Giornale Online
Pubblicità
Pubblicità

FLASH NEWS

Domenica 26 Marzo 2017

i più apprezzati

$('#s1').cycle({
			    fx:      'scrollHorz',
			    prev:   '#prev',
			    next:   '#next',
			    speed:  1000, 
				timeout: 5000
				});
			
Comitato Beni Culturali Gubbio

Dal Blog di

Comitato Beni Culturali Gubbio

Postato il: 2014-11-15 alle 09:28:04

Tags:

LA STAMPA NON È UGUALE PER TUTTI

Attualita

La conferenza stampa del Sindaco riguardo alle Logge dei Tiratori non è stato un MONOLOGO, come certa stampa locale farebbe credere. La nutrita presenza di cittadini, almeno una decina del Comitato per la Tutela dei Beni Culturali e del Paesaggio, ha fatto sì che non lo fosse e che la conferenza si trasformasse in un DIBATTITO PUBBLICO, vista la pochezza degli interventi dei giornalisti presenti.

Per fornire, quindi, una EQUILIBRATA E SERIA INFORMAZIONE ai cittadini di come sono andate le cose, vogliamo in breve riportare i contenuti degli interventi fatti da alcuni rappresentanti del Comitato cittadino per i beni architettonici ed il paesaggio. A questo ci costringe il solito oscuramento stampa che ci riguarda, forse perché non siamo di fronte a mezzi di informazione indipendenti e liberi.

Alcuni giornali locali e trg hanno ampiamente riportato l’intervento del Sindaco, ma hanno condensato in una o due righe l’apporto dei presenti alla discussione, senza nemmeno fare i loro nomi e sintetizzare gli interventi, tranne il giornalista Lorenzo Billi di Live Gubbio. Di seguito il contenuto dei suddetti contributi:

Giovanna Nigi domanda se l’intervento di vetrificazione sulle Logge dei Tiratori può costituire un PRECEDENTE PERICOLOSO in quanto tutti i privati potrebbero chiudere qualunque loggiato e loggiatino in loro possesso a Gubbio. Stirati sostiene che andrebbe vagliato caso per caso, e che il caso delle Logge è diverso in quanto d'interesse pubblico... Replica quindi la Nigi che allora LA LEGGE NON È UGUALE PER TUTTI e che chiunque si potrebbe inventare un qualsiasi utilizzo pubblico almeno per un giorno all'anno...di questo passo anche le Logge di Piazza Oderisi si potrebbero chiudere con delle magnifiche vetrate.

Maria Vittoria Ambrogi comprende la POSIZIONE SCOMODA in cui si trova il sindaco, ma non le pare giusto L’ULTIMATUM: O VETRI SULLE LOGGE O ALTRO. L’intervento che riguarda le Logge si deve fare, ma senza stravolgere l’identità di un monumento che è l’unica traccia che rimane di un glorioso periodo storico per Gubbio, quello in cui fioriva e vigoreggiava l’Arte della Lana che esportava anche in Corsica e contribuì con la sua ricchezza alla nascita della città di pietra di cui tutti andiamo orgogliosi. La CARTA DI GUBBIO parla di interventi di RISANAMENTO CONSERVATIVO basati su una preliminare profonda VALUTAZIONE DI CARATTERE STORICO-CRITICO: se la commissione dell’ANCSA è giunta ad accettare anche la vetrificazione, QUESTE VALUTAZIONI STORICHE NON LE HA TENUTE IN ALCUN CONTO E QUINDI CONTRADDICE LA CARTA DI GUBBIO. Il prossimo anno 2015 verrà assegnato il Premio Gubbio per un progetto che ha meglio contribuito a meglio conservare il centro storico: con quale faccia e autorevolezza la commissione dell’ANCSA potrà arrogarsi il titolo di credibile giudicatrice? Il QSV di cui si doterà il Comune di Gubbio dovrà rispettare, inoltre, tra le altre, la linea guida indicata dalla Regine dell’Umbria che recita: TUTELA E VALORIZZAZIONE di edifici di pregio di carattere culturale e storico. Per quanto riguarda le Sovrintendenze, anch’esse possono sbagliare. Lo stesso ministro FRANCESCHINI alla trasmissione di Fazio ha dichiarato che ci sono SOVRINTENDENZE CHE OPERANO BENE E ALTRE NO. Allora, perché non vogliamo riconsiderare la cosa e costituire un TAVOLO DI PERSONE DI ALTO PROFILO CULTURALE che discutano e individuino IL PIÙ OPPORTUNO INTERVENTO, escludendo i vetri, e impediamo di farci rovinare quella che è la cartolina di Gubbio conosciuta in tutto il Mondo?

Franco Raffi, dopo aver ringraziato il Sindaco per la dichiarata volontà di proseguire sulla via del confronto in merito al ripristino delle Logge, ha confermato la FERMA OPPOSIZIONE DI TERRA MATER E DI ITALIA NOSTRA NAZIONALE ALLA CHIUSURA CON VETRI E TENDAGGI DEL LOGGIATO SUPERIORE, AUSPICANDONE UN USO COMPATIBILE CON LE STRUTTURE ESISTENTI. A conclusione dell’intervento, il Segretario Generale di Terra Mater ha sottolineato la TOTALE DISCREPANZA della relazione tecnica dell’ANCSA, presentata dal Sindaco a sostegno del progetto in discussione, CON I PRINCIPI DELLA TUTELA DEI MONUMENTI E DEI CENTRI STORICI, contenuti nella Carta di Gubbio del 1960, fondamento della stessa Associazione Nazionale Centri Storici.

Maria Grazia Fiorucci infine, leggendo le prime righe del penultimo manifesto del Comitato, dal titolo LOGGE APERTE, ha ricordato al sindaco le sue DICHIARAZIONI ELETTORALI in cui la sua posizione era nettamente diversa da quella attuale. Ha contestato il parere dell’ANCSA in quanto il Comune di Gubbio è socio della medesima, la sede legale è a Gubbio e sull’home page del sito troneggia un’immagine del Palazzo dei Consoli. Ha fatto notare che i curricula dei componenti il “gruppo di lavoro” dell’ANCSA sono imparagonabili con quelli di importanti personalità nel campo della cultura, dell’archeologia, dell’architettura, dell’urbanistica che si sono schierati contro l’intervento di vetrificazione, il quale per Tomaso Montanari è lo SCEMPIO DELL’OPIFICIO E LA CANCELLAZIONE DEL MONUMENTO; per Salvatore Settis è STRAVOLGIMENTO E TRADIMENTO DELL’ARCHITETTURA STORICA; per Goffredo Fofi è DISNEYLAND; per Vezio Di Lucia GUBBIO NON PUÒ PERMETTERSI ALTRI SCEMPI, per Paolo Berdini è un ERRORE CATASTROFICO, CHE FAREBBE LIEVITARE MOLTISSIMO IL VALORE IMMOBILIARE DELL’EDIFICIO; per gli Eugubini del 1927 un intervento DETURPANTE E DISSENNATO. Ha quindi concluso chiedendo che le venga restituito il suo voto.

Commenta l'articoloSCRIVI

  • Francesco Gagliardi 2014-11-19 alle 16:30:25

    Caro Scavizzi,
    una precisazione. La somma che ho indicato (€. 850.000,00) - euro in più, euro in meno - è riferita alle indennità aggiuntive di tutto il personale dipendente, sia quello dirigente che quello non dirigente.
    La revisione della spesa pubblica è un dovere morale, prima ancora che giuridico. Le cattive abitudini sono nazionali, condivido. Ma da qualche parte dobbiamo pure iniziare. Possiamo farlo a Gubbio, proviamo a farlo insieme. Su questi temi, i "colori" dell'appartenenza politica non contano. Siamo in una sorta di fase "costituente" e non esagero a definirla tale. Qui o si rimette a posto il Comune o si muore.

    • Ubaldo Emanuele Scavizzi 2014-11-19 alle 16:56:31

      Caro Avvocato, ha fatto bene a precisarlo, poiché il rigore in questi temi è fondamentale. Però credo che la sostanza non cambi molto; anche sottraendo dalla cifra citata gli emolumenti delle Posizioni Organizzative e di tutti quei dipendenti che raccolgono le briciole più o meno sostanziose di quanto percepito dai Dirigenti in termini di indennità aggiuntive varie, le cifre percepite dai Dirigenti sono mostruosamente imparagonabili a quelle dei semplici dipendenti, pur con pari grado di specializzazione. E questo, specie in tempo di crisi generalizzata, grida vendetta. Avanti tutta!

  • Francesco Gagliardi 2014-11-19 alle 15:15:43

    A proposito di scempi, cosa ne pensa il Comitato degli 850.000,00 euro annui di prebende varie distribuite al personale dipendente del Comune di Gubbio? Somma che si aggiunge alla spesa retributiva annua del personale, pari ad euro 6.500.000,00.

    Dopo la Commissione di inchiesta su San Pietro (della quale ancora non sappiamo la sorte), vi invito a sostenermi anche su questa vicenda.

    • Comitato Beni Culturali Gubbio 2014-11-19 alle 15:38:20

      Molto volentieri.
      C'è però un rischio: se la "sosteniamo" noi, Boccucci si sentirà autorizzato a scrivere che per la proprietà transitiva anche lei è "sostenuto" da Rifondazione Comunista...

    • Ubaldo Emanuele Scavizzi 2014-11-19 alle 16:18:48

      Per quanto mi riguarda, Avvocato, come le ho scritto sotto al suo articolo dedicato a questo tema, la considero una battaglia sacrosanta che andrebbe condotta non solo a Gubbio, ma nell'Italia intera, ove i Dirigenti sono vere e proprie "sanguisughe" legali (absit iniuria verbis) che prosciugano le casse dello Stato e degli Enti Locali. Dalle somme che ha riportato sopra, si evince che i 7 - 8 Dirigenti comunali di Gubbio percepiscono "prebende varie", come le chiama lei, addirittura assai superiori agli stipendi degli altri 160 - 170 dipendenti comunali (cito a memoria). Dipendenti che, come detto nel commento al suo post, fanno la maggior parte del lavoro per cui i Dirigenti percepiscono laute indennità di risultato, oltre ad uno stipendio tabellare già superiore di varie volte a quello di laureati come loro, che però ricoprono posti non dirigenziali. Quindi, avanti tutta Avvocato, su questi temi non possiamo che essere in consonanza (anche se faccio parte del Comitato contro la vetrificazione delle Logge, ma forse era inutile ricordarlo)!

  • Francesco Gagliardi 2014-11-19 alle 15:11:15

    Caro Comitato,
    faccio tendenza.... ora siete "alla moda" anche voi!

  • Francesco Gagliardi 2014-11-19 alle 14:54:49

    Ora che c'entro io?
    Sulla "Gagliardite" ci sono i diritti d'autore....

    • Comitato Beni Culturali Gubbio 2014-11-19 alle 15:03:47

      Ci sono i diritti d'autore anche sulle "Gagliardate"? Le confessiamo Avv. Gagliardi che quando abbiamo deciso di diventare Blogger ci siamo detti: "Perchè non facciamo anche noi una "Gagliardata"?

    • Gianluca Sannipoli 2014-11-19 alle 15:34:50

      La "Gagliardite" era riferita solo all'uso (non ricordo se è il termine giuridico giusto) di ricominciare sempre con un nuovo post senza rispondere a quelli precedenti. Ma è un'infiammazione leggera, nulla di grave.

  • Massimo Boccucci 2014-11-19 alle 14:45:08

    SANNIPOLI: A certi livelli (bassi) non scendo.

    • Gianluca Sannipoli 2014-11-19 alle 15:30:05

      BOCCUCCI: devi ammetere però che anche la tua non era altissima. Passo e chiudo perché c'ho da fa' (no le vasche).

  • Gianluca Sannipoli 2014-11-19 alle 14:42:40

    BOCCUCCI1: "Non sono “corso-centrico” e per me la città non finisce in corso Garibaldi tra una “vasca” da 50 metri e un tavolino del bar".
    SANNIPOLI: se è personale ti rispondo che quando tu passavi le giornate a giocare a carte con Orfeo Goracci sotto gli alberelli dei giardinetti di San Pietro davanti al bar de l'Avilito, io andavo quasi tutti i giorni a fare il barista su da la Cia.
    BOCCUCCI2 (rivolto a Fanucci): "Lei mi ricorda gli appartenenti a quell'ideologia politica che amano ripetere 1.000 volte la stessa bugia per convincere gli altri che sia la verità!"
    SANNIPOLI: ma se è un anno che ripeti come un mantra che il progetto delle logge è stato approvato da "sedici sigle sindacali, dalla Soprintendenza" da Tizio, Caio e Sempronio! Che sia una bugia raccontata "per convincere gli altri che sia la verita"?

  • Massimo Boccucci 2014-11-19 alle 14:11:29

    SANNIPOLI: a Gubbio di passaggio... Purtroppo...

    • Gianluca Sannipoli 2014-11-19 alle 14:15:35

      Ma perché scriv

    • Gianluca Sannipoli 2014-11-19 alle 14:34:56

      Non era una sincope! La frase che stavo scrivendo era: ma perché scrivi sempre in cima anche quando rispondi con tre parole? Dovresti essere affetto da Gagliardite. A tutto il resto ti rispondo sopra anch'io, ma non sono stato contagiato.

  • Massimo Boccucci 2014-11-19 alle 14:07:47

    COMITATO: Le vostre battaglie sono per così dire recenti dopo l'ardore evidenziato sulle Logge. Il Puc di San Pietro è partito nel 2007. Fate voi... C'è nel vostro Comitato gente che era attiva politicamente e collegata strettamente a Rifondazione Comunista e alla coalizione che governava la città.

    • Comitato Beni Culturali Gubbio 2014-11-19 alle 14:49:04

      Il PUC di San Pietro è partito nel 2007 ma in campagna elettorale il Prof. Stirati aveva detto che era per togliere la parte sopra terra. Quindi è anche una nostra preoccupazione, anche se sappiamo quanto contano a Gubbio le promesse elettorali.

    • Comitato Beni Culturali Gubbio 2014-11-19 alle 14:53:15

      Per quanto riguarda il solito ritorrnello di Rifondazione Comunista le fornisco una piccola informazione: nel Comitato ci sono persone che solo a sentirne parlare si drizzano loro i capelli. Per il resto siamo un Comitato fortunatamente "arlecchinico". Le basta o dobbiamo citare un altro passo del suo articolo?

    • Alessandro Passeri 2014-11-19 alle 19:30:24

      Boccucci o fa l'elenco dei componenti il Comitato e li qualifica per appartenenza politica o altrimenti meglio che la smetta con questa cantilena di Rifondazione che dura da più di un anno.
      Quello che è divenuto poi il PUC1 non lo si poteva immaginare certo nel 2007. Provi piuttosto se ne è capace (tralasciando le congetture ovviamente e facendo il giornalista) a dimostrare che tra gli appartenenti al Comitato non ci sono persone che si sono battute per la salvaguardia del nostro patrimonio ben prima dello scempio Logge.
      Rinfondazione Comunista non ha nessuna influenza nè forma di collaborazione con il Comitato. Cosa si dovrebbe pensare allora di lei che va sempre d'accordo con il pensiero di una certa parte?

  • Massimo Boccucci 2014-11-19 alle 13:59:06

    FANUCCI: Lei mi ricorda gli appartenenti a quell'ideologia politica che amano ripetere 1.000 volte la stessa bugia per convincere gli altri che sia la verità!
    Fatta questa premessa chiarificatrice una volta per tutte, ci tengo a ricordarle che ho percorso giornalisticamente le vicende raccontandole e le ho analizzate come tali.
    Ho lasciato la direzione del periodico TuttoGubbio - da me ideato e fondato con alcuni amici - per contrasti interni legati alle strategie e non certo in relazione al sindaco di turno.
    La prego di non darmi del Compagno... magari lo sarà lei. Io no di certo.
    Non sono mai stato - ne sono - "acerrimo detrattore" di alcuno. Faccio il giornalista e ne vado orgoglioso: non ho commistioni con la politica, non mi sono mai candidato (né lo farò), non ho mai avuto tessere di partito (ne vado orgoglioso) e mi sono espresso liberamente nel riportare i fatti incurante delle parti politiche.
    Sono un liberaldemocratico, questo sì, ma ciò non si traduce in appartenenza e men che meno militanza.
    Lascio a lei immaginare cosa posso pensare di chi è abituato ad armeggiare con orologi fermi al medioevo e forse pure più indietro; di chi ha fatto di Gubbio la Eboli del nostro tempo del romanzo di Levi; di chi è capace solo e sempre a dire di no sempre che a proporre qualcosa non sia qualche "amico"!
    La prego: si occupi di architettura. Sicuramente lì sarà ferrato.

    • Gianluca Sannipoli 2014-11-19 alle 14:10:35

      Ma a Eboli Cristo ci è arrivato!

    • Marco Fanucci 2014-11-19 alle 14:15:03

      Compagno Boccucci, non capisco perché abbia scritto tutte queste cose. Ho detto una cosa chiara e semplice: lei nel 2001 sostenne, come operatore dell'informazione abituato legittimamente ad esprimere delle opinioni, la candidatura di Orfeo Goracci, salvo poi attaccarlo (legittimamente) una volta non più direttore del settimanale.
      La mia è una cronaca spoglia di orpelli riflessivi; se posso esprimere un'opinione, mi sembra che lei provi vergogna di quel periodo in cui appoggiò il "comunista". Evidentemente lo considera un momento buio e oscuro, qualcosa da dover nascondere sotto i tappeti della memoria.
      Ma ci sarà sempre qualche elefante, compagno Boccucci, a ricordarle quel suo passato che lei, a quanto pare, giudica scabroso.

  • Comitato Beni Culturali Gubbio 2014-11-19 alle 13:49:10

    Giornalista BOCCUCCI, visto che lei non ha bisogno di "rispolverare" i suoi articoli, avendoli scritti, dovrebbe ricordarne uno, a sua firma, pubblicato su Il Messaggero il 2/04/2014.
    Titolo: GUBBIO, COMITATO ALL'ATTACCO ANCHE SUL PUC.
    Sottotitolo: BATTAGLIA IN DIFESA DEI BENI ARCHITETTONUCI E DELLA NATURA.
    Come vede il nostro campo d'azione non si esaurisce con le Logge.

    • Comitato Beni Culturali Gubbio 2014-11-19 alle 13:55:59

      Nello stesso articolo scrive che il Comitato affronta anche altre questioni come la combustione dei Css nei cementifici, i nuovi centri commerciali, la manutenzione stradale e in particolare la pavimentazione del centro storico.
      Come vede le risposte alle sue domande le trova nei suoi stessi articoli.

  • Marco Fanucci 2014-11-19 alle 13:36:33

    Compagno Boccucci, lei nel 2001 contribuì a costruire mediaticamente la candidatura di Orfeo Goracci, e tutti i suoi editoriali su Tutto Gubbio (settimanale storicamente orientato a favore della sinistra estrema) trasudavano stima e apprezzamento per l'uomo nuovo. Salvo poi, una volta non più direttore del settimanale suddetto (2002? 2003?), diventare un acerrimo detrattore del sindaco comunista.

    • Marco Fanucci 2014-11-19 alle 13:37:27

      Questa è la storia, non mi faccia andare in emeroteca, la prego, si risparmi figuracce!

  • Massimo Boccucci 2014-11-19 alle 13:27:23

    COMITATO: Non ho bisogno di rispolverare i miei articoli avendoli scritti. Ho sempre rimarcato la bontà dell’operazione di piazza San Giovanni, compreso l’investimento economico considerevole sebbene fossero tempi di vacche magre, riportando le polemiche che pure c’erano come ci sono oggi sulle Logge. Per formazione personale guardo sempre con favore agli investimenti, specie se vengono dai privati avendo memoria di operazioni pubbliche fallimentari (Puc di San Pietro e Puc2 ex ospedale) e in generale orientate solo al consenso elettorale personale più che all’interesse generale. Il Comitato non ha inteso invece esprimersi sul resto: dalle vie del centro storico al famigerato Puc di San Pietro pozzo di San Patrizio della spesa pubblica arrivando dritti dritti a quell'asse abbastanza "familiare" con Rifondazione Comunista.

    FANUCCI: Mai stato militante di partito né supporter di Tizio o Caio. Ho sempre fatto cronaca e analisi politica, come del resto faccio oggi.

    SANNIPOLI: Ironia a buon mercato la tua? Nessuna facoltà soprannaturale. Mi impegno a ricercare notizie documentandomi; leggo gli atti pubblici; raccolgo indiscrezioni e le verifico; riporto vicende; cerco di capire e di intuire. Non sono “corso-centrico” e per me la città non finisce in corso Garibaldi tra una “vasca” da 50 metri e un tavolino del bar.

    • Gianluca Sannipoli 2014-11-19 alle 14:07:29

      Facoltà soprannaturali.

  • Comitato Beni Culturali Gubbio 2014-11-19 alle 09:00:50

    Prendiamo atto che il giornalista BOCCUCCI non ha accolto la nostra richiesta di "rispolverare" i suoi articoli su Piazza San Giovanni. I nostri sono sempre a sua disposizione.

  • Oronzo Canà 2014-11-18 alle 13:14:03

    Guardi sig. Scavizzi lo può spiegare in tutte le salse, ma scrivere che il "... costo "odierno" del PUC1 non dipende né da me né dall'amministrazione che allora varò un progetto..." è (sempre a mio avviso) SEMPLICEMENTE INACCETTABILE!. Ma con questo, rimanga pure della sua idea, i lettori se ne faranno una propria della vicenda, come io rimarrò della mia.
    Come già ho scritto in precedenza, nessuno pretende che gli amministratori debbano avere la visione alla Steve Jobs, ma nemmeno la vostra miopia! Provi a chiedere ai suoi alunni se PAGHEREBBERO ANTICIPATAMENTE UN'AFFITTO TRENTENNALE DI UN LOCALE PER SVOLGERE LE LORO ATTIVITA' (ma si ricordi di dirgli che alla scadenza dei trent'anni si ritroverebbero con niente tra le mani) e vediamo cosa le risponderanno!
    nel 2001 non c'era Gubbio Live e non c'erano Consiglieri che approfondivano le questioni (LEI COMPRESO), sia di maggioranza che di minoranza, e il risultato è sotto gli occhi di tutti. Sicuramente se alcuni aspetti dell'operazione fossero stati resi pubblici (come l'affitto assurdo di cui parlavo prima), forse, una sana dialettica, avrebbe corretto quelle storture, e consentito di portare in porto un progetto COMUNQUE INTERESSANTE SOTTO MOLTI PUNTI DI VISTA.
    Sia ben inteso che lei, pur avendo evidenti responsabilità nella vicenda, non è l'unico e il solo! E' in grande compagnia, soprattutto di quei tecnici che non evidenziarono quelle criticità.

    • Ubaldo Emanuele Scavizzi 2014-11-18 alle 15:10:22

      "Provi a chiedere ai suoi alunni se PAGHEREBBERO ANTICIPATAMENTE UN'AFFITTO TRENTENNALE DI UN LOCALE PER SVOLGERE LE LORO ATTIVITA' (ma si ricordi di dirgli che alla scadenza dei trent'anni si ritroverebbero con niente tra le mani) e vediamo cosa le risponderanno!"
      Ma cosa sta dicendo?? Pagando 30 mila euro per trent'anni ci si sarebbe assicurati il godimento di un box auto al costo IRRISORIO 83 euro al mese, senza aumenti né rivalutazioni di sorta, per buona parte della vita. Ci sono innumerevoli operazioni di questo genere nel mercato immobiliare e dei beni mobili. Vorrei vedere dove è possibile affittare un box auto ad 83 euro al mese, se anzi conosce qualcuno, me lo faccia sapere subito, che corro ad affittarlo! Non si arrampichi sugli specchi per denigrare gli altri, piuttosto getti la maschera e si impegni in qualcosa di serio per la città. Ci farà senz'altro più bella figura.

    • Oronzo Canà 2014-11-18 alle 16:19:58

      Questioni di punti di vista. Io anticipare 30.000,00 trentamila euro di affitto non lo farei. Comunque NON PARLAVO DEI POSTI AUTO MA DEI LOCALI IN VIA XX SETTEMBRE.
      Per me è assurdo! Lei continui pure a pensare che un'ottima soluzione! Questione di punti di vista. A mio avviso le sue certezze dovrebbero vacillare alla luce di quello che è successo.
      Ma scusi, ma lei ritiene di DENIGRARE la Fondazione o di CRITICARE un progetto? Io critico le scelte che l'amministrazione di cui ha fatto parte ha intrapreso nell'approvazione del PUC1, pur ritenendo che il progetto era ed è VALIDO SOTTO MOLTI PUNTI DI VISTA. Critico alcune scelte che purtroppo ci costeranno care.
      E non capisco perché lei passa dal non aver alcun dubbio sull'intervento del PUC1 all'essere terrorizzato dall'intervento delle Logge. Io vedo forti contraddizioni nel suo modo di pensare COMUNQUE LEGITTIMO.
      LA CHIUDO QUI, perché prende sul personale una critica che rivolgevo a delle scelte politiche che lei, in piena autonomia, ha effettuato.
      Il mio impegno lo manifesto in questo blog sostenendo il progetto delle Logge e non nel denigrare lei.

      Trovo assurdo che il suo coraggio nell'approvare il PUC1 sia svanito tutto di un colpo!

      PS. Ma se continuo a ritenere che il PUC1 ha ottime idee di partenza (quindi di fatto legittimo il suo "si" all'operazione) perché si offende per una semplice critica ad una parte del progetto? Ma se San Pietro si trova in quella situazione ci sarà pure qualche cosa che non ha funzionato, non crede?

  • Massimo Boccucci 2014-11-17 alle 19:39:13

    FANUCCI: Faccia pure architetto. Troverà sempre i fatti al di sopra delle opinioni. E non troverà mezza riga di "appart5enenza" o "militanza". Mi è sempre rimasta impressa una dichiarazione di Goracci: "La stampa eugubina non sposta un voto". Aveva ragione: io infatti non ho spostato i voti (e manco avevo la presunzione di farlo) ma ho capito dove nel 2001 e 2006 sarebbero andati i voti. Così come ho capito in anticipo come sarebbero finite altre storie,

    • Gianluca Sannipoli 2014-11-18 alle 13:58:10

      Facoltà soprannaturali?

    • Gianluca Sannipoli 2014-11-19 alle 14:06:47

      Facoltà soprannaturali.

  • Massimo Boccucci 2014-11-17 alle 17:31:04

    COMITATO: Aspetto sempre risposte di sostanza e non di forma sulle questioni poste, ovvero sui fatti posti.

    FANUCCI: Non attribuisca appartenenze politiche che non esistono. Chi mi conosce bene e mi legge sa come la penso e che sono sempre stato orgogliosamente autonomo dalla politica, pur avendo le mie idee che le posso assicurare sono lontane da quelle che immagina o ricostruisce lei. Mi occupo di politica giornalisticamente parlando e rivendico nel 2001 l'intuizione di aver capito che il vento cambiava, senza entrare nel merito di come sarebbe cambiato. E la storia dice che qiuando sono successi certi fatti, sin da allora, li ho raccontati con autonomia e distacco come sempre.

    • Marco Fanucci 2014-11-17 alle 18:09:26

      Sig. Boccucci, che ne dice se vado in emeroteca a leggiucchiare, per poi postare su questo sito le cose che scriveva durante la campagna elettorale del 2001 e nei mesi successivi?

    • Marco Fanucci 2014-11-17 alle 18:09:50

      Annoierei i lettori?

    • Alessandro Passeri 2014-11-17 alle 20:05:51

      Quali sarebbero i fatti?

    • Alessandro Passeri 2014-11-17 alle 20:05:56

      Quali sarebbero i fatti?

  • Comitato Beni Culturali Gubbio 2014-11-17 alle 15:31:55

    Per BOCCUCCI. I nostri articoli su Piazza San Giovanni sono pronti e i suoi?

    • Comitato Beni Culturali Gubbio 2014-11-17 alle 15:33:18

      Se non riesce a trovarli, come dice l'Arch. Fanucci, c'è sempre l'emeroteca.

  • Massimo Boccucci 2014-11-17 alle 13:59:36

    FANUCCI: mi ritengo un giornalista che nel 2001 ha semplicente capito con largo anticipo come sarebbero finite le elezioni e ho fondato con amici un giornale che stava dalla parte della gente. Io raccontai fatti - come faccio oggi del resto - perché chi mi conosce sa la mia provenienza ideologico-culturale ben lontana da ciò che pensa e immagina lei. È talmente vero che sono stato altrettanto attento è presente a seguire tutti gli atti politico-amministrativi riportando quanto sarebbe poi stato oggetto di vicende giudiziarie ben note. Non ho mai partecipato a riunioni di partito o di coalizione, non ho mai beneficiato di provvedimenti o incarichi di soggetto a cui lei fa riferimento. La sua memoria storica e' molto interpretativa e poco attinente ai fatti. Forse le serve per giustificare qualcosa. Ma la prego di ricordare meglio.

    • Marco Fanucci 2014-11-17 alle 14:09:59

      No, no, lei fu un accesissimo fan di Goracci, fine a quando restò direttore del giornalino. Ho la memoria elefantina, io!

    • Marco Fanucci 2014-11-17 alle 14:10:42

      E poi c'è sempre l'emeroteca.

  • Oronzo Canà 2014-11-17 alle 12:18:09

    Sig. SCAVIZZI il bello e il brutto sono opinabili perché ognuno di noi ha la propria sensibilità, ma il disastro finanziario del PUC1 (cioè il dover spendere 5.500.000,00 CINQUEMILIONICINQUECENTOMILAEURO in PIU' PER COMPLETARE L'OPERA) NON LO PUO' CONSIDERARE OPINABILE.
    Quello è un disastro! E lei ne è pienamente responsabile nonostante continui a difenderlo! Non si accorse nessuno dell'insostenibilità finanziaria perché alcuni aspetti non furono resi pubblici, MA LEI CHE LO VOTO' LI AVREBBE DOVUTI CONOSCERE A PERFEZIONE!!!
    Lei parla di strabismo di GAGLIARDI perché boccia il PUC1 (a livello estetico) ed incensa l'intervento delle LOGGE! ma non è la medesima cosa che fa lei a parti inverse? (giustifica continuamente l'intervento del PUC1 e boccia quello delle LOGGE).
    Capisco che la confusione oramai a preso il sopravvento ma almeno la decenza di non contestare agli altri lo strabismo proprio!!
    Ma il presidente nazionale di ITALIA NOSTRA non dice niente sul PUC1? Cosa ne pensa?

    • Oronzo Canà 2014-11-17 alle 13:06:51

      ...ha preso..
      (scusate)

    • Leo Alberti 2014-11-17 alle 14:17:15

      Srivo poco ma leggo molto e il suo atteggiamento nei confronti di Scavizzi rivela sintomi ossessivi. Oggi si usa il termine inglese Stalking.

    • Oronzo Canà 2014-11-17 alle 14:31:15

      Noto con estremo stupore che ogni volta che pongo una domanda scomoda interviene sempre un compagno in difesa del sig.Scavizzi.
      Forse non ha ben noto il significato di stolking, ne tantomeno di ossessione! Ritengo semplicemente assurdo che il sig. SCAVIZZI continui a contestare le Logge quando il suo voto favorevole avvalló l'iter di approvazione del Puc1. Che per dimensioni dell'intervento si può tranquillamente definire il più devastante di tutti i tempi nel nostro centro storico.
      Tra l'altro sono l'unico blogger che ha sempre difeso l'idea del progetto Puc1, e quindi non ho contestato tutti e tutto! Ma come fa a non stonare anche a lei questa posizione contraddittoria del sig.Scavizzi? Forse perché anche lei le dicono come ragionare

    • Leo Alberti 2014-11-17 alle 14:36:04

      Sicuramente non ho chiaro il significato di Stolking, e non so nemmeno se questa parola esista in qualche dizionario. So sicuramente che cosa significa Stalking.

    • Leo Alberti 2014-11-17 alle 14:42:56

      Forse ha usato in maniera impropria il verbo avvallare.
      Avvallare e avallare indicano due azioni completamente diverse, motivo per cui NON sono INTERCAMBIABILI e bisogna fare attenzione al loro significato!

      Avallare significa "garantire" e deriva da avallo (= garanzia), che, a sua volta, deriva dal francese aval. Con questa parola i Francesi intendono "à valoir", cioè l'intenzione di far valere la firma della persona, in favore della quale è prestato l'avallo .

      Avvallare, invece, significa "abbassare, affondare ( con valore transitivo), scendere a valle" e deriva da "valle".

      Dovremmo quindi dedurre che Scavizzi è sceso a valle.

    • Oronzo Canà 2014-11-17 alle 15:35:45

      Purtroppo con il telefonino è facile incorrere in errori (e anche orrori) grammaticali.
      Comunque ce ne vuole per accostare il significato scendere a valle al resto della frase...
      Forse si dovrebbe sforzare a rispondere ai contenuti piuttosto che fare l'analisi grammaticale della frase! Evidentemente li è dura! La capisco sig. Alberti!
      Comunque compagno si faccia spiegare la differenza tra 900.000,00 e 5.500.000,00, poi ,una volta che l'ha capita, continui a pensare alle Logge che tanto i cinquemilioni e rotti li paga pantalone!!!


      P.S. Mi scusi luminare sig. Alberti ma prima ho letto che ha scritto "srivo"? Che vuol dire?

    • Leo Alberti 2014-11-17 alle 15:53:12

      Che devo andare dall'oculista!

    • Ubaldo Emanuele Scavizzi 2014-11-17 alle 17:25:49

      Ho già spiegato svariate volte a Canà che il costo "odierno" del PUC1 non dipende né da me né dall'amministrazione che allora varò un progetto che al Comune costava pochissimo in rapporto a quanto prometteva di rendere alla città, almeno da quanto dicevano TUTTI (i media in primis). Se io fossi capace di prevedere in anticipo l'andamento degli investimenti, ora sarei un milionario giocatore di borsa, invece che un professore di scuola secondaria. Deduco che Canà lo sia un milionario, visto che già dal 2001 aveva previsto (beato lui) che il PUC1 sarebbe stato un disastro economico e quindi è in grado di dire in anticipo, con assoluta certezza, quale sarà il rendimento o la perdita degli investimenti. Se magari avesse scritto articoli e pubblicato manifesti, come facciamo noi ora per le Logge, forse avremmo evitato quello che lui definisce disastro finanziario. Ma siccome non lo fece, non mi pare proprio in grado di dare lezioni agli altri, tanto più che si nasconde dietro un nome falso.

    • Ubaldo Emanuele Scavizzi 2014-11-17 alle 17:25:49

      Ho già spiegato svariate volte a Canà che il costo "odierno" del PUC1 non dipende né da me né dall'amministrazione che allora varò un progetto che al Comune costava pochissimo in rapporto a quanto prometteva di rendere alla città, almeno da quanto dicevano TUTTI (i media in primis). Se io fossi capace di prevedere in anticipo l'andamento degli investimenti, ora sarei un milionario giocatore di borsa, invece che un professore di scuola secondaria. Deduco che Canà lo sia un milionario, visto che già dal 2001 aveva previsto (beato lui) che il PUC1 sarebbe stato un disastro economico e quindi è in grado di dire in anticipo, con assoluta certezza, quale sarà il rendimento o la perdita degli investimenti. Se magari avesse scritto articoli e pubblicato manifesti, come facciamo noi ora per le Logge, forse avremmo evitato quello che lui definisce disastro finanziario. Ma siccome non lo fece, non mi pare proprio in grado di dare lezioni agli altri, tanto più che si nasconde dietro un nome falso.

  • Francesco Gagliardi 2014-11-17 alle 09:03:23

    Live Gubbio ha rivoluzionato la comunicazione in Città. Merito agli ideatori ed agli utenti.

    Errare humanum est, perseverare diabolicum.
    Reminiscenze del mio catechismo: la redenzione è per tutti, così come la santità. Basta volerle.

  • Massimo Boccucci 2014-11-17 alle 08:37:12

    COMITATO: A me non avete risposto. Soprattutto su punti estremamente precisi che possono non piacere ma sono fatti inconfutabili. Fatti e non opinioni. Poi, sulle opinioni ciascuno giustamente ha le sue.

    • Comitato Beni Culturali Gubbio 2014-11-17 alle 08:50:30

      Le abbiamo ampiamente risposto nella "REPLICA DI SOSTANZA".
      Se vuole possiamo ripubblicare gli articoli scritti da membri del nostro Comitato sui tanti scempi degli ultimi anni.
      Cominciamo con Piazza San Giovanni, anni 2006-2007. Gradiremmo confrontare i nostri articoli con i suoi. La ringraziamo anticipatamente.

    • Alessandro Passeri 2014-11-17 alle 16:22:28

      C'è qualcuno che fa finta di non capire ciò che gli è stato ampiamente risposto e controbattuto sono più di uno e sono tutti favorevoli alla vetrificazione, agiscono come una squadra, oserei dire.

  • Comitato Beni Culturali Gubbio 2014-11-17 alle 08:29:50

    Sinteticamente rispondiamo sia a BOCCUCCI che a GAGLIARDI, in quanto “gemelli di penna”.
    Scrivete con la carta carbone, quindi con “una fava prendiamo due piccioni”.
    Diciamo subito che il nostro “attivismo” su questo sito ce l’ha ispirato l’Avv. Gagliardi, dopo la negazione del Quarto e del Quinto Potere.
    Anche nella Storia c’è un a.C e un d.C. e, sempre per rimanere in tema, la Storia è piena di grandi peccatori che dopo essersi ravveduti sono diventati Santi, forse anche noi siamo avviati verso la santificazione e voi?

  • Francesco Gagliardi 2014-11-16 alle 22:31:48

    Caro Comitato (sembra di parlare con la "voce" che parlava con Magalli in un fortunato programma televisivo di qualche anno fa, ma vabbè, passi pure),
    non voglio essere polemico, ma non posso non sollevare le vostre contraddizioni.
    Affermate di essere nati da poco con l'obiettivo di fermare gli scempi: quando i buoi sono scappati, aggiungo io, riferendomi ai disastri compiuti nel corso del medioevo goracciano (lo so, il Medioevo è stato un periodo per molti aspetti entusiasmante, ma utilizzo il termine nel suo significato "volgare" che vuole indicare l'oscurantismo e la Paura). Per analogia, anche i Liberi e Democratici hanno affermato che, d'ora in poi, ci sono loro e la musica cambia. Li avete attaccati su questo, ergo....
    Affermate che in passato alcuni di voi hanno gridato allo scempio, però trascurate di dire che alcuni di voi hanno amministrato compiendo quello scempio. Come fate a tenervi stretti, stretti in questa "battaglia" per le Logge senza "prendervi per i capelli" ricordando avvenimenti di pochi anni fa.
    Per essere "quattro gatti" siete "multiverso": giudici e carnefici, nel senso figurato dei termini, ovviamente.

    • Alessandro Passeri 2014-11-17 alle 16:10:43

      Caro avvocato quello scempio di S. Pietro non era previsto, per favore basta allusioni, congetture, grazie.

  • Massimo Boccucci 2014-11-16 alle 21:59:22

    Spett.le Comitato

    Nel giorno della conferenza stampa ero fuori sede e non sono minimamente intervenuto perché impossibilitato. Si tenga peraltro conto del fatto che le notizie emerse in conferenza stampa – come avevo previsto – erano già state anticipate dal sottoscritto in un articolo pubblicato nei giorni precedenti sul “Messaggero”. Sapevo in partenza che non sarebbero emersi fatti nuovi rispetto a quanto da me già scritto.
    Ritengo che la conferenza stampa, come dice la terminologia e la convocazione, è un incontro esclusivo con la stampa. Dunque, la presenza del Comitato non si spiega se non con la moda (in verità molto eugubina) di fare commistioni.
    Ci sono sedi opportune, occasioni, appuntamenti per esternare, ma una conferenza stampa ha una connotazione ben precisa. Mi sarei sorpreso nel trovare il Comitato presente, e avrei sicuramente posto la questione.
    Sul refuso della citazione latina, mi limito a evidenziare che scrivo 7-10 articoli al giorno per le testate con le quali mi onoro di collaborare e non penso che debba cospargermi il capo di cenere (o fare un “caso”) se “modus operandi” diventa “modus operando”.
    Quanto alle vostre posizioni, sono largamente conosciute perché inondate da mesi livegubbio - a rotazione voi e quanti la pensano come voi - immaginando evidentemente che ci si possa “sfogare” a getto continuo e si possano esercitare chissà quali pressioni. Le opinioni sono rispettabili e restano tali. Nei miei articoli ho sempre riportato soprattutto i fatti intesi come le decisioni, le autorizzazioni, le ripercussioni, per poi citare le opinioni.
    Trovo invece un pò “strana” la vostra reazione - quasi fosse un “nervo scoperto” - quando ricordo che le posizioni assunte dal Comitato sono identiche (e viceversa: stabilite voi chi segue chi...) a quelle di Rifondazione Comunista. Cito sempre per primo il Comitato perché si è mobilitato maggiormente e dunque Rifondazione Comunista “sostiene” il Comitato. Sostenere vuol dire appoggiare, condividere, perorare la medesima causa. Non vorrei esagerare con significati e sinonimi di un termine, ma sicuramente lascio le interpretazioni. Può non essere trascurabile il fatto che taluni componenti del Comitato hanno condiviso con Rifondazione Comunista responsabilità di governo negli anni di Orfeo Goracci sindaco o hanno dichiaratamente espresso sostegno-condivisione. Ci si può limitare in questo caso a ricordare come nel decennio Goracci-Ercoli si assisteva tra il silenzio assordante alle vie del centro storico asfaltate col catrame (c’era uno staff specializzato nel trattamento con catrame delle buche...), alla ristrutturazione di piazza San Giovanni prendendo un progetto identico a quello realizzato in una piazza siciliana con chiesa barocca, alla realizzazione del famigerato parcheggio multipiano di via Fonte Avellana ribattezzato solo negli ultimi tempi “ecomostro” (ho sempre pensato che i problemi fossero altri come rivela l’inchiesta giudiziaria in corso). All’epoca nessuno ha pensato di costituire un comitato? Ed è quanto meno singolare che taluni “protagonisti” e i “supporters” di allora siano oggi attivisti del Comitato. Magari sarà un risveglio delle coscienze...

    • Marco Fanucci 2014-11-17 alle 07:22:42

      Sig. Boccucci, lei al tempo dell'ascesa politica di Goracci, fu uno dei sostenitori più accaniti "dell'uomo nuovo". Fondò un periodico e da lì contribuì non poco alla costruzione di quella candidatura vincente. Ora vede l'uomo Goracci come la peste. Cambiare idea è sintomo di intelligenza, tuttavia sarebbe interessante se lei divulgasse i motivi di questa sua giravolta sentimentale, altrimenti il rischio è che perda di credibilità, sia quando sostiene sia quando attacca un esponente politico.

  • Comitato Beni Culturali Gubbio 2014-11-16 alle 13:57:25

    REPLICA DI SOSTANZA PER IL GIORNALISTA MASSIMO BOCCUCCI

    Gentile Boccucci, eccoci a trascorrere un altro po’ di tempo con lei!
    Siamo pronti ad elencarle dei fatti eclatanti .
    E’ un fatto che alla conferenza stampa del Sindaco sul problema Logge si è sentita la Sua mancanza, mentre era nutrito il numero degli associati al Comitato per la tutela dei beni culturali e del paesaggio (almeno una decina).
    Ella, che è un solerte giornalista, dopo una fugace apparizione, veramente non notata da molti, ha pensato bene di assentarsi, forse per non avere un dibattito diretto con coloro che Ella accusa di accampare solo opinioni e quindi, se pur rispettabili, non degne di attenzione giornalistica.
    Di conseguenza non ha potuto fare, a quanto ci risulta, la cronaca dell’incontro. Come mai?
    Dobbiamo dare atto al Sindaco di aver concesso di allargare la partecipazione anche ai presenti, visto che la conferenza stampa si sarebbe esaurita col Suo solo intervento, perché esile il contributo dei rappresentanti della stampa presenti.
    E’ ancora un fatto che gli interventi dei rappresentanti del Comitato hanno denunciato dei fatti: la relazione della commissione dell’ANCSA contraddice i principi ispiratori della Carta di Gubbio che vuole la tutela dei beni architettonici di pregio e di importanza storico-artistica; il monumento delle Logge è quanto rimane della gloriosa Arte della lana che ha reso Gubbio ricca per secoli e ha contribuito a costruire la splendida città di pietra che si vorrebbe umiliare con una fascia trasversale di luce che altererebbe la unicità del complesso architettonico del centro storico, quasi ad annullarne la vista.
    E’ un fatto che anche le Sovrintendenze possono sbagliare, come ha detto lo stesso ministro Franceschini nella trasmissione di Fazio su rai 3.
    E’ un fatto che non possiamo stravolgere l’identità di un monumento che è Loggia e tale deve rimanere, perché altrimenti modificherebbe la “cartolina” di Gubbio conosciuta in tutto il mondo.
    E’ un fatto che il ripristino di questo manufatto è doveroso e altrettanto lo è il suo riuso per manifestazioni di vario tipo compatibili con il luogo, in assenza di vetrificazione.
    E’ un fatto che il Sindaco, durante la campagna elettorale, aveva mostrato perplessità se non contrarietà al tamponamento con i vetri e nulla è cambiato perché questa opinione non debba ancora valere.
    Potremmo continuare, ma lo spazio è tiranno.
    Venendo alla sua affermazione che citiamo a memoria: dove eravate quando, si asfaltavano le strade del centro storico, quando veniva sfregiata la città con il Puc 1, quando Gae Aulenti “rovinava” piazza S. Giovanni…
    Le ricordiamo che Il Comitato è sorto di recente proprio per dire BASTA agli scempi che si continuano a perpetrare ai danni di una città che avrebbe potuto meritare di essere presa in considerazione dall’UNESCO come patrimonio dell’umanità per il suo stato di conservazione.
    Le ricordiamo anche che, individualmente, alcuni membri del Comitato avevano preso posizione sia riguardo allo stato delle strade, sia riguardo alla deturpazione di piazza S. Giovanni in tempi non sospetti e ben prima delle sue attenzioni.
    Per concludere, le passiamo la svista del latino perché capiamo bene che i refusi possono scapparci, ma è buona norma di un giornalista serio rileggere i suoi testi per evitarli.
    Quello che non Le perdoniamo è, però, la scarsa conoscenza delle mille sfumature che possiede la lingua italiana: quando Ella parla di sostegno riguardo al partito di RF nei nostri riguardi, Ella non tiene conto che la parola sostegno è altro da semplice condivisione. Sostegno significa aiuto morale e materiale che non abbiamo mai avuto modo di constatare, mentre abbiamo potuto verificare la condivisione nei pochi interventi che abbiamo potuto leggere. Quindi condividere le idee non è necessariamente dare sostegno. Pertanto Le chiediamo di usare con attenzione le sue parole , perché le parole sono pietre.

  • Massimo Boccucci 2014-11-15 alle 22:25:33

    ARCHITETTO FANUCCI: Mi sento semplicemente un giornalista che, come è naturale che sia, mi impegno fortemente a scindere i fatti dalle opinioni. Non nascondo di avere idee e di portarle all'attenzione, rispettando quelle degli altri, però metto sempre e comunque al primo posto i fatti che mi piace raccontare prima che interpretare. Ci tengo a sottolineare la stima per la sua professione e professionalità, al di là delle idee e delle opinioni.

    COMITATO: Confesso una debolezza: sono abituato a scrivere corpo 26 e dunque una o per una i può scapparci se scrivendo direttamente nella pagina del sito. Fino a modus operandi ci arrivo... state tranquillo. Se avete voglia di rileggervi qualche articolo del passato remoto e recente troverete sempre modus operandi... Mi mancava la correzione ortografica... in attesa della replica di sostanza.

    LIVE GUBBIO: Non vorrei essere stato frainteso. Sono un attento lettore del sito e, come si vede, ogni tanto mi diletto a intervenire. Se pensassi che questo strumento divulgativo fosse uno "sfogatoio" rinuncerei a leggerlo e ancor più a intervenire. Intendo per sfogatoio l'uso che se ne fa trovandolo come sistema - spesso purtroppo anonimo - appunto per sfogarsi e parlare di tutto di più. Ho dell'informazione un'idea precisa: ciascuno di noi ha diritto di informare e di essere informato, come fondamento del dettato costituzionale. Ma l'informazione è prima di tutto riportare fatti ed esercitare cronaca. Dare libero sfogo alle opinioni è altro. Per quanto legittimo.

    • Live Gubbio 2014-11-16 alle 14:00:43

      Ancora con la "storia" degli anonimi. Sul web, da Facebook a Twitter fino ai mezzi di comunicazione on line nazionali e locali, ogni utente è "anonimo" e "reale" e allo stesso tempo, perché registrarsi come "Mario Rossi" o "Pinco Pallino" non fa differenza, anche "Mario Rossi" potrebbe essere un nome inventato. Anonimi sono gli articoli che escono senza firma sui giornali cartacei, sul web invece tutti gli utenti sono registrati e rintracciabili e la cosa che conta sono i contenuti.

    • Comitato Beni Culturali Gubbio 2014-11-16 alle 14:32:26

      Grazie ancora a LIVE GUBBIO che ci permette di esprimere liberamente le nostre opinioni.
      Noi stiamo conducendo una "battaglia" di civiltà per salvare dalla "vetrificazione" un munumento fondamentale per il centro storico di Gubbio.
      Per esprimere il nostro dissenso abbiamo SOLTANTO tre possibilità: la pubblica affissione, i pubblici dibattiti e questo sito che, contrariamente a quanto avviene sui media locali, dà a TUTTI la possibilità di far sentire la propria voce.

  • Francesco Gagliardi 2014-11-15 alle 19:21:34

    Ringrazio tutti quanti per l'attenzione e vorrei fare alcune precisazioni.
    Sul progetto di riqualificazione delle Logge ho espresso il mio personale gradimento che mai ho pensato di "imporre" ad altri. Al contrario, ho invitato quanti ritengono che l'intervento, oltre ad essere brutto, fosse pure illegittimo a rivolgersi agli organi giudiziari competenti. Non comprendo perché finora non lo abbiano fatto, perdendosi in chiacchiere.
    Sulla vicenda di San Pietro ho espresso il mio personale disappunto, ritenendo brutto l'intervento. Anche in questo caso, senza "imporre" il mio pensiero ad altri.
    Mi dispiace, però, che si stia trascurando un aspetto per il quale mi sto battendo. Ritengo che debbano essere sviscerate le responsabilità politiche che hanno costretto il Comune di Gubbio a trasformarsi in imprenditore ed a spendere soldi pubblici per sei milioni di euro, a fronte di una partecipazione iniziale di meno di un milione di euro.
    Dunque, quel parcheggio ha "succhiato" risorse a tutti e nessuno sembra preoccuparsene.

    Quanto ai denigratori di professione, continuino pure nel loro lavoro. Non influenzeranno il mio atteggiamento.

  • girolamo beccafico 2014-11-15 alle 18:04:57

    Cari inserzionisti e commentatori di questo blog non vi scagliate sempre contro Gagliardi, i suoi pareri forse sono influenzati dalle elezioni regionali che sono prossime: furbescamente ha capito che senza l'appoggio degli uomini che vetrificheranno le Logge a Palazzo Cesaroni non ci si arriva.

    • Luigi Magni 2014-11-15 alle 18:55:29

      Purtroppo mi sembra che l'abbia capito non solo lui, ma molti altri anche di centro, sinistra e sinistra "alternativa"!

  • Comitato Beni Culturali Gubbio 2014-11-15 alle 15:48:27

    Risposta all'Avv. GAGLIARDI per il messaggio delle 10:41:43
    Caro Gagliardi, lo riteniamo un interlocutore valido su diversi argomenti, tanto è vero che le abbiamo dato la nostra disponibilità per lo scempio di San Pietro, che noi stessi abbiamo denunciato da tanto tempo. Non lo riteniamo un interlocutore attento e ponderato per il “Caso Logge” dove, nonostante diversi tentativi, anche verbali, di approfondire con Lei l’argomento, non ha dimostrato di nutrire “il minimo dubbio” sulla proposta di vetrificazione delle stesse Logge appellandosi alla “comoda e inflazionata tesi della soggettività”.
    Non abbiamo scagliato nessuno strale contro la stampa “oscurantista” come la definisce Lei; la nostra è semplicemente “cronaca” e questo si renderà conto che è molto grave!
    Ci appelliamo alla sua sensibilità e intelligenza pregandola di farla finita con i continui accostamenti a Goracci che sono l’ennesima, consapevole strumentalizzazione messa in atto da più parti per far credere quello che non è.

    • Ubaldo Emanuele Scavizzi 2014-11-15 alle 16:19:03

      Scusate, ma come fa Gagliardi, che difende la vetrificazione appellandosi ai pareri positivi di Soprintendenza e Ministero, oltreché a tutte le autorizzazioni del caso, e che definisce soggettive le critiche all'acquario, a definire scempio il parcheggio di S. Pietro? Proprio non lo capisco! Anche quello ricevette TUTTE le autorizzazioni di legge ed il plauso dell'intera cittadinanza perché: 1) rivitalizzava S. Pietro ed il Centro Storico; 2) faceva lavorare imprese locali; 3) costituiva un investimento cospicuo, di cui buona parte a carico di Regione e privati; 4) costituiva un inserimento moderno compatibile con l'architettura storica. Notate analogie? Allora come mai quello è uno scempio e la vetrificazione è bella, buona, filantropica? Forse perché quello l'hanno "fatto" (si fa per dire, ma è tutt'altro) gli odiati comunisti e questa gli amati "benefattori" privati? Non c'è limite allo strabismo.

    • Oronzo Canà 2014-11-16 alle 00:44:53

      Proprio per questa considerazione caro SCAVIZZI non riesco a capire perché lei HA VOTATO FAVOREVOLMENTE AL PUC1 E ORA SI OPPONE ALLE LOGGE!
      Guarda te l'elefante dice orecchione al coniglio!!!
      Peccato che quell'opera (ribadisco interessante come idea) si basasse su un di un piano finanziario critico...
      È questo caro SCAVIZZI che vi si contesta non il progetto! La sua insostenibilità finanziaria! Ma come si può concepite di chiedere un affitto trentennale anticipato di alcuni locali in via xx settembre!!!

    • Ubaldo Emanuele Scavizzi 2014-11-16 alle 09:45:12

      Perché ho votato favorevolmente gliel'ho spiegato una quantità di volte e non mi ripeterò, sarebbe inutile.
      Quanto al resto, forse è lei che contesta solo l'aspetto finanziario, che peraltro è opinabile come il resto; tutti gli altri, Gagliardi compreso, obiettano la bruttura del parcheggio. E qui subentra lo strabismo di cui ho parlato sopra. A proposito, all'epoca tutti (giornali in primis) plaudirono all'opera (vedi sopra); come mai non si accorsero che - come dice lei - era finanziariamente insostenibile? Del senno di poi è piena la terra.

    • Oronzo Canà 2014-11-17 alle 12:18:45

      scusi l'ho postato erroneamente sopra...
      lo ripropongo qui
      Sig. SCAVIZZI il bello e il brutto sono opinabili perché ognuno di noi ha la propria sensibilità, ma il disastro finanziario del PUC1 (cioè il dover spendere 5.500.000,00 CINQUEMILIONICINQUECENTOMILAEURO in PIU' PER COMPLETARE L'OPERA) NON LO PUO' CONSIDERARE OPINABILE.
      Quello è un disastro! E lei ne è pienamente responsabile nonostante continui a difenderlo! Non si accorse nessuno dell'insostenibilità finanziaria perché alcuni aspetti non furono resi pubblici, MA LEI CHE LO VOTO' LI AVREBBE DOVUTI CONOSCERE A PERFEZIONE!!!
      Lei parla di strabismo di GAGLIARDI perché boccia il PUC1 (a livello estetico) ed incensa l'intervento delle LOGGE! ma non è la medesima cosa che fa lei a parti inverse? (giustifica continuamente l'intervento del PUC1 e boccia quello delle LOGGE).
      Capisco che la confusione oramai a preso il sopravvento ma almeno la decenza di non contestare agli altri lo strabismo proprio!!
      Ma il presidente nazionale di ITALIA NOSTRA non dice niente sul PUC1? Cosa ne pensa?

  • Francesco Gagliardi 2014-11-15 alle 15:01:57

    Caro Alessandro,
    non ho l'elenco degli aderenti al Comitato. Ma se ne fanno parte coloro che stendevano le lenzuola sotto le Logge non è una congettura, ne ho la certezza.

    • Giovanni Vantaggi 2014-11-15 alle 16:53:37

      Il sottoscritto fa parte del Comitato Beni Culturali Gubbio da sempre. Non ero tra quelli che stendevano le lenzuola e non sono mai stato nè simpatizzante, nè tanto meno iscritto a RC, come molti altri componenti del comitato stesso, che è invece trasversale (ognuno ha le sue idee di appartenenza politica) quello che ci unisce è unicamente la salvaguardia e l'attenzione a quello che i nostri avi ci hanno lasciato.
      Come vede le sue "certezze" ... sono piene di buchi o... era un'altra arrampicata sui vetri?

    • Alessandro Passeri 2014-11-15 alle 18:46:37

      Caro Francesco a questo punto devi divulgare questo elenco con tanto di nomi e cognomi. Chi e quante sono queste persone che stendevano le lenzuola e quale ruolo, quale parte costituiscono del Comitato?
      Nel Comitato ci sono antagonisti di quella parte politica e gente legata da sentimento di amicizia nei confronti dei fratelli Colaiacovo, vediamo dunque se sarai in grado di smentirmi.

    • Alessandro Passeri 2014-11-15 alle 18:55:20

      Ho letto male, non hai l'elenco. Appunto peggio ancora.
      Anche la Lega si trova a condividere battaglie politiche o referendarie con parte della sinistra, con la Le Pen....ma di certo non si può dire che siano alleati della sinistra o nazionalisti.
      Ciò che unisce i componenti del Comitato sta unicamente nel significato della sua denominazione.

  • Massimo Boccucci 2014-11-15 alle 14:16:41

    Pressione (perché si confonde l'informazione con lo sfogatoio a lo zibaldone...) fa rima con ossessione (quella di chi a turno canta e suona ripetutamente la stessa canzone a turno: una decina tra cantanti e suonatori fanno numericamente una discreta band ma pur sempre una band.,...), e dunque si può ben capire che in una città che per lunghi anni ha tollerato un centro storico martoriato dal catrame al posto delle pavimentazioni idonee, un parcheggio davanti a un complesso monumentale e in un contesto architettonico che da anni è lasciato all'abbandono (oltre ai risvolti ecomici), una piazza medievale ristrutturata copiando il modello urbanistico-architettonico di una piazza siciliana con chiesa barocca, adesso si è avviata questa crociata - di poche anime in verità, almeno per ora aspettando petizioni pubbliche corpose - su un monumento come le Logge di proprietà privata e diventato simbolo di qualcosa che ancora non si è ben capito. La mia non è opinione ma la ricostruzione per una verità sostanziale dei fatti sulla vicenda che su questo sito assume il carattere di martellamento con le stesse argomentazioni ripetute ormai migliaia di volte, come se non si fosse che c'è una parte rispettabile di persone che non vuole una determinata cosa... Se l'operazione-logge è illegittima ci sono gli organi di controllo preposto e si possono fare esposti, altrimenti ormai le posizioni sono chiare e potrebbe essere utile non ripetere alla noia la stessa musica. L'unico elemento di novità, nel pubblico dibattito, potrebbe essere una raccolta di firme attraverso lo strumento della petizione popolare, come si è visto per la strada e l'ospedale, promossa naturalmenter da chi magari è convinto che larga parte dell'opinione pubblica locale sia contraria al progetto e alle sue ripercussioni economiche sul tessuto sociale cittadino.
    Una conferenza stampa è per definizione un incontro con la stampa, dunque l'unica abilitata nel senso sostanziale a intervenire all'incontro con la stampa promosso dal sindaco Stirati - tra quelli intervenuti sopra citati dal Comitato - è stata Giovanna Nigi, che va ricordato per completezza è in una posizione diciamo un pò particolare per gli incarichi non giornalistici che ricopre e il cui modus operando ( in questa vicenda come in esternazioni sui social network) esula dalla funzione di giornalista.
    ARCHITETTO FANUCCI: Io sono in grado di dimostrarle che a Gubbio la stampa c'è, opera e ha titoli sufficienti. Posso chiederle, con tutto il rispetto, se per esempio può valere per lei una riflessione analoga su altre professioni e magari - così per dire - proprio la sua?

    • Marco Fanucci 2014-11-15 alle 14:30:15

      Non alludevo a lei, quando dicevo che la stampa a Gubbio non esiste. Lei è oltre la stampa, essendo un comunicatore con delle idee e una propria visione delle cose. Insomma sig. Boccucci, lei è un opinion-maker che in città riveste un certo peso e una certa rispettabilità. Un pezzo da novanta! Mi riferivo invece al dibattito culturale che è mancato sui network locali in merito alla vetrificazione, ad un'ingessatura degli argomenti. Mi creda, non alludevo a lei; in genere stimo i giornalisti "faziosi", a prescindere dai contenuti delle loro idee.

    • Marco Fanucci 2014-11-15 alle 14:35:31

      Riguardo ai contenuti sulla vetrificazione: sì, credo che ci siano gli estremi per ricorrere al tar oppure alla presidenza della repubblica. Forse anche per una denuncia penale sulla base della violazione dell'art.20 del Codice dei Beni Culturali e Paesaggistici. Però ci vogliono denari (tanti denari) e coraggio e una buona dose di ottimismo. Personalmente ne sono sprovvisto: sia di denari, sia di coraggio sia di ottimismo. Mi affido alla buona volontà di uomini generosi, coraggiosi e ottimisti!

    • Alessandro Passeri 2014-11-15 alle 15:15:51

      Anche chi crede di fare un cosa apprezzata e largamente condivisa ne annuncia il progetto come è solito fare e non la propone a procedure quasi ultimate senza approfondire aspetti essenziali dell'opera.
      Menomale che al catrame c'ha pensato lei!

    • Comitato Beni Culturali Gubbio 2014-11-15 alle 15:53:29

      Giornalista BOCCUCCI, le risponderemo domani. Intanto le diciamo che, se proprio vuole fare delle citazioni in Latino, le faccia corrette!

    • Live Gubbio 2014-11-15 alle 19:11:23

      Signor Boccucci Live Gubbio è tutto fuorché uno "sfogatoio", come dice lei. È un "luogo" dove sicuramente si fa più informazione di certi altri mezzi di comunicazione. Anzi la invitiamo ad evitare di fare certi commenti, perché un contro è esprimere le proprie idee sul progetto delle Logge, un altro è cercare di screditare il lavoro altrui. Un conto è rispondere al Comitato, un altro è mancare di rispetto al gruppo di persone che qui svolgono il proprio lavoro quotidianamente. Questa è una cosa che non possiamo permettere e mai la permetteremo.

    • Live Gubbio 2014-11-15 alle 19:11:24

      Signor Boccucci Live Gubbio è tutto fuorché uno "sfogatoio", come dice lei. È un "luogo" dove sicuramente si fa più informazione di certi altri mezzi di comunicazione. Anzi la invitiamo ad evitare di fare certi commenti, perché un contro è esprimere le proprie idee sul progetto delle Logge, un altro è cercare di screditare il lavoro altrui. Un conto è rispondere al Comitato, un altro è mancare di rispetto al gruppo di persone che qui svolgono il proprio lavoro quotidianamente. Questa è una cosa che non possiamo permettere e mai la permetteremo.

    • Cico Tarzan 2014-11-16 alle 16:39:43

      Sei un grande arch. Fanucci solo che devi essere piu' chiaro, non tutti l'hanno capita. Sulla stampa dissento forse ce n'è anche troppa sono i giornalisti che mancano!

  • Francesco Gagliardi 2014-11-15 alle 13:25:16

    Caro Alessandro,
    stiamo discutendo di informazione locale e i tuoi richiami a Berlusconi o anche a Fidel Castro sono fuori luogo.
    Quando leggo le classifiche della libertà di informazione mi viene da ridere. La "par condicio" è una delle più grandi boiate mediatiche che solo uno come Scalfaro poteva inventarsi. Lui, uomo dei segreti di Stato.

    • Alessandro Passeri 2014-11-15 alle 14:53:39

      Caro Francesco,
      non meno fuori luogo è il tuo continuo voler accostare il Comitato ad una certa parte della politica locale, Procedi per congetture e da avvocato sai che è pratica non corretta.

  • Francesco Gagliardi 2014-11-15 alle 10:41:43

    Caro Comitato,
    grazie di avermi sempre nei vostri pensieri. Evidentemente mi ritenete un interlocutore "valido", altrimenti non stareste a perdere tempo con me.
    Contro la stampa "oscurantista" per un decennio ha scagliato i suoi strali l'ex sindaco Goracci.
    Le similitudini sono più forti delle parole.

    • Cico Tarzan 2014-11-15 alle 11:17:33

      Dopo quel benedetto S.Valentino si è lamentato della troppa esposizione mediatica minacciando querele a destra e manca, come si fa' si fa' male evidentemente. Questi, caro avv. si preoccupano piu' di lei che delle logge.

    • Alessandro Passeri 2014-11-15 alle 13:07:45

      Bè se è per quello anche Berlusconi se ne lamentava ora decidi tu caro avvocato dove collocarci.
      Comunque se uno è obbiettivo e ha occhi per vedere e orecchi per sentire sa bene che, all'infuori di Live Gubbio, alle opinioni contrarie non è stato dato alcuno spazio se non in misura di molto inferiore a quelle favorevoli.
      Ad esempio TRG dice di non dare spazio a noi perché non danno spazio alle opinioni però allo stesso tempo si sentono quelle che sono opinioni contrarie (in rapporto 1 a 10, l'ho contate) andando a registrarle persino a domicilio.
      E allora, come mai per ciò che riguardava la rete in Piazza Grande alcuni esponenti del Comitato vennero ospitati in studio? Non erano anche quelle "opinioni"?
      E pure sulla stampa ci fu dato qualche spazio in più...
      Allo stesso tempo non si può far finta di non vedere che il progetto Logge non è stato presentato alla cittadinanza se non dopo che l'iter di approvazione era di molto avanzato e soprattutto non si può ignorare il fatto che comunque non sono mai stati evidenziati pubblicamente tutti gli aspetti più negativi e critici del progetto, tanti ancora li ignorano.
      Diverse persone inizialmente favorevoli o indifferenti hanno manifestato la loro contrarietà una volta informate.

    • Alessandro Passeri 2014-11-15 alle 13:10:34

      Tutto questo qualche domanda non ve la suscita?

  • Alessandro Bocci 2014-11-15 alle 10:18:43

    Capisco che la tendenza è a livello nazionale, se non mondiale, ma vi pregherei di dare un'occhiata a come siamo diventati. Siamo una città frammentata, ipocrita oltremodo, che sembra divisa in bande di cannibali che cercano di sbranarsi gli uni contro gli altri. Questo avviene quando c'è prevaricazione o tentativo di prevaricazione degli uni verso gli altri. Possibile che non si riesca a vedere che un po' più di buon senso e vero senso civico basterebbero a far vivere tutti meglio...

  • Marco Fanucci 2014-11-15 alle 09:51:10

    Perché a Gubbio esiste una stampa?

  • Comitato Beni Culturali Gubbio 2014-11-15 alle 09:38:41

    IL GATTO EROE - Avv. GAGLIARDI, il ritaglio del giornale (La Repubblica, giovedì 13 novembre) è dedicato a Lei...

Pubblicità .

Crea il tuo Account!

Accetto il regolamento del blog.

 

LiveGubbio ti dà visibilita sul web!

LiveGubbio ti dà la possibilità di sponsorizzare la tua attività, organizzazione, società o partito politico sul web dandoti visibilità 24 ore su 24 su un blog che conta più di 1000 pagine visualizzate al giorno.

Contattaci e troveremo la soluzione che più si adatta alle tue esigenze di marketing, scrivi all'indirizzo:

info@livegubbio.it