Giornale Online
Pubblicità
Pubblicità

FLASH NEWS

Domenica 20 Agosto 2017

i più apprezzati

  • Bandiera italiana

    Apologie

    Dal blog di Marco Fanucci
    Live Gubbio

    PCI CONTRO PD: "NON USARE L'IMMAGINE DI PIAZZA GRANDE"

    Dal blog di Live Gubbio
    Live Gubbio

    SENSO DI MARCIA INVERSO PER LA “PASSEGGIATA ECOLOGICA”

    Dal blog di salvatore angeloni
  • Live Gubbio

    Di cognome GAGLIARDI: nomen omen

    Dal blog di Giuseppe Maria Farneti
    Live Gubbio

    A Chioggia una spiaggia fascista a Monza un fascista in Comune: e in manicomio? Vogliamo provare a riaprirli?

    Dal blog di Giuseppe Maria Farneti
    Gubbio visuale dal teatro romano

    CORAZZATA POTEMKIN

    Dal blog di Francesco Gagliardi
    Live Gubbio

    Il “rabbino rosso” e il falso “allarme siam fasììììssssti”!!!!!

    Dal blog di Giuseppe Maria Farneti
  • Live Gubbio

    Il Maschilismo, il femminismo, il femminicidio, le donne vittime a Mosul e le Ausiliarie di Salò.

    Dal blog di Giuseppe Maria Farneti

    FILIPPO BARBETTI SI E' DIMESSO. LUCIANO BEDINI NUOVO VICEPRESIDENTE?

    Dal blog di Live Gubbio
$('#s1').cycle({
			    fx:      'scrollHorz',
			    prev:   '#prev',
			    next:   '#next',
			    speed:  1000, 
				timeout: 5000
				});
			
Comitato Beni Culturali Gubbio

Dal Blog di

Comitato Beni Culturali Gubbio

Postato il: 2017-02-03 alle 12:40:36

Tags:

GUBBIO TRA INCUBO E REALTA’

Cultura

Pubblichiamo la lettera che il Prof. Franco Raffi, Segretario Generale di Terra Mater, ha inviato al Ministro per i Beni Culturali, al Soprintendente per le Belle Arti e il Paesaggio dell’Umbria, al Presidente della Regione Umbria, al Sindaco di Gubbio e alla STAMPA.

Oggetto. GUBBIO TRA INCUBO E REALTA’

In Italia - è noto a tutti - mancano fondi per istruzione e sanità, ma abbondano generose elargizioni di denaro per opere inutili e devastanti. In questo scenario, Gubbio, con il suo territorio, non è seconda a nessuno. Basti ricordare la famigerata diga del Chiascio, costruita in zona sismica e franosa con l’unico risultato di aver inferto una ferita insanabile al cuore dell’Umbria francescana: autentico simbolo dell’insensata aggressione all’ambiente, i cui esiti luttuosi sono sempre più gravi e frequenti.

Come se tutto ciò non bastasse, si è passati di recente all’assalto del centro storico eugubino con il minacciato oscuramento delle luminose Logge dei Tiratori e con la progettata realizzazione di un corridoio sotterraneo di risalita da Piazza Quaranta Martiri a Via Baldassini.

Superfluo analizzare nei dettagli (tra i quali figura il ridicolo ponticello sul torrente Camignano) un progetto da incubo, espressione di una subcultura asservita ad una tecnologia disumanizzante, nemica di una civiltà plurimillenaria fiorita alla luce del sole.

Una città che ha indotto alla fuga le truppe di Pompeo Magno, di Braccio da Montone, di Cesare Borgia e di Pierluigi Farnese non può essere messa a ferro e fuoco da qualche modernista dei nostri infausti giorni.

Gubbio, 1 febbraio 2017

Commenta l'articoloSCRIVI

  • Sandro Giacchetti 2017-02-10 alle 09:52:37

    Senza offesa, Dio ce ne guardi!, ma nelle righe scritte dal Prof. Raffi c’è un magistrale sfoggio di retorica che, dai cultori dello stile, potrebbe essere considerato un capolavoro assoluto. Una retorica forse strumentale e certo funzionale che prende forma e vita con espressioni del tipo “un progetto da incubo, espressione di una subcultura asservita ad una tecnologia disumanizzante, nemica di una civiltà plurimillenaria fiorita alla luce del sole”... E poi la drammatizzazione della “ferita insanabile al cuore dell’Umbria francescana” (povero “Poverello” tirato per il saio o, per chi lo preferisse, per il cordone), i toni apocalittici a proposito dello “oscuramento delle luminose Logge dei Tiratori” (perché “oscuramento”: i vetri dovevavo essere neri?) e l’enfasi storica (rischiosa, se non impropria) o meglio storiografica che fa tirare in ballo le virtù di un popolo che fermò Pompeo Magno, Braccio da Montone, Cesare Borgia e Pierluigi Farnese… Insomma un eccellente esercizio di retorica. Chapeau!

    Concordo però, in toto, con la considerazione finale circa una Città “messa a ferro e fuoco da qualche modernista dei nostri infausti giorni”, ma solo per quel che attiene lo sciagurato “ecomostro” di San Pietro, quello si “un progetto da incubo, espressione di una subcultura asservita ad una tecnologia disumanizzante”, che però nell’articolo non viene menzionato.

Pubblicità .

Crea il tuo Account!

Accetto il regolamento del blog.

 

LiveGubbio ti dà visibilita sul web!

LiveGubbio ti dà la possibilità di sponsorizzare la tua attività, organizzazione, società o partito politico sul web dandoti visibilità 24 ore su 24 su un blog che conta più di 1000 pagine visualizzate al giorno.

Contattaci e troveremo la soluzione che più si adatta alle tue esigenze di marketing, scrivi all'indirizzo:

info@livegubbio.it