rinviati a giudizio ed inoltre che qualcosa di poco chiaro o quantomeno molta ingenuità nel costruire il castello delle accuse c’è stato.
    Se qualcuno poi avesse avuto il piacere di dare uno sguardo alla sentenza avrebbe anche constatato che i reati per i quali è stato dichiarato il non luogo a procedere, sono quelli che di fatto hanno giustificato la lunga detenzione preventiva, motivata dal pericolo della reiterazione dei reati medesimo.
    E’ altrettanto vero che molti dei reati cancellati sono in stretta connessione anche con il reato di associazione a delinquere e con gli altri capi d’accusa minori per i quali sono stati rinviati a giudizio, per cui mi sembra che stia traballando un po’ tutta l’intelaiatura del processo.
    E’ vero, il rischio di questo processo (come purtroppo della stragrande maggioranza dei processi di questo tipo) è la prescrizione, ma visto che alla prescrizione si può anche rinunciare, io mi auguro che tutti gli imputati rinviati a giudizio in questo processo, se effettivamente sono in quella condizione di innocenza sempre dichiarata, rinuncino e vadano fino in fondo (anche a costo di grossi sacrifici economici) affinché emerga la “vera verità” che un processo cosi importante sicuramente merita, in primo luogo per gli imputati ma anche per l’intera cittadinanza.

  • francesco costantini 2014-07-16 alle 12:15:51

    ...su un gruppo in facebook lo zar e i sudditi stanno festeggiando come una parata russa...allegria a go go...

  • Alessandro Bocci 2014-07-16 alle 09:46:54

    Vorrei fare una nota sul nome di questa inchiesta "TRUST", FIDUCIA, un nome che mi è sempre piaciuto perchè indica l'elemento centrale che è stato tradito: la fiducia; in una amministrazione che voleva presentarsi come migliore di tutte, quella "un palmo più in sù"...poi basta leggere le intercettazioni, vedere il puc1 e puc 2, il disastro di Colognola...Ma che vorrebbero che si dicesse loro che sono sono stati bravi?

    • Interessa tutti 2014-07-27 alle 21:12:52

      dove si possono leggere le intercettazioni?

  • Alessandro Bocci 2014-07-16 alle 09:40:51

    Come dià detto egregiamente da qualcuno, il GUP ha palesemente voluto togliere gli elementi minori che tanto tenpo avrebbero occupato avvocati e inquirenti facendo il gran favore a goracci di mandare tutto per le lunghe epuntare il più possibile in prescrizione. Stessa tecnica di tanti criminali, purtroppo questa è la legge italiana. Ma visto che, sempre come detto da altri meglio di me, GLI RIMANGONO SUL GROPPONE BEN 21 (diconsi VENTUNO) GRAVISSIMI REATI, CHE VANNO DALL'ASSOCIAZIONE A DELINQUERE, ALLA CONCUSSIONE, ABUSO D'UFFICIO, FALSITA' IDEOLOGICA COMMESSA DAL PUBBLICO UFFICIALE IN ATTI PUBBLICI, per favore smetta di rimbambirci e attenda il processo.
    L'amministrazione più faziosa e intrallazzona è stata scoperta e la Procura ne ha messo in luce i meccanismi; se poi in Italia la giustizia penale è stata resa un colabrodo, questo è un altro paio di maniche.
    Vorrei inoltre far notare il tono sempre altezzoso, minatorio e da dominus che caratterizza questo politico. Sarà terrorizzato dall 'idea di dover tornare a svolgere un lavoro comune (che in molti pagherebbero oro per avere) e non poter più dare ordini a destra e sinistra o pretendere reverenzialità da chi gli sta difronte?

  • Josè Mourinho 2014-07-16 alle 07:35:19

    Dopo tutto questo pistolotto mi sembra che la posizione di Goracci sia molto vicino a quella di Berlusconi, dall'accanimento giudiziario al debole per le donne.
    Unica differenza: il verdetto potrà anche essere diverso, ma il potere della magistratura e' l'unico che ancora in Italia resta impunito.

  • Giuseppe Maria Farneti 2014-07-15 alle 19:17:08

    Voglio sperare, per la dignità dei magistrati che si sono dovuti interessare del(al) caso, che la storia non si chiuda a tarallucci e vino e cioè che non venga perseguito né chi ha fatto“ dichiarazioni false e inconsistenti” né chi è stato vittima di queste. Pur essendo un garantista, credo che un esito del genere contrasterebbe fortemente con la logica, alimentando ancora di più i tanti dubbi che i cittadini hanno in merito all’applicazione in Italia di una giustizia giusta.

Pubblicità .

Crea il tuo Account!

Accetto il regolamento del blog.

 

LiveGubbio ti dà visibilita sul web!

LiveGubbio ti dà la possibilità di sponsorizzare la tua attività, organizzazione, società o partito politico sul web dandoti visibilità 24 ore su 24 su un blog che conta più di 1000 pagine visualizzate al giorno.

Contattaci e troveremo la soluzione che più si adatta alle tue esigenze di marketing, scrivi all'indirizzo:

info@livegubbio.it