Giornale Online
Pubblicità
Pubblicità

FLASH NEWS

Mercoledì 23 Agosto 2017

i più apprezzati

$('#s1').cycle({
			    fx:      'scrollHorz',
			    prev:   '#prev',
			    next:   '#next',
			    speed:  1000, 
				timeout: 5000
				});
			
Gubbio  Libera

Dal Blog di

Gubbio Libera

Postato il: 2016-05-31 alle 15:57:49

Tags:

POLITICHE D'INTEGRAZIONE

simboli

Politica

Il fenomeno dell’accoglienza degli immigrati sta avendo una forte ricaduta anche nel nostro territorio.

Ci si chiede poco, rispetto a quello che potremmo dare, ma quando ci viene chiesto , ci facciamo suggestionare da slogan egoistici .

Chi lascia la propria terra non lo fa per facile scelta, lo fa perchè crede giustamente o sbagliando, di arrivare in un posto dove la vita è tutelata e il lavoro è tutelato.

Magari non lo sa , ma in parte quelle tutele le paga lui, la sua terra di origine, depredata delle sue risorse da multinazionali occidentali che poi arricchiscono i nostri paesi e i nostri governi e le nostre tutele.

La comunità eugubina, perlomeno quella che ci sentiamo di rappresentare, è sempre stata una comunità che si è contraddistinta per un forte spirito di accoglienza e condivisione.

L’attuale situazione evidenzia però criticità che non possono essere sottaciute.

In questi ultimi giorni un gruppo di giovani immigrati è stato spostato da Loc. Montanaldo in un appartamento in Loc. Madonna del Ponte.

Il trasferimento non è stato condiviso con gli abitanti del luogo che hanno assistito ad uno scenario surreale: i ragazzi, con i materassi in spalla, hanno preso possesso dell’appartamento affittato dai soggetti che gestiscono l’accoglienza, sicuramente inadeguato negli spazi rispetto al numero di persone trasferite e forse anche per quanto riguarda le norme di sicurezza e di igiene, senza garantire loro un minimo di inserimento in un contesto geografico ed abitativo nuovo rispetto al precedente.

Trasferiti sul posto i ragazzi sono stati lasciati completamente soli, e ciò ha determinato alcuni fatti incresciosi sia per i ragazzi stessi che per i residenti del posto.

Alcune domande, a questo punto diventano d’obbligo:

- Quale è il ruolo e la funzione dei soggetti (associazioni e cooperative sociali) che hanno firmato una convenzione per garantire accoglienza, integrazione e sostegno ai tanti giovani immigrati che insistono sul nostro territorio?

- Si pensa a fare business o si è convinti di fare qualcosa di socialmente utile?

- Quale è il ruolo e la funzione che dovrebbe garantire l’Amministrazione comunale titolare della sicurezza delle comunità locali e chiamata al monitoraggio delle realtà che gestiscono la residenzialità di questi ragazzi?

E’ scontato che lo spostamento di questi ragazzi doveva essere preventivamente concordato tra la Prefettura e l’Amministrazione comunale (Sindaco ed Assessore competente, che nel caso del Comune di Gubbio riveste anche l’incarico di Vice Sindaco).

il Sindaco intervenuto di persona sul posto di nuova accoglienza ha affermato che una comunicazione da parte della Prefettura c’era stata, ma che tale spostamento sarebbe dovuto avvenire in giorni successivi rispetto a quello in cui è effettivamente avvenuto: i fatti si sono svolti realmente così oppure c’è stata una sottovalutazione da parte degli Organi Comunali? (siamo abbastanza abituati allo scarico delle responsabilità su altri da parte di questo Sindaco).

Ammesso che questa volta le cose si siano svolte realmente come raccontatoci dal Sindaco, quali rimostranze e provvedimenti ha ritenuto di adottare nei confronti di quegli Organismi pubblici che hanno agito in maniera sbagliata (volutamente o per negligenza?) affinchè simili incresciose situazioni non abbiano a ripetersi anche in previsione dei nuovi arrivi già programmati?

Al di la poi di questi nostri legittimi dubbi, rimangono altri interrogativi:

- Chi controlla i soggetti che gestiscono i ragazzi immigrati oggi ospitati nella nostra comunità?

- Chi controlla che siano garantiti i principi minimi di accoglienza, dignità personale ed integrazione con i residenti locali?

- Chi controlla che l’accoglienza dei profughi non diventi un business di alcuni spericolati soggetti privati e che il danaro erogato, sufficiente per una dignitosa accoglienza, venga effettivamente impiegato per il soddisfacimento dei loro bisogni ?

Si parla di affitti delle strutture a prezzi elevatissimi rispetto a quelli di mercato.

Tanto si è parlato in questo periodo del problema dei profughi accolti nel nostro territorio.

Tante sono state le garanzie offerte dall’Amministrazione comunale e dai soggetti che gestiscono l’accoglienza.

Oggi stiamo raccogliendo una sconfitta.

Non è questa l’integrazione promessa.

Non è questa l’integrazione che tutti auspicavamo.

Chiediamo formalmente che l’Amministrazione comunale si faccia carico di monitorare non i profughi, ma le realtà che gestiscono l’accoglienza.

Un’ accoglienza che, a fronte degli elevati compensi riconosciuti ai soggetti firmatari delle convenzioni, trova una risposta responsabile ed efficace principalmente in alcuni volontari eugubini che giornalmente ed in maniera del tutto gratuita garantiscono interventi formativi, attività e progetti ai giovani profughi che sono stati accolti nel nostro territorio. Lo scandalo di Roma, “mafia capitale”, non ha insegnato nulla!!

Commenta l'articoloSCRIVI

  • Marco Fanucci 2016-06-01 alle 13:45:16

    Non mi sorprende affatto la posizione critica della sinistra radicale sul tema in oggetto. A Gubbio il quadro politico è molto particolare, solo in apparenza la destra è residuale. In realtà molti concittadini, pur essendo vicini a posizioni conservatrici, votano partiti di sinistra.
    Schematizzando un po', si potrebbe dire che è facile riscontrare tra elettori e politici locali orientamenti fasciocomunisti; oppure posizioni ancora più aggressive ed ideologizzate riassumibili nel cattofasciocomunismo. Infine per i più "moderati", una bella immersione nel fantastico mondo del cattocomunismo garantisce al tempo stesso vita eterna e gloria terrena.

  • Gubbio Libera 2016-06-01 alle 09:23:20

    Caro Trinity 71, è inutile che continui a cambiar nome ma “la pelle” rimane sempre quella.
    Prendere una parte dell’articolo dove si pongono dubbi e perplessità sulla gestione concreta di un episodio, sganciarla dal contesto di tutto l’articolo, per dimostrare che siamo come quel tuo “gruppo di cittadini”, contrari a priori ed a prescindere all’accoglienza, è alquanto ridicolo.
    Ci viene il sospetto che l’italiano non in tutte le scuole d'Italia viene insegnato alla stessa maniera.

    • Trinity 71 2016-06-01 alle 16:01:40

      Non so chi pensiate che io sia, ma tanto per cominciare sono una donna, quindi dubito che c'abbiate azzeccato. Voglio inoltre precisare che non sono contraria a priori all'accoglienza,non capisco da cosa lo avete presupposto, e nonostante ciò a me personalmente, oltre che ad altri che so pensarla come me, era stato dato della razzista, cosa che mi era dispiaciuto visto che i miei e loro dubbi erano leciti....come voi avete confermato. Tutto qua

    • Cico Tarzan 2016-06-01 alle 16:16:22

      Una volta i comunisti facevano le sedute spiritica...le facevano andare di moda spesso coinvolgeranno ragazzetto e poi...chissà come andava a finire.Questa è storia mai raccontata.Oggi più modestamente fanno gli indovini, non si preoccupi sig.ra trinity si sono ridimensionati, senza più capo e senza più compagni.
      ..

  • Cico Tarzan 2016-05-31 alle 21:07:52

    È molto più semplice il motivo per cui...

  • Trinity 71 2016-05-31 alle 16:41:30

    Questi quesiti e dubbi sono gli stessi che ponevano un discreto gruppo di eugubini/e non molte settimane fa, il timore era e continua ad essere di un'accoglienza non a beneficio degli accolti, mal gestita e mal controllata. A suo tempo questi/e eugubini/e sono stati/e accusati/e di razzismo e xenofobia.....ora capite che quei due aggettivi non avevano alcun senso? O siete razzisti e xenofobi pure voi? Sono felice che un poco alla volta quei timori siano stati capiti e che li condividiate....

  • massimo rama 2016-05-31 alle 16:23:05

    Bravi siete sulla strada buona

Pubblicità .

Crea il tuo Account!

Accetto il regolamento del blog.

 

LiveGubbio ti dà visibilita sul web!

LiveGubbio ti dà la possibilità di sponsorizzare la tua attività, organizzazione, società o partito politico sul web dandoti visibilità 24 ore su 24 su un blog che conta più di 1000 pagine visualizzate al giorno.

Contattaci e troveremo la soluzione che più si adatta alle tue esigenze di marketing, scrivi all'indirizzo:

info@livegubbio.it