Giornale Online
Pubblicità
Pubblicità

FLASH NEWS

Martedì 27 Giugno 2017

i più apprezzati

$('#s1').cycle({
			    fx:      'scrollHorz',
			    prev:   '#prev',
			    next:   '#next',
			    speed:  1000, 
				timeout: 5000
				});
			
Scelgo Gubbio

Dal Blog di

Scelgo Gubbio

Postato il: 2014-10-22 alle 13:42:10

Tags:

Logge dei Tiratori: il progetto non può "saltare"

logge

Attualita

Nell’affrontare il tema “Logge dei Tiratori” ci siamo chiesti come il nostro Comune, che contribuiamo ad amministrare, può trarre il maggior numero di vantaggi dall’operazione, sotto vari profili. Lo stesso approccio va usato con la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, considerando che - pur essendo di proprietà privata - l’edificio ha valenza storica e artistica e dovrà essere trattato, sotto il profilo progettuale, con la massima cautela e attenzione. Ma il progetto delle Logge dei Tiratori non è solamente un progetto di recupero edilizio, ma un intervento che ha ricadute su scala molto più ampia, nei campi della valorizzazione culturale, economica, turistica oltre che naturalmente urbanistica ed edilizia. Tanto più se si pensa che le Logge sono un elemento fondamentale del Quadro strategico di valorizzazione (Qsv) del centro storico che l’amministrazione ha iniziato a redigere e che sarà lo strumento fondamentale attraverso il quale si potrà attingere a forme di finanziamenti europei per il periodo 2014-2020.

E’ necessario un cambio di passo rispetto a come è stata affrontata la questione fino a oggi. I motivi portati a favore o sfavore dell’intervento non hanno mai focalizzato realmente la questione sulle ricadute in termini di sviluppo per il nostro territorio. Come - ad esempio - non si può difendere l’“intervento Logge” dicendo solo che in fase di realizzazione creerà lavoro per le aziende del territorio, o che si chiudono per ripararle dall’intemperie o dai volatili, o che la città ha bisogno di un’altra sala convegni, così come non si può respingere il progetto sostenendo che debbano restare aperte perché è sempre stato così, o interpretando le norme del Piano regolatore per trovare qualche incompatibilità normativa, né tantomeno gridando allo scandalo per la soluzione proposta (tutta da approfondire e verificare) relativa alla chiusura del loggiato, solo perché un soprintendente, in altra città e in contesto totalmente diverso ha negato l’uso del vetro come chiusura.

In ben’altra direzione vanno le più aggiornate tendenze progettuali in tema di conservazione attiva dei beni architettonici, non solo in Italia (Roma, Torino, Palermo) ma in Europa (Parigi, Berlino, Londra), dove le più eclatanti realizzazioni su edifici storici passano solo attraverso la valorizzazione del bene architettonico, che garantisce anche la conservazione e la sopravvivenza del bene e promuove lo sviluppo.

Non abbiamo sentito in passato alcuna presa di posizione su altri interventi, vecchi e recenti, realizzati a Gubbio, quali il bocciodromo, i negozi su via di Fonte Avellana, Piazza San Giovanni, l’edificio residenziale sull’area dell’ex officina Fiat. Nessuno si è scandalizzato o domandato se vi fosse una completa compatibilità con la natura storicizzata dei luoghi o con le norme di Piano regolatore generale.

Il restauro e il riuso delle Logge è per noi un’occasione unica e forse irripetibile di sviluppo della comunità eugubina, a cui non vogliamo rinunciare senza aver tentato ogni possibile approfondimento per una soluzione il più possibile condivisa.

La creazione di uno spazio espositivo di eccellenza per ospitare eventi a carattere internazionale che attraggono ingenti flussi turistici va esattamente nella direzione da noi auspicata e da qui si parte. Ecco allora che si è pensato a una convenzione tra Fondazione Crp e Comune. Non solo per rendere fruibile e aperta al pubblico una struttura monumentale altrimenti interdetta. Ma anche per vincolare la proprietà a organizzare nel contenitore manifestazioni ed eventi di carattere internazionale per attirare migliaia di visitatori, con evidenti ricadute per lo sviluppo economico cittadino. Sviluppo economico che abbiamo immaginato, già durante tutto il periodo della campagna elettorale, come trainato dal settore turistico e dall’indotto che si genera con esso, bilanciando lo spostamento di iniziative commerciali in aree periferiche, che prelude a un ulteriore impoverimento del centro storico.

Il ruolo di forza politica di governo della città ci impone di affrontare il tema in maniera serena ma soprattutto concreta e pragmatica. E vogliamo anche coinvolgere e stimolare quell’ampia maggioranza di cittadini favorevole all’intervento. In questo momento, non sono importanti solo il “se” e il “come” ma anche il “quando”. Infatti, c’é il pericolo reale che l’iniziativa venga accantonata, più per mancanza di tempo che per una reale scelta di merito. E’ ormai di dominio pubblico la notizia che il 28 ottobre ci sarà il Consiglio della Fondazione Crp che dovrà decidere se confermare le risorse destinate alla ristrutturazione delle Logge o intraprendere nuove iniziative progettuali nel Comune di Perugia che intende investire sull’ex teatro Turreno.

A nostro avviso, bisogna agire in maniera tempestiva entro quella data, dare il via libera all’intervento, che peraltro ha tutti i necessari pareri di conformità anche sotto il profilo della tutela dei beni architettonici. Va condizionato alla prescrizione di effettuare una serie di approfondimenti sulla tipologia e modalità di tamponamento (vetri?) che dovranno essere condotti da esperti qualificati, in accordo con il Comune di Gubbio, e valutati sull’esito di alcune simulazioni che la Fondazione si dovrà rendere disponibile a eseguire. All’esito delle verifiche e simulazioni, che saranno condotte con la massima trasparenza e con il coinvolgimento di tutta la città, anche con consulenze, dibattiti, seminari pubblici, rimarrà da decidere solo la modalità di chiusura, ma non se farla o meno, dal momento che uno spazio espositivo di quel livello deve essere chiuso in qualche maniera e climatizzato, per essere vissuto tutto l’anno in ogni stagione.

Siamo convinti che questa sia la strada maestra, per non perdere un’altra occasione di sviluppo del centro storico, così asfissiato dalla nuova espansione anche commerciale per la quale nessuno grida allo scandalo e, cosa non secondaria, senza esporre l’amministrazione comunale a possibili ricorsi, dal momento che la pratica, completa di tutti i pareri e autorizzazioni, non può legittimamente concludersi con un atto di diniego difficile da motivare.

Tutto ciò consentirebbe di arrivare al Consiglio della Fondazione del 28 ottobre con una decisione già presa, scongiurando la possibilità di rimettere in discussione la destinazione dei fondi che potrebbero essere dirottati su Perugia.

Partito l’intervento, i lavori dovrebbero essere completati in 12-14 mesi. In tempo - a quanto pare - per dare il via libera ai due eventi già programmati dalla neo-costituita Fondazione CariPerugia Arte da portare a Gubbio (impegno da mettere in convenzione). Ci riferiamo alla mostra su San Francesco (con il famoso Caravaggio), articolata nelle tre sezioni pittura-scultura-ceramica, e alla mostra sugli animali alati al tempo dei dinosauri direttamente dal Museo di Scienze Naturali di New York (come già avvenne nel 2011), entrambe nel 2016.

Aggiungiamo noi, e lo proporremo con convinzione, che a seguire venga allestito un grande evento sulla “Civiltà degli antichi Umbri” con la presenza temporanea delle Tavole Eugubine nella nuova struttura espositiva, e in accordo con la Soprintendenza Archeologica una ulteriore iniziativa sulla Gubbio Romana che per importanza ed estensione delle opere ritrovate si collocherebbe nel panorama nazionale subito dopo Pompei, Paestum ed Ercolano: “Gubbio Romana - La Guastuglia”.

Questi sono solo esempi di eventi che possono cambiare in modo radicale i numeri del turismo a Gubbio, spronando anche gli operatori privati del settore a promuovere il turismo come volano per lo sviluppo futuro del territorio eugubino. E’ necessario dunque adottare scelte conseguenti, senza strozzare il confronto con la città, né tantomeno l’approfondimento dei temi trattati, anzi promuovendoli.

Adesso però prevale il futuro della nostra città che ci impone scelte che abbiamo il dovere di fare.

Il consiglio direttivo, il gruppo consiliare e gli assessori di Giunta della lista civica Scelgo Gubbio

Commenta l'articoloSCRIVI

  • Comitato Beni Culturali Gubbio 2014-11-25 alle 10:13:45

    Gentile architetto Petrini,
    "...date a Cesare ciò che è di Cesare..."
    Riferendoci al penultimo periodo del Suo intervento, postato si Live Gubbio
    Le facciamo presente che nella relazione della prof.ssa Ambrogi, precedente
    l'intervento di Ettore Sannipoli, si dice testualmente " C'è da chiedersi che fine
    abbiano fatto i 40 stiratoi in legno, che sarebbero stati una memoria storica di rilievo
    da ripristinare, almeno in numero ridotto".
    Quindi la "lampadina" si è accesa dopo tali dichiarazioni della professoressa
    che fa parte del Comitato, il quale rivendica la primogenitura dell'idea
    ed è lieto che l'idea sia piaciuta.
    Si fa altresì notare che la medesima proposta appare, tra le altre, anche
    nell'intervento dell'architetto Teodori che suggerisce che le Logge diventino
    Museo di se stesse.

  • Alessandro Passeri 2014-10-24 alle 16:21:25

    Ribadisco:
    Voi che volete bene a Gubbio e siete così attenti alle tradizioni...
    La sera del Venerdì Santo togliamo la tradizione dei lumini sulle Logge o facciamo i vetri fumè?
    Attendo risposta.

  • Oronzo Canà 2014-10-24 alle 11:47:15

    Per il Dott. VANTAGGI : Caro Giovanni nel mio post che lei ha freddamente glissato con la battuta del 2 a 1 sollevavo delle perplessità a livello amministrativo che qui le riporto sinteticamente :
    1)-La maggioranza non sembra avere una idea precisa sul da farsi a più di 4 mesi dal suo insediamento. Ma la cosa PIU' SCONVOLGENTE è che il "problema delle Logge" ERA BEN CHIARO FIN DALL'INIZIO DELLA CAMPAGNA ELETTORALE. Premesso questo ma VOI SIETE ANDATI ALLE ELEZIONI UNITI SENZA PRIMA AVER CHIARITO QUALE POSIZIONE PRENDERE SULLA VICENDA?
    2)-Ma in questi 4 mesi un telefonata alla Fondazione per concordare dei tempi di risposta non l'avete fatta? Ma un soggetto che ha in animo di spendere 3 milioni di euro (diciamo 1 per le opere e 2 per i vetri) non credete che almeno andava convocato per decidere un programma per la valutazione dell'intervento?

    Se vuole può postare i suoi pensieri in merito alle mie osservazioni qui sotto altrimenti non risponda (Come non ha risposto sulla questione di legittimità di Terra Mater, domanda che le rivolsi alcuni giorni fa) che non succede niente.

    Ma glissare con una battuta non le si addice... Tutto qui! Questione di stile!

    • Giovanni Vantaggi 2014-10-25 alle 14:39:34

      Caro Cana' sono ad un congresso, ho un momento di pausa, le dico semplicemente che probabilmente o non sa il significato di glissare o salta a piedi pari le mie risposte o ... fa finta. Un'ultima cosa, ammiro la sua capacità di arrampicarsi sugli specchi, anzi sui vetri, o di saper rigirare le frittate!

    • Oronzo Canà 2014-10-26 alle 00:12:57

      Dott. Vantaggi, a casa mia il termine glissare ha questo significato :”fare finta di non aver visto o sentito qualcosa o comportarsi come se non si fosse visto o sentito qualcosa, EVITANDO VOLUTAMENTE DI APPROFONDIRE LA QUESTIONE E “PASSANDO” OLTRE”.
      Nel mio post del 2014-10-23 alle 11:21:06 che trova scorrendo qui sotto, avevo posto alcune domane (non a lei) a Scelgo Gubbio, e in un piccolo inciso (utilizzato per chiarire che il grosso della spesa andava per l’acquisto dei vetri) ho stimato, molto grossolanamente, una ripartizione di spesa tra l’acquisto dei vetri (2 milioni) e la loro installazione più oneri (1 milione).
      Nella sua risposta del 2014-10-23 alle 12:14:04 (che trova sempre qui sotto) mi citava con una battuta riproponendo il dilemma della ricaduta economica dell’intervento sulla nostra comunità.
      Io quel post , visto che mi citava, ho ritenuto che fosse una battuta di risposta alle mie domande e per questo le ho riproposto le medesime domande che rivolgevo a Scelgo Gubbio, Sindaco e Liberi Democratici.
      Io ad oggi non ho avuto risposta da lei, (come non ho avuto risposta sulla legittimità dell’operato di Terra Mater) ed il fatto di chiudere con una battuta o tirare fuori altri argomenti senza rispondere alle mie domande lo ritengo “GLISSARE” . Questo suo “passare” oltre si addice molto al termine Glissare.
      Probabilmente la sua confusione è nata dalla lontananza delle risposte e dai numerosi post che affollano questo articolo ma ritengo legittimo l’uso del termine.
      Per il resto proprio non la capisco! In che occasione avrei “rigirato la frittata”? Di solito chi usa questo comportamento lo fa con lo scopo di avere sempre ragione! Considerato che sono l’unico in questo blog che chiede scusa per i messaggi male interpretati che posto (quindi l’unico che fa autocritica) credo che tutto mi si possa attribuire tranne i suoi “complimenti”.

  • Oronzo Canà 2014-10-24 alle 11:18:39

    Per SANNIPOLI: Caro Gianluca ma perché se io scrivo IMMOBILISO, lei mi aggiunge edilizio e mi sposta il centro del mio ragionamento sugli abusi edilizi perpetrati dagli anni 60 ad oggi? Perché non la smette di stravolgere i pensieri degli altri modificandoli a suo piacimento?
    Mentre alla domanda legittima sul PUC1 le rispondo sempre allo stesso modo (come già più volte ho scritto) L'IDEA IN SE NON ERA MALE (anche se la stecca fuori terra non ho potuto valutarla da Rendering e progetti dettagliati e quindi non ho elementi per un giudizio definitivo a livello estetico), IL PROBLEMA E' CHE COSI' COME PENSATO (tra le altre cose l'affitto trentennale di alcuni vani e parcheggi) ERA E SI E' DIMOSTRATO IRREALIZZABILE. QUANDO VENNI A SAPERE DEI DETTAGLI DELL'OPERAZIONE HO STORTO IL NASO PENSANDO CHE SAREBBE DIVENTATO UN FLOP COSI' COME E' STATO.
    Ma io non sono un tecnico! MI STUPISCE CHE PERSONE QUALIFICATE NON HANNO VISTO CIO' CHE ERA EVIDENTE!
    Lì però siete stati tutti in religioso silenzio ad accettare supinamente le direttive dell'Amministrazione! MOLTO STRANA QUESTA DIFFORMITA' DI COMPORTAMENTO SU VICENDE ANALOGHE.
    Non dovevo tirare su barricate IO che sono tendenzialmente concorde sia su San Pietro che sulle Logge MA VOI CHE AVETE TANTA PAURA DEGLI INTERVENTI EDILIZI! MA A QUANTO PARE SOLO SU QUELLI PROPOSTI DA CERTE PERSONE O ENTI....

  • Alessandro Passeri 2014-10-23 alle 17:34:55

    E no caro Cico Tarzan catastrofista per i piccioni no, magari per le tonnellate di cristallo si, ma per i piccioni no! :-)
    Quello è un fatto certo, qualsiasi volatile potrà sfracellarsi contro le vetrate ingannato dai riflessi. Ha visto mai i pannelli fonoassorbenti delle nostre autostrade con le sagome adesive dei rapaci? Ecco servono proprio a questo. Anche nello stadio di Gualdo Tadino le hanno messe pensa che carini sono stati!
    Comunque consideri che il vetro ha un peso specifico (2,40-2,70 kg/dm3) circa doppio rispetto al cemento (cemento 1,40 kg/dm3) e circa pari al granito (2,50-3,00 kg/dm3). Immagini lei cosa significano quelle tamponature aldilà delle presunte trasparenze.
    E' vero pure che a Genova hanno autorizzato tutto e ora valli a trovare i responsabili quindi, avanti così!
    Concordo infine (strano ma vero) con Oronzo Canà sulle valutazioni in merito alla politica. Progetto si, progetto no, non si decide con tale superficialità e fretta quando è più di un anno che se ne discute.
    Dopo ti fanno anche pensar male!


    • Alessandro Passeri 2014-10-23 alle 17:40:44

      e.c.:servono proprio a questo cioè a spaventare gli altri volatili evitandogli lo schianto. Scusate ma la foga di questi giorni mi continua a tradire. Tra poco passerà la "neuro" a prendermi e qualcuno ne sarà felice.
      Saluti

  • Marco Fanucci 2014-10-23 alle 16:03:25

    Chiedo perdono, ma mi devo ripetere. Per mia sventura, ho una specie di monomania per il pd e per tutte le sue articolazioni Pd1, pd2 correnti, correntine, correntoni, margherite, querce, cespugli e via discorrendo. Un amore mai corrisposto, devo dire.
    In questo momento sospiro per il pd2, ufficialmente denominato Liberi e Democratici, che a quanto pare sta diventando sordo quasi quanto il pd1.

    Sono in attesa di conoscere la posizione ufficiale di Liberi e Democratici. Se ancora il movimento (corrente del pd, gruppo, non so come chiamarlo) non ha una posizione ufficiale, credo che in tempi strettissimi la debba formulare e rendere pubblica.
    Non è possibile che il partito (mi spiace, non so come chiamarlo) di maggioranza relativa non abbia ancora assunto un punto di vista chiaro e dirimente su un tema così importante per la storia della nostra comunità.
    Se la linea del gruppo è aderente al convincimento del sindaco (quando era professore, il convincimento di costui era di un altro segno, ma tant'è!) ovvero di apprezzamento e sostegno al progetto di vetrificazione, lo si faccia sapere ai cittadini. E si faccia anche sapere se all'interno ci siano delle divergenze, delle spaccature; insomma una mancata unanimità. Potrebbe aprirsi una crisi politica, anche se dubito che il comunicato redatto da Scelgo Gubbio non sia stato concordato con i vertici di Liberi e Democratici. Sicuramente è stato avallato dal sindaco.

  • dirittodinonvoto dirittodinonvoto 2014-10-23 alle 15:30:03

    Inchiesta Trust: prime richieste di risarcimento

    Finalmente arrivano le prime buone notizie..... I risultati ci sono stati in tutti i lunghi anni del lungo regime politico eugubini la colpa è solo la nostra come cittadini che non riusciamo a vederli.

  • Comitato Beni Culturali Gubbio 2014-10-23 alle 14:59:25

    Ecco un brano estratto dal lungo intervento, pubblicato oggi, su LIVE GUBBIO, dell’Ing. PAOLO BERDINI, un curriculum chilometrico, autore, insieme ad altri, del libro “Le mani sulla città”, edito nel 2011.
    “COMPRENDO BENISSIMO - scrive Berdini - CHE PER LA PROPRIETÀ AUMENTARE LA VOLUMETRIA DEL PROPRIO EDIFICIO È UN RISULTATO PREZIOSO, SPECIE IN TEMPI DI CRISI DEL SETTORE BANCARIO E DELLA PRODUZIONE DEL CEMENTO. QUEL VALORE IMMOBILIARE VERREBBE INFATTI AUMENTATO DI QUATTRO O CINQUE VOLTE RISPETTO A QUELLO ATTUALE E TEMO CHE SIA QUESTO IL VERO MOTIVO DELLA MINACCIA DEL 28 OTTOBRE.”

  • Comitato Beni Culturali Gubbio 2014-10-23 alle 13:40:38

    Eravamo andati a stampare il nostro prossimo manifesto, che sarà sulle plance da Lunedì, per cui abbiamo potuto leggere solo ora quanto scritto dal Sig Gagliardi alle ore 09:11:35.

    La "vista corta" di quanti riconducono l'operazione Logge alla immediata ricaduta commerciale dell'investimento è la dimostrazione di quanta debolezza e "povertà" di pensiero muova certi "istinti".

    Ricollegandoci a quanto appena scritto da Leo Alberti non si tratterà di una RICADUTA ma di una vera e propria CADUTA!!! Un tonfo enorme con detriti che inonderanno anche il Colle Eletto!

  • Leo Alberti 2014-10-23 alle 13:26:02

    State tranquilli: il Progetto non “SALTERÀ”, in compenso “SALTERÀ” tutto il monumento alla prima violenta scossa di terremoto. E poi ci sarà il rimpallo delle responsabilità… Non vorrei essere nei panni degli ingegneri che metteranno la firma su questo progetto devastante. A Genova, soggetta alle alluvioni, hanno cementificato il letto dei fiumi e canali per allagarsi prima. A Gubbio, soggetta ai terremoti, carichiamo un monumento con tonnellate di cristalli per farlo cadere prima… Complimenti a tutti!

    • Cico Tarzan 2014-10-23 alle 13:36:21

      Ci mancava il terremoto oltre alla moria di volatili,catastrofista , mi sembra che non abiti a Gubbio se non vado errato, vedi di non gufare...direbbe Renzi.

    • Giusto Speranza 2014-10-23 alle 19:20:06

      Per Cico. Non per essere catastrofista, ma a Gubbio, ogni tanto, Buffa (Siamo sempre indietro ed ilclima tropicale è dilà dall'arrivare)! Te le immagini le vetrate "autopulenti" con tutta la neve picicchiata sopra?

    • Cico Tarzan 2014-10-23 alle 19:27:51

      Scusa ma mi deve credere, non capisco se siete seri o la volete mandate in barzelletta!

    • Giusto Speranza 2014-10-23 alle 21:10:58

      Caro Cico. Purtroppo siamo tutti seri! Seri lo siamo tutti, perchè tutti cerchiamo di trovare la strada per la crescita della nostra Città (Con la C maiuscola). Ma vedi Cico (Ti dò del tu), i ricatti, specie nei riguardi di chi è in difficoltà, francamente mi irritano, e fanno scaturire in me una specie di rabbia. Invece di dire si, mi incaponisco e .... ; più botte mi dava mia madre e più dicevo di no! Comunque non me dì che il tempo non è più come 'na volta (Scherzo)!

  • Cico Tarzan 2014-10-23 alle 12:35:29


    Non dimenticarti caro Oronzo che questi signori hanno tradito l'elettorato di centrodestra solamente per andare ad amministrare. Sin da subito sono emerse le perplessita' che rilevi ora. L'architetto Fanucci sempre coerente con se stesso ha fatto notare ripetutamente al consigliere Gagliardi di avere intercettato solo il 2% dell'elettorato moderato (gongolando molto) adesso purtroppo per lui (l'architetto) e per noi , non gongola piu'. Dico per noi perchè siamo condannati a vivere in un comune mal amministrato da sempre dagli stessi che si dispregiano fra di loro e la prova inconfutabile è questo nodo che viene al pettine . Vedi i post di rifondazione piuttosto che quelli del pd1 del pd2 dei comitati che sono gli stessi, che si accusano facendo a gara su chi ha amministrato peggio. A Fanucci gli vorrei dire che se fa un po' di mente locale ricordera' che, alla storia di amministratori ce ne sono passati gia' parecchi, Stirati poveraccio deve solo decidere se fare anche il record, visto che non si trova in una bella situazione. Se il progetto si fara' e non avra' le aspettative che dicono sarebbero ...azzi amari altrimenti fara' perdere una grossa opportunita' alla citta', l'unica via d'uscita che dovrebbe perseguire vista anche l'inadeguatezza dimostrata fino ad oggi a mio modo di vedere è dimettersi. Caro dottor Vantaggi come al solito vanifica le sue rimostranze, lo scopo di riqualificare le logge non è comperare i vetri fuori o dentro le mura,ma saranno i vantaggi che ne conseguono, nel tempo, in base all'uso per le quali saranno destinate e sfruttate questo è chiaro e facilmente comprensibile da sempre.

    • Oronzo Canà 2014-10-23 alle 12:43:27

      Caro Cico qui il problema è grosso e parecchio! Non è il SI o il NO al progetto LOGGE, ma siamo in totale sbando amministrativo! Già divisi al primo problema che era già noto in campagna elettorale!!!
      MA NON SI SONO PARLATI PER NIENTE MENTRE DECIDEVANO DI CERCARE DI AMMINISTRARE LA CITTA'?
      Continuo ad aspettare risposte!!!
      RIPETO FINO ALLA NAUSEA CHE AMMINISTRARE NON E' AVERE UNA DELEGA IN BIANCO!!!
      DEVONO CHIARIRE QUANTO PRIMA LA POSIZIONE SULLE LOGGE. 4 mesi mi sembra un tempo sufficiente per caprie cosa si vuole fare!!!
      Sig. Bazzurri, visto che lei è l'unico che dialoga con la città ci spiega un po' meglio la situazione? GRAZIE

  • Giovanni Vantaggi 2014-10-23 alle 12:14:04

    RIPONGO la domanda:
    quanti di questi sbandierati 3.000.000 di euro rimarrebbero a Gubbio e "risolleverebbero" l'economia eugubina? "
    Canà dice 2 a 1 ...
    CHI OFFRE DI PIU'?

    • Oronzo Canà 2014-10-23 alle 12:21:16

      Dott. VANTAGGI le ripropongo una mia riflessione sul costo delle vetrate che ho fatto qualche giorno fa. Spero chiarisca il mio pensiero. il 2 a 1 non era un risultato ma volevo essere il più chiaro possibile con chi legge. Era per sottolineare che forse il grosso della spesa non ricadrà direttamente su Gubbio ma credo che comunque sia una cifra importante.

      ....Ma anche se le vetrate incidessero l'80% e quindi per le ditte locali rimarrebbe €.540.000,00 euretti €. 300.000,00 per le casse comunali vi fa schifo? In più avremmo uno spazio pubblico riconsegnato alla città gratuitamente.
      L'alternativa sarebbe: Espropriare l'immobile €. 1.000.000,00 (ci può stare?) Ristrutturare senza vetrate €.540.000,00 (ma questa volta i soldini li dobbiamo mettere noi e dove li prendiamo?) e avremmo una bella piazza pensile aperta al pubblico e ai PICCIONI, UTILIZZABILE 60 giorni l'anno! (se ci va bene visto che l'estate qui più o meno non dura di più)
      Quindi da più 840.000,00 a meno €. 1.540.000,00. Questo conteggio molto per difetto a mio avviso! Ma senza considerare che il primo intervento durerebbe 1 anno a dirla grassa mentre il secondo, se viene gestito come il Puc1, non si sa quanto!
      A beh e vero! dimenticavo, Voi pretendete che i soldi li metta la fondazione e l'immobile ce lo regali!
      Scusate ma chi vi ha insegnato la matematica alle elementari?

  • Giovanni Vantaggi 2014-10-23 alle 12:14:04

    RIPONGO la domanda:
    quanti di questi sbandierati 3.000.000 di euro rimarrebbero a Gubbio e "risolleverebbero" l'economia eugubina? "
    Canà dice 2 a 1 ...
    CHI OFFRE DI PIU'?

    • Oronzo Canà 2014-10-23 alle 12:25:48

      A parte che dicevo 1 a 2 e c'è un po' di differenza. Ma le altre osservazioni? Le trova legittime? Lei, al di là del si o del NO non avrebbe chiarito prima con la sua coalizione la linea da tenere? Lei non avrebbe concordato dei tempi con la Fondazione per chiarire definitivamente se fare o no l'intervento?
      Spero mi risponda

    • Giovanni Vantaggi 2014-10-23 alle 15:42:30

      Mia coalizione??? di mio ho il nome e cognome anzi nemmeno quello perchè per l'anagrafe sono Giovanni, ma da sempre mi chiamano tutti: Gianni... quindi!
      Riguardo ad altre considerazioni... mi sembra che l'URBASNISTA Paolo BERDINI abbia risposto a tutte le questioni poste da "scelgo Gubbio" e da altri.

    • Oronzo Canà 2014-10-23 alle 16:17:10

      Colpa mia Dott.Vantaggi ho chiesto troppo! Quello di mettersi nei panni del Sindaco! Era una semplice richiesta di valutazione dell'operato della coalizione del Sindaco.
      Come non detto, rinuncio.
      Per il resto, sempre a mio avviso, è inutile che continuate a riempirvi la bocca di emeriti pareri. Se ne troverebbero centomila e favore ed altrettanti contro. Quello che conta è la Legge e i pareri emessi DAGLI ORGANI PREPOSTI ALLA VIGILANZA SULLE COSTRUZIONI. Il resto è aria fritta

    • Marco Fanucci 2014-10-23 alle 16:19:00

      Canà, lei è un vetraio?

    • Oronzo Canà 2014-10-23 alle 16:31:18

      Sono un semplice cittadino che ha a cuore la sua città DEVASTATA DA 70 DI IMMOBILISMO!!!
      Però quando il compagno chiama tutti all'approvazione del PUC1 non c'è nessuno che osi obbiettare!!!!
      Come mai? ne una parola da un Architetto ne da un Dottore ne da un semplice cittadino!!
      Ma quando la proposta viene da un imprenditore si mobilita anche il Presidente della Repubblica con lettere disgustosamente ILLEGITTIME!
      Questo quadretto mi contraria molto!

    • Marco Fanucci 2014-10-23 alle 16:41:54

      Vero Oronzo, lei però confonde, (e non è il solo) un'azienda privata con una Fondazione bancaria.

    • Gianluca Sannipoli 2014-10-23 alle 16:44:27

      Oronzo la pianura di Gubbio (e mi riferisco solo alla parte entro la variante) è stata costruita interamente dagli anni 60. Immobilismo edilizio? Quanto al Puc 1 quando venne presentato c'erano almeno 200 persone a santo spirito di tutte le estrazioni politiche e sociali. Non si levò una voce, forse perché le ditte in ballo erano tutte eugubine... Lei dov'era quel giorno? Aveva allenamento?

    • Giovanni Vantaggi 2014-10-23 alle 17:54:02

      Canà dice 2 a 1 chi offre di più, pensavo, capisse che era una battuta! riguardo alle altre cose che reitera, ho scritto talemente tante volte, anche recentemente sul PRG... Riguardo al mettermi nei panni del Sindaco... comprendo al punto che, i pareri AUTOREVOLI (ricordo che Berdini è un Ingegnere Urbanista) dovrebbero servire al Sindaco che conosce benissimo non solo il mio spirito e collaborativo ma anche sostanziale e contenutistico riguardo alle problematiche di cui sono ritenuto esperto... Tra l'altro il primo che disse di sentire dei pareri autorevoli: Settis, Sgarbi... se va a rivedere, fui proprio io!
      "Giovanni Vantaggi 2014-01-06 alle 18:13:22 Troviamo allora una forma che consenta di avere pareri autorevoli, terzi, aspettando magari che si insedi la nuova amministrazione comunale.
      Non penso che l'invito per un convegno (=1 giorno e una notte) per persone che hanno a cuore l'arte, il paesaggio e il bene comune come dicono e hanno scritto nei loro libri, determini un costo esorbitante per la futura amministrazione...., mi sembra opportuno formarsi un'opinione grazie a persone sicuramente competenti"... E... fu portato in elicottero, Sgarbi Gubbio di cui penso tutti abbiamo visto l'intervista fatta dal solerte Marinelli su trg.
      Quindi ho sempre detto, sulle Logge, che non sono un esperto, ho solo espresso semplicemente il mio parere e fatto domande su chi ci guadagna di Gubbio e quanto rimane a Gubbio dei famosi 3 milioni. Domande semplicissime, a cui NON HO MAI AVUTO RISPOSTE!.

  • Marco Fanucci 2014-10-23 alle 11:50:03

    Mi arrendo al suo ottimismo. Una volta terminati i lavori, salirò sul tetto delle ex-logge e isserò la bandiera della rinascita eugubina. Avrò in faccia un sorriso a trentadue denti!

  • Oronzo Canà 2014-10-23 alle 11:21:06

    Leggendo questo volantino a basso costo di Scelgo Gubbio, al mio entusiasmo iniziale, (dovuto al titolo schietto e sincero ed ai più di 145 mi piace) è subentrato un forte sconcerto nel leggere le firme in calce.
    Il VOLANTINO PUBBLICITARIO porta le sole firme di una parte della maggioranza e non del Sindaco e di Liberi e Democratici (la restante parte della maggioranza).
    Quindi i miei dubbi, che spero qualche rappresentante politico mi chiarisca al più presto sono i seguenti:
    1)-La maggioranza non sembra avere una idea precisa sul da farsi a più di 4 mesi dal suo insediamento. Ma la cosa PIU' SCONVOLGENTE è che il "problema delle Logge" ERA BEN CHIARO FIN DALL'INIZIO DELLA CAMPAGNA ELETTORALE. Premesso questo ma VOI SIETE ANDATI ALLE ELEZIONI UNITI SENZA PRIMA AVER CHIARITO QUALE POSIZIONE PRENDERE SULLA VICENDA?
    2)-Ma in questi 4 mesi un telefonata alla Fondazione per concordare dei tempi di risposta non l'avete fatta? Ma un soggetto che ha in animo di spendere 3 milioni di euro (diciamo 1 per le opere e 2 per i vetri) non credete che almeno andava convocato per decidere un programma per la valutazione dell'intervento?

    IO RIMANGO ALLIBITO DA QUESTA SUPERFICIALITA' SPERO DI ESSERE CONTRADDETTO IL PRIMA POSSIBILE PERCHE' IL QUADRO E' DESOLANTE AL DI LA' DEL PROGETTO SI O PROGETTO NO!

    Gentile Architetto Fanucci questa è la politica che le piace? A me sembra più dilettanti allo sbaraglio!

    Tranquilli tra tre mesi arriva il nuovo commissario! E ciao Logge!

    E' stato bello sognare! Ma siamo incapaci a gestirci... abbiamo bisogno del sostegno!

    • Marco Fanucci 2014-10-23 alle 11:30:57

      Di cosa si lamenta: è tutto deciso. Avrà le sue vetrate!

    • Oronzo Canà 2014-10-23 alle 11:35:40

      Mi lamento di questa approssimazione nel valutare questioni cosi fondamentali per la città.
      Al di là del Si e del NO ci vorrebbe un po' più di rispetto per chi ha in animo di spendere 3 milioni di euro per la nostra città.
      Io mi auguro di avere le vetrate e di trovarmi tra un anno a valutare insieme a lei se l'intervento ha avuto il successo e rientro economico che io credo.
      MA HO FORTI DUBBI CHE SI FARA'

    • Marco Fanucci 2014-10-23 alle 11:42:24

      Successo economico?

    • Marco Fanucci 2014-10-23 alle 11:43:01

      Di cosa sta parlando: Gubbio è piena di spazi espositivi.

    • Marco Fanucci 2014-10-23 alle 11:43:28

      È proprio un fighter, lei!

    • Oronzo Canà 2014-10-23 alle 11:45:46

      Si Architetto, credo che con dei bei Eventi potremo vedere tanta gente in giro per Gubbio. Ecco cosa intendo per rientro economico.

    • Oronzo Canà 2014-10-23 alle 11:52:03

      Uno spazio espositivo come quello delle Logge non lo avrebbe nessuno! A volte è gratificante essere unici!
      Grazie per il "fighter" lo prendo come un complimento!

  • Marco Fanucci 2014-10-23 alle 11:00:24

    Sono in attesa di conoscere la posizione ufficiale di Liberi e Democratici. Se ancora il movimento (corrente del pd, gruppo, non so come chiamarlo) non ha una posizione ufficiale, credo che in tempi strettissimi la debba formulare e rendere pubblica.
    Non è possibile che il partito (mi spiace, non so come chiamarlo) di maggioranza relativa non abbia ancora assunto un punto di vista chiaro e dirimente su un tema così importante per la storia della nostra comunità.
    Se la linea del gruppo è aderente al convincimento del sindaco (quando era professore, il convincimento di costui era di un altro segno, ma tant'è!) ovvero di apprezzamento e sostegno al progetto di vetrificazione, lo si faccia sapere ai cittadini. E si faccia anche sapere se all'interno ci siano delle divergenze, delle spaccature; insomma una mancata unanimità. Potrebbe aprirsi una crisi politica, anche se dubito che il comunicato redatto da Scelgo Gubbio non sia stato concordato con i vertici di Liberi e Democratici. Sicuramente è stato avallato dal sindaco.

    • Oronzo Canà 2014-10-23 alle 11:22:38

      Credo che la forma sia sostanza! Se non lo ha firmato vuol dire che non lo condivide!!

  • Oronzo Canà 2014-10-23 alle 10:57:57

    Sig. SCAVIZZI continuare a dire che l'intervento delle Logge porterebbe ad un aumento di cubatura è la falsità più grossa che ho mai sentito! Come già ho fatto presente all'Arch.Fanucci, (che sosteneva questa tesi e ora non più visto la parziale retromarcia fatta nel post del 2014-07-25 alle 12:36:31 sull'articolo L'interrogazione del consigliere Gagliardi sulla questione Terra Mater) LE RIPROPONGO ALCUNE OSSERVAZIONI CHE ALLE QUALI SPERO NON SI SOTTRAGGA ALLA RISPOSTA.

    Premetto che non sono a conoscenza nel dettaglio del progetto delle Logge come lei, ma vorrei capire meglio alcune sue affermazioni come quella su di un fantomatico aumento di volume che si verrebbe a creare!
    Considerato che non c'è sopraelevazione com'è possibile che la semplice installazione di una vetrata aumenti il volume dell'edificio? Evidentemente lei classifica quel loggiato (che per anni è stato utilizzato anche come "laboratorio artigianale", visto che ci lavoravano la lana se non erro) come un portico di un qualsiasi fabbricato senza tenere minimamente in considerazione dell'uso che per anni ne è stato fatto (Le vorrei far notare che pure un Fienile non ha tamponature ma fa comunque volumetria...).
    Ma la cosa che mi preoccupa di più della sua affermazione, se fosse vera, è che la parte fuori terra del parcheggio di San Pietro (PUC1) sarebbe una forzatura pure quella? Ne consegue quindi che pure il PUC1 sarebbe illegittimo? E se fosse illegittimo e ci togliessero il contributo di 3 milioni di euro chi PAGHEREBBE?
    Questa si che sarebbe una baracca altro che il progetto delle Logge!
    Ma lei Sig. SCAVIZZI ha qualche responsabilità nell'approvazione del PUC1?
    Perché l'aumento di cubatura a San Pietro SI e sul progetto delle LOGGE (che non c'è aumento) NO?

    ATTENDO FIDUCIOSO UN SUO CHIARIMENTO!

    • Marco Fanucci 2014-10-23 alle 10:59:35

      I dubbi che si configuri un aumento di cubatura, ce li ho tutti. Bisognerebbe chiedere la consulenza di qualche esperto in materia di legislazione urbanistica.

    • Marco Fanucci 2014-10-23 alle 11:01:31

      E probabilmente questa consulenza verrà chiesta, vista la pervicacia con cui si vuole procedere.

    • Oronzo Canà 2014-10-23 alle 11:31:38

      Gentile Arch. Fanucci, non le volevo mettere in bocca cose che non ha detto. Dalla sua sicurezza iniziale però ora lascia spazio al dubbio.
      Invito tutti, per evitare fraintendimenti, a leggere il post del 2014-07-25 alle 12:36:31 sull'articolo "L'interrogazione del consigliere Gagliardi sulla questione Terra Mater" dove la posizione dell'Arch.Fanucci è più chiara.
      Per parziale retromarcia volevo sottolineare che dalla certezza è passato ad avere dei dubbi!
      Io rimango convinto che non esiste alcun aumento di cubatura.

    • Marco Fanucci 2014-10-23 alle 11:40:15

      Canà, io non le sue certezze, spesso mi guardo allo specchio e faccio fatica a riconoscermi, si figuri se posso avere delle certezze in una materia complessa e cavillosa come la legislazione urbanistica. Notai, nei commenti che scrissi a cui lei ora fa riferimento, delle possibili contraddizioni, delle criticità sull'interpretazione delle cubature. Il ragionamento nasceva dal confronto tra le norme del prg e le norme regionali che sono più cogenti. Tutto qui. Chissà, magari qualcuno vorrà sottoporre i miei amletismi urbanistici a chi se ne intende.

    • Oronzo Canà 2014-10-23 alle 11:47:29

      Sarebbe da dilettanti non averlo già fatto!

  • Alessandro Bocci 2014-10-23 alle 10:35:24

    Fermo restando che condivido appieno quanto detto da "dirittodinonvoto dirittodinonvoto" e da Gagliardi, se non ci sono violazioni di legge ed essendo proprietà privata c'è poco da fare. Rimane l'importanza per la città; consideriamo allora che le Logge non vengano toccate e rimanga tutto esattamente come è. Siamo sicuri che sia meglio, rispetto ad un eventuale progetto di rinnovamento? Per quel che mi riguarda infatti è il COME effettuare tale riqualificazione e non tanto il fatto di realizzarla. Ma so per certo che quando si attacca un progetto di questo tipo così violentemente, il prrogetto in sè è in secondo piano. Come detto anche da altri,gli stessi toni e stracciamento delle vesti si sarebbero dovuti usare anche in altre occasioni e invece...zitti e muti, tanto i soldi erano pubblici.

    • Marco Fanucci 2014-10-23 alle 10:54:39

      Non credo di essere il destinatario di questa sua osservazione. Sono mesi che scrivo della necessità e dell'urgenza di riqualificare l'area.
      Il problema è il come si riqualifica. Così non funziona: la cura è peggiore del male.
      Perché la Fondazione non abbandona i desideri di vetrificazione per cercare la migliore soluzione, sottoponendo, di concerto con l'amministrazione, lo studio dell'area ad un concorso di idee e/o di progettazione.
      Questa della vetrificazione di un volume del genere, mi sembra, in tutta sincerità, un capriccio un po' infantile.

  • leonardo clementi 2014-10-23 alle 10:09:24

    Non sartà per caso che tutto questo asservimento a favore del progetto logge è dovuto dal fatto che dietro c'è una certa persona invidiata da mezza gubbio

  • massimo rama 2014-10-23 alle 09:49:47

    Non sartà per caso che tutto questo accanimento contro il progetto logge è dovuto dal fatto che dietro c'è una certa persona invidiata da mezza gubbio

  • dirittodinonvoto dirittodinonvoto 2014-10-23 alle 09:16:16

    In tutta questa storia c'è una cosa che mi lascia perplesso e non è in merito al progetto che può o non può piacere è il fatto di tanto accanimento da parte di pseudo associazioni e via dicendo contro delle figure piuttosto che contro lo stesso progetto.
    La domanda che mi faccio è questa? Ma tutti quelli che sono contro la riqualificazione delle logge dov'erano quando costruivano il mostro di San Pietro e dov'erano quando per vent'anni i nostri amministratori affondavano economicamente e culturalmente questa città.

    Sabato sono rimasto sorpreso quando Borsellino pronunciava queste parole "questa città è la vostra", parole seguite dall'applauso dei presenti meno uno. Sapete chi era quel meno uno? Uno che ancora prende uno stipendio pubblico, uno che ancora si permette di girare a testa alta con il ghigno in bocca, uno che è tra gli attori principali della ragnatela di favoritismi costruita negli anni in questa città.
    Per essere credibili voi tutti contestatori prima dovreste liberarvi del passato e invece ancora l'accettate.

    Tornando al progetto riqualificazione logge, personalmente nutro dei dubbi estetici ma dato che questa è la strada ritengo che se l'amministrazione è intelligente dovrebbe cercare di ottenere il massimo da questa operazione magari includendo in questo progetto anche la tanto attesa i riqualificazione di Piazza 40 Martiri che è veramente schifosa come biglietto da visita e vado oltre magari cedendo una parte del vecchio ospedale alla banca per il trasferimento della sede che ora si trova sotto le Logge e il conseguente riutilizzo degli spazi sotto le Logge per creare il miglior biglietto da visita di Gubbio al turista che arriva in città.

    • Oronzo Canà 2014-10-23 alle 10:40:47

      Credo gentile sig. che un rappresentante del Comitato era addirittura in Comune ad approvare il progetto PUC1!
      Si figuri se il problema è il progetto!
      Il problema grosso è chi lo propone...

  • Francesco Gagliardi 2014-10-23 alle 09:11:35

    La "vista corta" di quanti riconducono l'operazione Logge alla immediata ricaduta commerciale dell'investimento è la dimostrazione di quanta debolezza e "povertà" di pensiero muova certi "istinti".

    Mi ricordano molto il "pensiero unico" di bolscevica memoria. E mi ricordano i mostruosi edifici "popolari" delle città violentate dai comunisti (Belgrado, una delle tante), costruiti per dare un tetto alla gente. Un'architettura di regime da fare spavento.

  • Maria Grazia Fiorucci 2014-10-23 alle 09:02:24

    Si ha il coraggio di far cambiare denominazione ad uno dei nostri principali monumenti (da Logge dei Tiratori a Salone tecnologico) e non si ha il coraggio di dire agli Eugubini quanto costano le vetrate!

  • Giovanni Vantaggi 2014-10-23 alle 08:15:20

    Viste le informazioni di cui solo voi "sceglisti eugubini" siete in possesso come fatto notare anche da Angeloni rispondete finalmente alla domanda che faccio da giorni e giorni? Quale ditta eugubina costruisce e/o sarebbe in grado di fare e montare sti maledetti vetri? Chi farebbe le Intelaiutare per reggere 2.5 tonnellate per complessive 80 ton? Grazie

    • Giovanni Vantaggi 2014-10-23 alle 08:46:07

      Giusto per sapere quanti di questi sbandierati 3.000.000 di euro rimarrebbero a Gubbio e "risolleverebbero" l'economia eugubina!

  • Francesco Gagliardi 2014-10-23 alle 08:15:14

    Buongiorno Fanucci,
    Lei è intervenuto, su questa ed altre questioni, con osservazioni di carattere squisitamente tecnico. Ha una Sua "sensibilità" non solo estetica che La orienta nell'assumere le posizioni che esterna.

    Bene.

    Prenda nettamente le distanze da quanto in queste ore "blaterano" di servilismo al potere, di supino favoreggiamento ai giganti dell'economia. Da quanti, insomma, hanno tirato fuori le solite e consunte bandiere della "lotta di classe" da issare sul Loggiato "de la piazza". Lo faccia per non finire "affogato" dentro il mare agitato della convenienza politica (il comunicato del giovine Casagrande rifondarolo docet).

    Sta tutto in questo la serietà dell'approccio alla questione. Se mi permette, trovo differenza tra Lei e i novelli comitato di salute pubblica in difesa della rana nel pozzo.

    • Marco Fanucci 2014-10-23 alle 08:21:15

      Guardi, io ho un approccio laico, che più laico non si può. Però da certe parti vedo un ossequio e un aziendalismo che sfiora il grottesco. Non è il suo caso, ovviamente.

  • Francesco Gagliardi 2014-10-23 alle 07:50:11

    Ho denunciato, e continuerò a farlo, tutte le decisioni che - a mio avviso - detrrminano un cattivo uso o addirittura uno sperpero di danaro pubblico. Mi rendo conto che per qualcuno il tema diventa rilevante solo quando le "sacocce" sono le sue. Quando, invece, è Pantalone a pagare allora le preoccupazioni svaniscono.

    Facendo la somma dei soldi, spesi malamente dalla Giunta Stirati in questi primi mesi di esperienza amministrativa, si ottiene una cifra corrispondente all'intera TASI. Chi si è "bucinato" il 16 ottobre ha orecchie per intendere.

    Detto questo, non capisco che ci azzecca la questione Logge. Torno a ripeterlo: sono convinto che l'amministrazione comunale non abbia alcuna ragione per impedire la realizzazione dell'opera. Piegarsi ai "quattro gatti" contestatori per vocazione, i quali confondono la proprietà privata con le "comuni", sarebbe un grave errore politico.

    Quell'opera deve essere rifiutata solo ed esclusivamente se è stata concepita in violazione delle leggi. Il fatto che contraddica il gusto estetico di qualcuno deve valere quanto "il due di coppe quando la briscola è bastoni". Altrimenti, finiremmo nell'anarchia più totale.

    Un ultimo appunto: la prova empirica delle vetrate è utile. Non credo che la committenza non ci abbia già pensato.

    • Marco Fanucci 2014-10-23 alle 07:59:50

      Gagliardi, io la stimo. Lei, insieme a pochi altri in campagna elettorale, ha avuto il coraggio di sostenere la vetrificazione. Lei è un politico franco, con il quale è possibile "battagliare" a viso aperto.

    • Marco Fanucci 2014-10-23 alle 08:08:43

      Il referendum è una stupidaggine, è vero, però una raccolta di firme simbolica, contro l'intervento, sarebbe un gesto politico di grande spessore sociale.

  • Marco Fanucci 2014-10-23 alle 07:32:52

    Più lo leggo questo documento, più mi stropiccio gli occhi. Ma come, questo partito aveva questo popò di idee e per tutti questi mesi, a dibattito furoreggiante, è stato a guardare? E adesso si permette di venire a dire a noi comuni mortali cittadini di ingoiare il rospo perché tra cinque (5) giorni arriva il consiglio della Fondazione, pertanto la politica le deve servire una decisione già presa?
    Incredibile!
    Il passaggio secondo cui la tamponatura va comunque fatta – "rimarrà da decidere solo la modalità di chiusura, ma non se farla o meno, dal momento che uno spazio espositivo di quel livello deve essere chiuso in qualche maniera e climatizzato, per essere vissuto tutto l’anno in ogni stagione" – è un capolavoro di ottusità sesquipedale. Come se a Gubbio non avessimo spazi espositivi! Bisogna creare artatamente nuovi volumi!
    Mi stupisco come all'interno di questo gruppo politico (del quale però, lo confesso, ho sempre nutrito forti perplessità, vista la sua natura plurima – presenza simultanea di aziendalisti democristiani, clericali più o meno convinti e comunisti goracciani più o meno pentiti) non ci sia stato nessuno che ha sollevato dubbi e perplessità.

  • Marco Fanucci 2014-10-23 alle 07:19:04

    Sono in attesa di conoscere la posizione ufficiale di Liberi e Democratici. Se ancora il movimento (corrente del pd, gruppo, non so come chiamarlo) non ha una posizione ufficiale, credo che in tempi strettissimi la debba formulare e rendere pubblica.
    Non è possibile che il partito (mi spiace, non so come chiamarlo) di maggioranza relativa non abbia ancora assunto un punto di vista chiaro e dirimente su un tema così importante per la storia della nostra comunità.
    Se la linea del gruppo è aderente al convincimento del sindaco (quando era professore, il convincimento di costui era di un altro segno, ma tant'è!) ovvero di apprezzamento e sostegno al progetto di vetrificazione, lo si faccia sapere ai cittadini. E si faccia anche sapere se all'interno ci siano delle divergenze, delle spaccature; insomma una mancata unanimità. Potrebbe aprirsi una crisi politica, anche se dubito che il comunicato redatto da Scelgo Gubbio non sia stato concordato con i vertici di Liberi e Democratici. Sicuramente è stato avallato dal sindaco.

  • Gert dal Pozzo 2014-10-23 alle 00:18:46

    "Ho già scritto e ho già detto che se qualcuno ritiene che siano state violate le normative vigenti farebbe bene a rivolgersi alle autorità giudiziarie preposte. Ancora di più. Se qualcuno ha subodorato intrallazzi si rivolgesse pure alla Procura della Repubblica.
    Questo è il perimetro della democrazia.
    Il resto solo fumo e chiacchiere"
    Questo cita l'avvocatone nostro, l'appassionato difensore della società civile, il tribuno della plebe nostrana.

    Peccato che quando si è scagliato nelle ultime settimane contro la giunta sul tema dell'assunzione di un tecnico o sui risarcimenti a ex dirigenti pubblici, col piffero che ha usato gli stessi toni e temi.
    Col piffero che si è rivolto alla Procura.
    Anche lì parimenti c'era una decisione all'interno del perimetro della legge, ma in quel caso: ahivoglia se ha fatto solo fumo e chiacchiere.
    Per la serie: " quando lo strabismo di opinione conviene".

    Non so quale sia in questo caso la sua, ma di certo un conto è attaccare gente qualunque, un conto la Fondazione.
    ah, be', forse perché per un po' la campagna elettorale è sospesa...

  • Maria Grazia Fiorucci 2014-10-22 alle 23:48:07

    Sto ancora aspettando che qualcuno mi dica quante lenticchie ci sono nel piatto.

  • Francesco Gagliardi 2014-10-22 alle 23:17:06

    Caro Angeloni,
    ho utilizzato i dati "storici" degli stenditori di lenzuola. Quattro "gatti".
    Pretendere un referendum su un'opera privata che, fino a prova contraria, ha ricevuto tutte le previste autorizzazioni è una vera e propria stupidaggine.
    Ho già scritto e ho già detto che se qualcuno ritiene che siano state violate le normative vigenti farebbe bene a rivolgersi alle autorità giudiziarie preposte. Ancora di più. Se qualcuno ha subodorato intrallazzi si rivolgesse pure alla Procura della Repubblica.
    Questo è il perimetro della democrazia.
    Il resto solo fumo e chiacchiere.

  • salvatore angeloni 2014-10-22 alle 23:06:45

    Rimango veramente di stucco vedere una lista civica, facente parte della maggioranza che amministra questa città, abbassarsi così supinamente, ma anche ingenuamente ed in maniera molto puerile a queste pochezze: oggi 22 ottobre se ne esce con un comunicato invitando, non so chi, a decidere immediatamente sulla chiusura delle Logge perché altrimenti il 28 ottobre la Fondazione dirotterà lo stanziamento su Perugia: intanto complimenti perché siete molto informati, non so quanti altri cittadini eugubini erano a conoscenza di questi particolari e quindi qualche buon dubbio sulla vostra spontaneità scevra da ogni ingerenza esterna viene.
    Per fortuna che in un commento al comunicato un vostro consigliere dice di avere da sempre contestato le modalità di certi potentati e quelle con cui si voleva far passare questo progetto.
    Dite che le Logge sono un elemento strategico del QSV il cui studio è appena iniziato, ma intanto date per buono che le Logge si possono chiudere.
    Fate finta di preoccuparvi, per giustificare l'intervento, dello svuotamento del centro storico a causa dei numerosi centri commerciali già esistenti e di quelli di prossima realizzazione; peccato però che in altre sedi dite che i centri commerciali servono.
    C’è un invito esplicito a dare subito il benestare alla realizzazione del progetto : ripeto, non so a chi sia rivolto questo invito: non c’è bisogno di un passaggio in Consiglio Comunale? Se si, quando si fa domenica mattina (alla Renzi?); successivamente poi si discuterà sul come realizzare l’opera.
    Anche questa è un’altra dichiarazione di intenti come quella di qualche giorno fa sul riutilizzo dell’Ospedale? Attenzione però che la Fondazione non credo si accontenti di una semplice dichiarazione di intenti, sotto banco bisognerà dare ampie rassicurazioni che ogni loro desiderio sarà un obbligo per il Comune.
    Siete proprio certi che le autorizzazioni avute in due giorni siano proprio tutte o qualcosa manca all’appello?
    Al consigliere Gagliardi vorrei infine chiedere di quali dati dispone per parlare di “pochi contrari” contro “i tanti favorevoli”. Se il dato di cui dispone è quello del giudizio favorevole delle varia Associazioni del territorio, lo consiglierei di sentire i cittadini che queste Associazioni sono convinte di rappresentare su come la pensano a tal proposito.
    Qualche tempo fa qualcuno, su questo blog, propose un referendum cittadino su questo progetto, non sarebbe mica male: nonostante tutto e tutti, sono convinto che chi ha a cuore questa città voterebbe contro questo scempio.

  • Ubaldo Emanuele Scavizzi 2014-10-22 alle 21:31:05

    A parte che dire che la Gubbio Romana, per importanza ed estensione delle opere ritrovate, si collocherebbe nel panorama nazionale subito dopo Pompei, Paestum ed Ercolano è semplicemente ridicolo (basterebbe ricordare Perugia, Roma, Villa Adriana, Ostia antica, Spello, Carsulae, e migliaia di altri siti italiani.), glissare sul fatto che l'aumento di cubatura nel centro storico provocato dalla chiusura con vetri od altro non è consentito dal Piano Regolatore, significa oltretutto prendere in giro i tanti cittadini che si sono per esempio visti rifiutare la chiusura di un portico, magari in campagna, ed accettare il principio che la legge non è uguale per tutti.
    Inoltre, si fa finta di ignorare il fatto che NESSUNO HA RESO PUBBLICHE LE CIFRE DELL'INTERVENTO per capire quanti sono i denari (per usare un termine caro a un importante Eugubino) di cui potrebbero usufruire le ditte eugubine. Quanto a spazi espositivi, di certo un loggiato con vetri è quanto di meno adatto a questo scopo possa esistere. Caso mai, un loggiato aperto potrebbe assolvere in parte a questo scopo, esponendo materiale lapideo archeologico oggi chiuso nei magazzini e che potrebbe essere sistemato in maniera analoga all'aperto chiostro di S.Domenico a Perugia, sede del bellissimo museo archeologico regionale (che conta decine di migliaia di pezzi, moltissimi dei quali provenienti dalla sola Perugia, alcuni di grande pregio. Andate a visitarlo, prima di parlare, è a 40 Km).

  • Alessandro Passeri 2014-10-22 alle 21:18:29

    Vorrei inoltre sapere come intende regolarsi l'Amministrazione dalla vetrificazione in poi con gli eugubini del Centro Storico che avanzeranno (per precedenti rifiuti) delle cubature o comunque con quelli che in futuro si presenteranno a chiederle per proprio interesse.
    E i cittadini che con tanta leggerezza approvano oggi il progetto, sanno che verranno chiuse le campate adiacenti la Chiesa dei Bianchi e realizzato un volume per ospitare la centrale termica e dall'altra parte il blocco servizi? Sanno che verrà creata l'apertura di un locale sul lato che da su Piazza San Giovanni per la passerella di collegamento con la piazza stessa? Insieme a collegamenti verticali, a grossi telai in acciaio per reggere i vetri e alle tende oscuranti a rullo (avete capito bene? tende oscuranti!)ecc.ecc..
    Cari amministratori per togliere il carattere storico a Gubbio, per i motivi sopra citati (insieme ad altri) vi state prendendo tonnellate di responsabilità!

  • Marco Fanucci 2014-10-22 alle 19:48:06

    Sarebbe molto grave se questo documento di Scelgo Gubbio non producesse delle lacerazioni politiche all'interno della maggioranza.

    • Cico Tarzan 2014-10-22 alle 19:51:47

      Secondo me gia' ci sono, dopo chi votiamo Gagliardi ovviamente!

  • PCI GUBBIO 2014-10-22 alle 19:17:54

    http://www.livegubbio.it/2014/10/FALLACIA-ALIA-ALIAM-TRUDIT

  • Alessandro Passeri 2014-10-22 alle 19:11:56

    Ha ragione l'architetto Fanucci PASSERETE ALLA STORIA! Passerete alla storia per aver messo decine di tonnellate sul Proscenio del Centro Storico di Gubbio, stravolgendo l'intero paesaggio monumentale.
    Consegnerete questa IMMAGINE di Gubbio PER DECENNI, non cullatevi sulla reversibilità perché nessuno investe simili risorse per un opera e poi toglierla successivamente a proprie spese, considerato che per quello che comporta la sua realizzazione è tanto reversibile quanto buttare giù una casa.
    LAVORATE VOI come Amministrazione per iniziative di sviluppo e slancio per la città è facile e sbagliato appoggiarsi e assecondare sempre i privati.
    L'identità storica di Gubbio vale più di qualsiasi somma!

    • Alessandro Passeri 2014-10-22 alle 19:14:47

      p.s.: il discorso espositivo è noto dal primo momento non potete attestarlo ora a motivo del vostro intervento

  • Maria Grazia Fiorucci 2014-10-22 alle 18:58:24

    È da Ottobre 2013 che chiedo insistentemente quanto costano questi benedetti vetri, perché da i famosi 2.700.000 euro va scorporato il loro importo (produzione e montaggio). NON SONO SOLDI PER GUBBIO. Abbiamo telefonato ad alcune delle più importanti vetrerie italiane: nessuna di quelle contattate realizza vetri di quelle dimensioni perché sono costosissimi i macchinari e di conseguenza anche i cristalli. Abbiamo chiesto a degli esperti quanto potrebbero costare e sono cifre esorbitanti.
    Chi continua a magnificare l’importanza di cotanto finanziamento abbia il CORAGGIO di rendere pubblica la miseria che resterebbe a Gubbio.
    Non rinunciamo ad essere uomini e donne liberi e non lasciamoci intimidire da ULTIMATUM comparsi anche oggi sulla stampa locale.

  • Marco Fanucci 2014-10-22 alle 18:23:22

    Sono in attesa di conoscere la posizione ufficiale di Liberi e Democratici. Se ancora il movimento (corrente del pd, gruppo, non so come chiamarlo) non ha una posizione ufficiale, credo che in tempi strettissimi la debba formulare e rendere pubblica.
    Non è possibile che il partito (mi spiace, non so come chiamarlo) di maggioranza relativa non abbia ancora assunto un punto di vista chiaro e dirimente su un tema così importante per la storia della nostra comunità.
    Se la linea del gruppo è aderente al convincimento del sindaco (quando era professore, il convincimento di costui era di un altro segno, ma tant'è!) ovvero di apprezzamento e sostegno al progetto di vetrificazione, lo si faccia sapere ai cittadini. E si faccia anche sapere se all'interno ci siano delle divergenze, delle spaccature; insomma una mancata unanimità. Potrebbe aprirsi una crisi politica, anche se dubito che il comunicato redatto da Scelgo Gubbio non sia stato concordato con i vertici di Liberi e Democratici. Sicuramente è stato avallato dal sindaco.

    • Alessio Bazzurri 2014-10-22 alle 18:47:56

      Questa è la posizione di Scelgo Gubbio emersa da un dibattito dove ovviamente ci sono tante posizioni. NOn abbiamo avuto certo bisogno dell avallo di liberi e democratici per esprimere un"idea. La differenza con la politica che ci ha preceduto è che non c'è un monolite senza possibilità di distinguo dibattito è differenze.

    • Marco Fanucci 2014-10-22 alle 18:57:50

      Il documento è stato firmato anche dai vostri assessori – dubito che il sindaco non sapesse. Comunque, se fosse vero quello che dice lei (e ho qualche ragione di dubitare, sono diffidente per natura come un gatto selvatico), ovvero se la decisione non l'avete concordata con il vostro partner di maggioranza, be' allora aspettative turbative politiche dal versante di Liberi e Democratici.

    • Cico Tarzan 2014-10-22 alle 19:01:25

      Hanno mandato in avanscoperta gli scout, qualcuno doveva saggiare il terreno, non mi sorprendere architetto.

    • Marco Fanucci 2014-10-22 alle 19:32:36

      Cico pansa, lo so, lo so che questi di Scelgo Gubbio sono in avanscoperta. Ed è a maggior ragione quindi che attendo con ansia il comunicato del Pd2. Voglio vedere cosa si inventano per giustificare una tale spettacolare giravolta.
      (Detto tra noi, Cico pansa: ma tu non dovresti gongolare per la situazione che si va profilando? Avrai la tua vetrificazione, in più la maggioranza, che disprezzi, qualche pezzo finirà per perderlo nella vicenda.)

    • Cico Tarzan 2014-10-22 alle 19:40:17

      Mi sembra che questa maggioranza la disprezziamo in parecchi, solo che io sono stato piu' lungimirante di te che ancora credi alle favole, su un post ti dissi "tutto è cambiato nulla è cambiato". Comunque non gongolo, se facciamo le barricate vengo con te in prima fila almeno ci conosciamo , andiamo pero' anche a salvaguardare lo scempio della vittorina o di S.Lazzaro come qualcuno ha puntualizzato sperando di allontanarla al sito.

  • Gianluca Sannipoli 2014-10-22 alle 17:11:40

    Modestamente, sono anni che sostengo che un bel pornofestival ci farebbe riempire gli alberghi! Creerebbe anche un sacco di posti di lavoro. Pensiamoci su! Magari potremmo anche fondare un partito, sulle orme di Cicciolina e Moana (per chi non ha più vent'anni e manco trenta). Propongo anche il nome: "Scelgo il porno".

    • Alessandro Passeri 2014-10-22 alle 18:47:15

      ahahah non fa una piega.... e il nome sarebbe almeno coerente con i principi del partito!

  • Alessandro Passeri 2014-10-22 alle 17:00:34

    Aggiungo: "Altrocioccolato" a Città di Castello ha portato 50.000 visitatori, ma quando è andato via da Gubbio nessuno a pianto. Impariamo a lavorare per non perdere quello che abbiamo e per valorizzarlo al meglio. Credete che trattare le opere d'arte come feticci sia il modo e remunerativo di creare turismo?
    Altrocioccolato e non solo dimostrano che non è così.
    Ragionando per compromessi un giorno arriveremo a pensare di far sfilare donnine nude per Corso Garibaldi, state sicuri richiameranno tanti visistatori e ci faranno fare tanti soldi.

    • Alessandro Passeri 2014-10-22 alle 17:03:07

      e.c.: "ha" pianto

    • Alessandro Passeri 2014-10-22 alle 17:04:24

      e.c.2: sia il modo più sano e remunerativo.
      Chiedo scusa per gli errori ma sono abbastanza inc....to!

  • Cico Tarzan 2014-10-22 alle 17:00:30

    Caro architetto Fanucci questi hanno vinto le elezioni, ma che dico l'hanno stravinte e purtroppo temo anche con il tuo contributo. Sono contento che oggi ti rendi conto che nulla è cambiato...meglio tardi che mai. Comunque se volessero fare un sondaggio con i mi piaci vincono, sono tutti loro, non c'è Gagliardi che tenga.

  • Alessandro Passeri 2014-10-22 alle 16:52:02

    1)Il vostro Sindaco si è presentato agli elettori con una posizione chiara in merito all'argomento "Logge" e io credo sia doveroso avere rispetto degli elettori.
    2) Quali ricadute economiche? Quelle per estemporanee mostre? E aldilà di queste, i turisti che rinunceranno a visitare una città medievale stravolta li considerate?
    Ci sono già spazi idonei anche più delle Logge (soprattutto se con i vetri per problemi di microclima e non solo, ma anche perchè un ambiente al secondo piano chiuso non è così agevole per i lavori di trasloco e installazione).
    Quindi se si vogliono portare opere a Gubbio e se si agisce veramente per interesse della comunità si seguono strade alternative senza interpretare la vetrificazione delle Logge come "IL LASCIAPASSARE" per grandi eventi.
    3) Se non avete sentito voci critiche per passati interventi forse eravate poco attenti, perchè ce ne sono state!
    4) In conclusione: Avete detto di scegliere Gubbio quindi lasciamo stare le scadenze di una Fondazione. privata di Perugia.
    Potevate attivarmi prima per questa vicenda sia per dare il vostro contributo di idee sia per convincere i committenti su un progetto alternativo invece di interessarvi così precipitosamente ora. Questa cosa francamente a me non piace.

  • Massimo Decimo 2014-10-22 alle 16:47:40

    Si parla di sviluppo e i soliti noti smorzato iniziative per il futuro della nostra -non come termine possessivo ma condiviso- Città trascurando Santa Croce, San Pietro, San Benedetto, Ex Seminario, Parco Ranghiasci.

  • Marco Fanucci 2014-10-22 alle 16:17:15

    Per il resto non interagisco più con la classa politica di questa città!

    • Marco Fanucci 2014-10-22 alle 16:18:18

      Pardon, classe politica.

  • Marco Fanucci 2014-10-22 alle 16:16:10

    Per chi fosse interessato alla mia opinione sulla "bellezza", il seguente è mio articolo pubblicato su questo sito il 27 luglio dal titolo Vedere la città.

    L’idea che tutto quello che è legale possa essere opportuno e necessario è come minimo lunare. L’intervento di vetrificazione potrebbe essere anche conforme alle normative – cosa di cui mi permetto almeno di dubitare – però non v'è dubbio che un’ipotesi di questo genere stravolga il manufatto architettonico.

    L’architettura è costituita da archetipi che vengono modulati e assemblati tra di loro. La loggia è uno di questi archetipi. Chiudendola non è più loggia. È un fatto, questo. Inconfutabile. Non interessa come viene chiusa – sedicente trasparenza dei vetri dotati di mirabolanti funzioni auto-pulenti, arretramento dei pannelli “invisibili”, assenza di finiture esterne e via discorrendo. Quando il progetto divenne pubblico, un po’ provocatoriamente, un po’ perché lo pensavo e lo penso ancora, immaginai per le logge l’effetto curtain wall, a filo esterno rispetto ai pilastri. La facciata continua costituita da pannelli a specchio che impastano i prospetti dei grattacieli delle metropoli.

    Ecco, secondo me, da un punto di vista estetico, questa roba qui funzionerebbe molto meglio delle “vetrate fantasma”. In quanto, senza cercare di dissimulare un intervento che mimetico non può essere per definizione – modificando un archetipo architettonico si realizza un intervento radicale – si deciderebbe deliberatamente di progettare con gli strumenti che la tecnologia attuale consente, qualcosa di profondamente diverso rispetto a quanto concepito nei secoli passati. È fuorviante incasellare il progetto nella semplice ipotesi di riuso e di rifunzionalizzazione di uno spazio da recuperare, trattandosi invece della volontà di trasformazione di una loggia storica in una sala chiusa.

    Non bisogna avere paura delle sfide e dire che “tanto le vetrate sono trasparenti”. Non è così. Il vetro non è spirito, è materia. E non potrà mai essere trasparente, soprattutto in combinazione con la luce, naturale e artificiale. E allora via con il curtain-wall a filo. È giusto che le cose abbiamo il loro nome. La sincerità è sempre da preferire all’ipocrisia. Pensiero banale, eppure mai come in questo caso la fiera dell’ipocrisia trova spazio nelle argomentazioni di supporto all’intervento.

    Nondimeno, mi chiedo per quale motivo non sia possibile criticare un progetto da ritenersi tuttavia, per altri versi, interessante. Il tema dell’accessibilità diretta a Piazza San Giovanni è condivisibile – in questa maniera si valorizzerebbe l’intervento di Gae Aulenti, anzi la piazza acquisirebbe un senso, una natura prospettica nuova al momento negata dalla mancata relazione con il manufatto storico. Inoltre finalmente si affronterebbe il tema della fruibilità pubblica delle logge. Oggi uno spazio morto, un punto di vista abortito, una risorsa culturale calpestata. Però, cancellare la loggia per sostituirla con una sala chiusa iper-tecnologica e cablata e, per di più negando che si stia facendo un’operazione di distruzione di un archetipo architettonico, non è un ottimo viatico per impostare un razionale riuso.

    Nondimeno il recupero del manufatto comporta una serie di implicazioni su scala urbana imprescindibili nella ratio che dovrebbe ispirare un progetto del genere. Ripristinare e valorizzare il rapporto con il Camignano, misurarsi con Piazza San Giovanni e ridisegnare Piazza Quaranta Martiri – in vista che si sblocchi lo stallo vergognoso del Puc2. Ognuno di questi argomenti di per sé costituisce un grande tema di progettazione integrata, figurarsi intrecciati l’uno con l’altro. Un’ultima cosa. La faccenda delle logge è politica, la si porti in consiglio comunale – mi riferisco a tutti i consiglieri comunali, maggioranza e opposizioni.

    In particolare quelli di maggioranza che noto essere silenti e un po’ troppo appiattiti sui timing e sulle decisioni della giunta. Se la massima assise cittadina dovesse autorizzare la vetrificazione, la si faccia, in modo che tutti si assumano le proprie responsabilità, altrimenti la si finisca con questo continuo rilancio, con queste stucchevoli giaculatorie. Non sarebbe meglio resettare il tutto e ricominciare partendo dalle potenzialità che un intervento del genere offre come spunto di ridisegno della porta di accesso alla città?

  • Alessio Bazzurri 2014-10-22 alle 16:13:02

    Ci metto la mia faccia perchè così sono abituato a fare. Mi rivolgo sopratuttoa Marco Fanucci perchè è uno che la faccia, o meglio il nome, quello vero, ce lo mette e da tempo. I tuoi interventi sono sempre stati lucidi precisi e dettagliati. Mi sorprende vedere che questa volta dici di non aver letto tutto.

    Noi non abbiamo detto un si incondizionato all'operazione Logge, ma proponiamo una soluzione in cui la politica incide e interviene. Personalmente ho sempre contestato la modalità di certi potentati e in particolare le modalità con cui si voleva far passare questo progetto (in sordina, nel sottobosco della burocrazia etc. e trincerandosi dietro la mera legittimità dei procedimenti).
    Su questo mi troverai sempre in prima linea. Purtroppo certi costumi sono duri a morire nel nostro paese e il confronto viene visto sempre come distruttivo e non costruttivo.
    Però le questioni vanno affrontate svincolati da certe idosincrasie e credimi le mie sono forti nei confronti di certi personaggi..

    - Intanto la destinazione d'uso: prima si parlava di una sala convegni. (che ci facciamo? nulla sonod'accordo) Ora noi parliamo di uno spazio espositivo.
    - Il rapporto con la proprietà dell'immobile: prima svincolato da qualsiasi obbligo, ora noi parliamo di una convenzione che disciplinerebbe tutta una serie di condizioni a vantaggio della collettività.
    - la scelta architettonica: non ho le competenze, ma credo venga dopo il bisogno della colletività, o meglio debba esserne conseguenza. ovviamente si deve vigilare affinchè sia il più posibile reversibile, che non sia energivora, etc etc

    Questa resta una nostra proposta POLITICA che prende atto di uno stato di fatto e cerca di massimizzare i benefici per la città, e no a favore o contro qualcuno, a favore o contro Gruppi Economici o Gruppi Politici.... credo sia legittimo poterla esprimere con chiarezza piuttosto che accodarsi.

    A chi a sproposito a citato altre tematiche (CSS)... c'entrano come i cavoli a merenda. Le questioni vanno affrontate in maniera olistica, ma integrata (ho avuto modo di dirlo anche in consiglio comuale).

    E' in questo che si dimostra maturità e indipendenza politica.

  • Francesco Gagliardi 2014-10-22 alle 16:07:13

    86 MI PIACE..... Tutti proscritti.....

    Fanucci la Sua opinione vale quanto la mia. Dove Lei intravede violenza, io vedo bellezza.

    • Marco Fanucci 2014-10-22 alle 16:12:26

      Bellezza!

    • Marco Fanucci 2014-10-22 alle 16:12:59

      Le vetrate, bellezza!

    • Marco Fanucci 2014-10-22 alle 16:13:08

      Mah!

  • Giovanni Vantaggi 2014-10-22 alle 16:06:42

    Già 85 "mi piace"... Humm! la cosa non mi convince, farò peccato a pensar male... ma...

  • Francesco Gagliardi 2014-10-22 alle 16:00:08

    E' strano che i POCHI contrari ce l'abbiamo con i TANTI favorevoli.....

    I POCHI non ci possono proprio credere di essere SOLO loro. I POCHI vorrebbero ridurre al silenzio i TANTI.

    Ottimo esercizio di democrazia...

    • Marco Fanucci 2014-10-22 alle 16:04:03

      Perché dice queste cose? I sedicenti pochi esprimono la loro contrarietà. Voi, sedicente tanti (sindaco compreso ahimè!) volete che vi si debba stendere un manto vellutato di petali di rose? Volete una ola?
      Gagliardi, dovrebbe essere fiero di far parte del Consiglio Comunale che passerà alla storia per aver "fatto violenza" su un manufatto storico così rappresentativo.

  • Giovanni Vantaggi 2014-10-22 alle 15:40:26

    Dal numero dei "mi piace" (vedo già 73 fino ad ora ed in DUE ORE!) sembrerebbe una strategia studiata a tavolino con tanto di "m'arcomando cliccate su mi piace".
    Certo, che come hanno già detto altri, in campagna elettorale il candidato a sindaco Stirati, in contrapposizione a Palazzari, con foga e partecipazione emotiva, ha detto TUTT'ALTRO!
    E' vero che le parole le porta via il vento, ma a volte sono anche PIETRE!

    • Marco Fanucci 2014-10-22 alle 15:45:02

      Sbagliato dottore: in questo cose le parole non sono pietre, ma vetri!

    • Marco Fanucci 2014-10-22 alle 15:45:31

      Sbagliato dottore: in questo caso le parole non sono pietre, ma vetri!

    • Giovanni Vantaggi 2014-10-22 alle 15:51:35

      Giusto Architetto... intanto i "mi piace già a già a 79"!

    • Marco Fanucci 2014-10-22 alle 15:53:58

      Adesso lo metto anch'io mi piace!

    • Marco Fanucci 2014-10-22 alle 15:54:59

      Anzi, ci faccio pure un tweet!

  • Marco Fanucci 2014-10-22 alle 15:26:22

    Un pensiero a voce alta: pare che a Gubbio l'unico posto per ospitare mostre siano le Logge.
    Lisergico!

  • Marco Fanucci 2014-10-22 alle 15:20:44

    All'interno di questo comunicato politico ci sarebbero tonnellate di cose da confutare. Ma che dire? La vita è breve: cedete al ricatto sociale e chiudete le vostre Logge? Passerete alla Storia.
    Geniale quel "vetri" tra parentesi seguito da un punto interrogativo. L'estensore del coming out definitivo e tombale, allude alla possibilità di tamponare i vuoti delle logge con un qualche materiale diverso dal vetro? In effetti, una serie di tamponature cieche potrebbero conferire al nuovo manufatto un aspetto più severo e prussiano.

  • Marco Fanucci 2014-10-22 alle 15:11:32

    L'opinione di Liberi e Democratici è la stessa? Ovvero: tutti i consiglieri di maggioranza sono pronti a sostenere la vetrificazione delle Logge?

  • Gert dal Pozzo 2014-10-22 alle 15:07:38

    Se tanto mi da tanto, tra un po' sul CSS ne sentiremo delle belle!

    Già, perchè si dice che la storia sarebbe di nuovo venuta fuori, e per bruciare stavolta, anzi "termovalorizzare" sul territorio.
    La Regione non vede l'ora e non ne fa mistero e pure in diverse occasioni, ufficiali e non, lo avrebbe ribadito

    Dalla campagna elettorale ad oggi sembra passato tanto tempo.....

  • Marco Fanucci 2014-10-22 alle 14:52:02

    Analisi esaustiva ed emblematica (in verità neanche ho finito di leggerla): avreste dovuto farla in campagna elettorale, però.
    Le opinioni sono le stesse, in tutte le stagioni. Non è che si debbano nascondere a seconda delle circostanze.

Pubblicità .

Crea il tuo Account!

Accetto il regolamento del blog.

 

LiveGubbio ti dà visibilita sul web!

LiveGubbio ti dà la possibilità di sponsorizzare la tua attività, organizzazione, società o partito politico sul web dandoti visibilità 24 ore su 24 su un blog che conta più di 1000 pagine visualizzate al giorno.

Contattaci e troveremo la soluzione che più si adatta alle tue esigenze di marketing, scrivi all'indirizzo:

info@livegubbio.it