Giornale Online
Pubblicità
Pubblicità

FLASH NEWS

Domenica 26 Marzo 2017

i più apprezzati

$('#s1').cycle({
			    fx:      'scrollHorz',
			    prev:   '#prev',
			    next:   '#next',
			    speed:  1000, 
				timeout: 5000
				});
			
Live Gubbio

Dal Blog di

Live Gubbio

Postato il: 2017-03-17 alle 10:54:13

Tags: giovanni vantaggi, gubbio

RIFLESSIONE A VOCE ALTA DI UN'ALTRA GUBBIO

vantaggi

Politica

Riceviamo e pubblichiamo l'articolo a firma del Dott. Giovanni Vantaggi.

Dopo un lungo silenzio, Un'Altra Gubbio dice la sua viste le diverse richieste giunte: "Avete abbandonato la politica?" ed in particolare riferendosi a me, come ex-candidato a sindaco alle amministrative 2011 "ma che fai, hai lasciato la politica attiva?".

Inizio con una breve cronistoria per dimostrare come già Un'altra Gubbio, prima dei 5 stelle (M5S) dai sondaggi primo partito italiano. La nostra lista civica si presentò da sola e senza apparentamenti cercati o voluti con altre liste o partititi (nonostante le richieste!). Il sottoscritto come candidato a sindaco DA SOLO, arrivò terzo (1908 voti pari al 9,68%) contro i Golia: della sinistra (PD Rifondazione Comunista Federazione della sinistra Socialisti Italia dei valori SEL) e della destra ("Gubbio per noi" Pdl, Fli Udc). Fu una campagna dura, almeno per noi di Un'altra Gubbio, oltre che per l'autofinanziamento, anche per le diffamazioni subite, per quanto riguardava i problemi da noi sollevati su salute, ambiente e lavoro, con l'accusa calunniosa, che era nostra intenzione far chiudere le nostre due cementerie! Dovetti personalmente comperare (650 €) una mezza pagina del settimanale di allora "Tutto Gubbio", in cui rispondevo puntualmente sia alle falsità diffamanti, che mettendo nero su bianco le proposte che indicavamo e che erano/sono parte integrante del nostro programma (presentato in conferenza stampa il 16 NOVEMBRE 2010) per poter rendere il meno insalubri possibile le due nostre cementerie, visto che per legge esse, COMUNQUE, sono definite industrie INSALUBRI di classe UNO. Avendo sempre unanimemente riconosciuto a Grillo il grande merito di aver messo a disposizione la sua notorietà e carisma per far conoscere: istanze, denunce e proposte, di chi mai avrebbe potuto avere mezzi e voce per farsi ascoltare, quando a maggio 2013 la giunta Guerrini si auto-disintegrò e fummo commissariati, avendo il M5S nelle sue intenzioni programmatiche, molti dei temi che erano parte integrante del nostro programma: trasparenza, bene comune, acqua pubblica, lavoro, salute e ambiente, no alla politica come professione ecc, nel settembre-ottobre 2013 proponemmo per le amministrative del 2014, una coalizione con le due liste: M5S Un'altra Gubbio. Sembrava un progetto realizzabile, ma venne il DICTAT: "NESSUN APPARENTAMENTO, il M5S va da solo..." anzi ci fu sollecitato che: "se volete potete iscrivervi al M5S", cosa che diversi di noi fecero collaborando alacremente anche alla stesura del programma. Purtroppo dopo pochi mesi, personalmente dovetti constatare che il pressapochismo basato sugli slogan stava prevalendo: "tutti a casa" ... "a riveder le stelle" ... "Parlamento come scatoletta di tonno da aprire". Per cui visti gl'inutili tentativi miei e di altri di cercare di far capire: che la "P"olitica è altro e che non tutti i "P"olitici sono ... "brutti e cattivi", che avere esperienza in politica può aiutare molto per cambiare le cose e che fare politica attiva comporta uno sforzo forte per capire come funziona la macchina amministrative per potere riuscire a trarne il meglio... e il cambiamento, niente da fare! Personalmente, mi disiscrissi dal M5S, avendo concluso che la parola DEMOCRAZIA in quel movimento di fatto non esisteva. La struttura era (ed è) verticistica e che "l'uno vale uno" era un semplice slogan per giustificare ancora di più la struttura piramidale del movimento. A riprova il caso Tavolazzi prima e quello di Pizzarotti poi, per contro canto, la vicenda Raggi di Roma! Pizzarotti estromesso e condannato da Casaleggio perché non aveva mantenuto la promessa di chiudere l'inceneritore di Parma! cosa che era impossibile per le conseguenti sanzioni gravissime che il comune di Parma avrebbe dovuto affrontare. Mai al sindaco di Parma, fu riconosciuto, invece, che di fatto la chiusura/ridimensionamento dell'inceneritore già costruito e funzionante, l'aveva praticamente ottenuta con una nuova politica dei rifiuti che aveva portato la Raccolta Differenziata porta a porta ad oltre il 70% di fatto facendo mancare, così, materia prima (i rifiuti) all'inceneritore ... (www.comune.parma.it...Da-Rieti-per-conoscere-il-port...). Ma tutto questo il vertice della piramide del M5S (Grillo/Casaleggio) si è ben guardato dal riconoscerlo... anzi!

Tutta altra storia per la Raggi che ha dimostrato un'incapacità sorprendente sulla politica dei rifiuti, uno dei cardini del programma oltre altre vicende ben note... Per la Raggi sono stati chiusi: occhi ed orecchie! Preciso con orgoglio, che ho la fortuna di avere rapporto di amicizia con l'ex assessore Ing/prof Paolo Berdini che per dedicarsi anima e corpo al compito assegnatogli di assessore all'urbanistica, aveva rinunciato anche alla libera professione. Sappiamo come è andata a finire... era "un corpo estraneo" del cerchio pentastellato, nonostante il suo impegno e le sue straordinarie competenze. Concludo queste mie riflessioni dicendo che non nascondo la mia simpatia e il riconoscimento di una notevole capacità di Emiliano (unico presidente di Regione in Italia a rispondere personalmente a noi medici per l'ambiente, ISDE-Italia) su come collaborare per migliorare la situazione salute/ambiente della Puglia (Ilva di Taranto, ecc) non solo ma la sua "militanza attiva" con i comitati No Trivelle, la presa di posizione per il NO sul Referendum Costituzione del 4 dicembre...

A ciò si aggiunge che Emiliano ha sempre cercato la collaborazione del M5S, dimostrando che fare "P"olitica è cercare sinergie per il Bene Comune ma quanto è successo, in piccolo, con noi di Un'altra Gubbio sta persistendo! A questo punto una domanda inquietante si pone: stando ai sondaggi attuali ci troveremo ad una ingovernabilità assoluta? sperando che non rivinca Renzi che ha già le mani tese verso Berlusconi e compagnia cantante (le cosiddette "larghe intese" che già con re Giorgio Napolitano portarono al disastroso governo Renzi). Spero che il M5S tolga i paraocchi, sappia e voglia finalmente riconoscere che non tutti i "P"olitici sono di professione, ma che ci sono persone che mettono cuore, competenze e senso civico per espletare quell' impegno civile che l'art 49 della nostra OTTIMA COSTITUZIONE impone ad OGNI CITTADINO.

Commenta l'articoloSCRIVI

Pubblicità .

Crea il tuo Account!

Accetto il regolamento del blog.

 

LiveGubbio ti dà visibilita sul web!

LiveGubbio ti dà la possibilità di sponsorizzare la tua attività, organizzazione, società o partito politico sul web dandoti visibilità 24 ore su 24 su un blog che conta più di 1000 pagine visualizzate al giorno.

Contattaci e troveremo la soluzione che più si adatta alle tue esigenze di marketing, scrivi all'indirizzo:

info@livegubbio.it