Giornale Online
Pubblicità
Pubblicità

FLASH NEWS

Lunedì 21 Agosto 2017

i più apprezzati

$('#s1').cycle({
			    fx:      'scrollHorz',
			    prev:   '#prev',
			    next:   '#next',
			    speed:  1000, 
				timeout: 5000
				});
			
Sandro Giacchetti

Dal Blog di

Sandro Giacchetti

Postato il: 2017-02-17 alle 18:16:13

Tags:

Logge, Vetri e Treccani

Live Gubbio

Cultura

Nel post: ”IL COMITATO ANTI-LOGGE SI SCHIERA ANCHE CONTRO LA RETE”, il “Comitato per la tutela dei beni culturali e del paesaggio, Gubbio” espone il suo punto di vista a proposito della sicurezza in Piazza Grande. In un commento allo stesso post, il medesimo Comitato, con un certo spirito da Catone il Censore, che condiva ogni suo intervento con il famoso « Ceterum censeo Carthaginem esse delendam!», cogliendo la palla al balzo, torna sull’argomento “vetrificazione” titolando “A FAVORE DELLE LOGGE” e scrivendo: «Dopo più di tre anni siamo ancora costretti a ribadire che il nostro Comitato non è anti-Logge ma a favore delle Logge. Che cosa sono le logge? Nell’Enciclopedia Treccani si legge che sono un organismo architettonico aperto su uno o più lati, sorretto da pilastri o colonne. Le Logge di Gubbio con i vetri non sarebbero più Logge. Noi siamo per il riuso, ma contro la vetrificazione» Ora, va da se, che la definizione tratta dall’Enciclopedia Treccani è, si può ben dire, blindata, inattaccabile e inoppugnabile, però è tale dal solo punto di vista teorico perché poi nella realtà talvolta succede, ed è successo, il contrario anche a proposito di opere architettoniche di pregio assoluto, anche di molto superiore a quelle eugubine. Di logge un tempo “aperte su uno o più lati” quali per esempio, quella quattrocentesca dei Mercanti, in Ancona, alla quale nella seconda metà del 1500 furono tamponate le bifore del primo piano e chiuse da porte e portoni al piano terreno; la genovese Loggia della Mercanzia, o dei Banchi, finestrata nel 1839 e la rinascimentale Loggia Rucellai di Firenze progettata da Leon Battista Alberti e all’interno della quale c’è oggi un esercizio commerciale, che vide prima le sue arcate tamponate nel 1677 e quindi riaperte e vetrificate nel 1963. Ma l’esempio più sensazionale è rappresentato dalle Logge per antonomasia: quelle di “Raffaello” nei Palazzi Apostolici in Vaticano, che progettate aperte da Donato Bramante (1505-1514) furono chiuse solo nel XIX secolo da finestre, balaustre e infissi. E della vetrificazione se ne occupò, niente meno che, Antonio Canova.

Commenta l'articoloSCRIVI

Pubblicità .

Crea il tuo Account!

Accetto il regolamento del blog.

 

LiveGubbio ti dà visibilita sul web!

LiveGubbio ti dà la possibilità di sponsorizzare la tua attività, organizzazione, società o partito politico sul web dandoti visibilità 24 ore su 24 su un blog che conta più di 1000 pagine visualizzate al giorno.

Contattaci e troveremo la soluzione che più si adatta alle tue esigenze di marketing, scrivi all'indirizzo:

info@livegubbio.it