Giornale Online
Pubblicità
Pubblicità

FLASH NEWS

Sabato 23 Settembre 2017

i più apprezzati

$('#s1').cycle({
			    fx:      'scrollHorz',
			    prev:   '#prev',
			    next:   '#next',
			    speed:  1000, 
				timeout: 5000
				});
			
Giuseppe Battistini

Dal Blog di

Giuseppe Battistini

Postato il: 2016-11-13 alle 16:42:40

Tags:

SI?...NO?...NON VOTO!

Attualita

Al referendum del 4 dicembre non andrò a votare. Mi astengo perché ritengo che sia un delitto aver perso due anni e mezzo di tempo per approvare una riforma Costituzionale, per giunta non condivisa, quando sono ben altre le priorità del nostro Paese; non ultime quelle legate al terremoto e all’emergenza economica.

Non votare, a mio parere, diventa una vera e propria disobbedienza civile, per protestare contro questo spreco di tempo e di denaro che non ha motivazioni apparenti, se non il tentativo di rifarsi una “verginità” politica in quanto, gli attuali parlamentari, sono stati eletti con una legge elettorale dichiarata incostituzionale dalla suprema Corte del nostro Paese!

Formalmente i politici eletti dal “Porcellum” non hanno i titoli per poter esercitare la loro professione. Sostanzialmente cercano di recuperare tale “vulnus” inscenando lo “spettacolo” referendario, dalle cui sorti, dipenderebbero addirittura i destini del mondo, nella speranza che, una “massiccia” affluenza alle urne, possa ridare a loro (governati e oppositori) quel velo di credibilità che gli è stato tolto dal Popolo Italiano; non solo con la citata sentenza della Corte Costituzionale ma anche con l’astensione che risulta ormai da tempo la vera vincitrice di ogni tornata elettorale (e questo fatto dovrebbe generare almeno qualche riflessione da parte degli addetti ai lavori). Se il quattro dicembre, data prevista per il Referendum, il 50% più uno degli elettori non andrà a votare, forse qualcuno capirà che è il momento di rimboccarsi le maniche sul serio così come fanno i volontari della Protezione Civile quando ci sono emergenze (quelle reali) da affrontare.

Tra due comici (Benigni e Grillo) che, per motivi diversi, vorrebbero legittimare questa classe politica, io preferisco scegliere l’astensione di Saviano (che non sente suo questo Referendum) e del Generale Pappalardo (da sempre inviso al sistema) per dare un metaforico e spero salutare “pugno allo stomaco” a chi, a volte indegnamente e, in questo caso, illegittimamente esercita o dovrebbe esercitare l’attività più nobile dell’uomo.

Commenta l'articoloSCRIVI

  • Fabio Graziani 2016-11-14 alle 15:56:39

    Mah atenersi al referendum è certamente una posizione legittima ma credere sul serio che sia una "disobbedienza civile" e addirittura che l'atensione conterà e "peserà" è una posizione puramente velleitaria.
    In questo referendum non è previsto il quorum e sarà valido qualunque sia la percentuale dei votanti per cui l'astensione alla fine peserà zero spaccato e nessuno (a cominciare dai mass media) ci farà nemmeno caso

    • Giuseppe Battistini 2016-11-14 alle 19:10:58

      Egregio Fabio Graziani, astenersi formalmente è una disobbedienza civile in quanto il costituzionalista Ainis, credo ai tempi del Referendum sulle cosiddette trivelle, rispolverò, se non ricordo male, una sentenza della Cassazione degli anni 80 la quale affermava che astenersi è reato...e, come Lei certamente saprà, commette disobbedienza civile colui che, sia pur consapevole di porre in essere un reato ne accetta però le conseguenze penali che ne potrebbero derivare senza cercare di sfuggire alla Giustizia. In questo caso c'è però anche una disobbedienza civile sostanziale in quanto astenermi dal voto mi crea certamente una forte sofferenza (prima volta in assoluto che non andrò a votare da quando ne ho facoltà). Preferisco però questa privazione piuttosto che assecondare un Parlamento di "abusivi" che all'indomani della sentenza di incostituzionalità del Pocellum, avrebbero dovuto semplicemente appoggiare un esecutivo tecnico con il solo scopo di fare una nuova legge elettorale che assolvesse alla fondamentale funzione di eleggere candidati aventi titolo...e invece me li ritrovo su fronti contrapposti ,a disquisire di leggi costituzionali quando non dovrebbero avere neanche la possibilità di elaborare una semplice legge ordinaria dello Stato... norme elettorale a parte. Sono convinto che se l'affluenza andrà sotto il 50% il pugno allo stomaco gli arriverà eccome perché capiranno che il popolo Italiano li sta abbandonando a prescindere dall'esito del Referendum.

  • massimo rama 2016-11-13 alle 22:30:20

    sono fuori italia

    • Giuseppe Battistini 2016-11-14 alle 06:58:09

      Egregio Massima Rama, non ho capito il senso del suo discorso: e' Lei fuori Italia? o lo sono Saviano e Pappalardo che hanno assunto una posizione controcorrente? Oppure si riferisce invece ai politi eletti in Parlamento con il Porcellum, legge elettorale che la Corte ha dichiarato incostituzionale?

      Sarebbe interessante saperlo, in particolare per le ultime due ipotesi

    • massimo rama 2016-11-14 alle 10:02:46

      Tutto molto più semplice sono in gita. Avrei vbotato NO

    • Giuseppe Battistini 2016-11-14 alle 19:11:43

      Buona gita e buona riflessione!

Pubblicità .

Crea il tuo Account!

Accetto il regolamento del blog.

 

LiveGubbio ti dà visibilita sul web!

LiveGubbio ti dà la possibilità di sponsorizzare la tua attività, organizzazione, società o partito politico sul web dandoti visibilità 24 ore su 24 su un blog che conta più di 1000 pagine visualizzate al giorno.

Contattaci e troveremo la soluzione che più si adatta alle tue esigenze di marketing, scrivi all'indirizzo:

info@livegubbio.it