Giornale Online
Pubblicità
Pubblicità

FLASH NEWS

Mercoledì 23 Agosto 2017

i più apprezzati

$('#s1').cycle({
			    fx:      'scrollHorz',
			    prev:   '#prev',
			    next:   '#next',
			    speed:  1000, 
				timeout: 5000
				});
			
Live Gubbio

Dal Blog di

Live Gubbio

Postato il: 2017-05-29 alle 07:32:39

Tags:

BLUE WHALE, SEQUESTRATI PC E CELLULARE DEL GIOVANE

Live Gubbio

Cronaca

Salvato dalla confidenza - riferisce oggi il Messaggero - fatta all'amica di un altro istituto cittadino. Il giovane caduto nella rete del Blue whale deve la vita proprio a questo episodio. Intanto a Gubbio vengono passati al setaccio sia il computer che il cellulare sequestrati dai carabinieri al quattordicenne eugubino salvato in tempo mentre era invischiato nel terribile “gioco” della Blue Whale che in un perverso percorso virtuale, via internet, era indotto attraverso 50 tappe ad autoflaggellarsi con la tremenda prospettiva di essere spinto fino al suidicio. Si controllano inoltre i computer della scuola, alla ricerca di eventuali altri elementi utili all'inchiesta che impegna la polizia postale per le verifiche su internet. Si cercano soprattutto i possibili agganci locali che si stanno facendo veicolatori della trappola mortale. L'adolescente, che presentava delle ferite e ha poi raccontato nei particolari quanto gli stava succedendo, ha fornito ogni elemento che sta tornando utile alle indagini prontamente avviate e che rientrano peraltro in un fascicolo aperto da tempo sull'intero territorio nazionale su questa pratica pericolosa partita dalla Russia attraverso una serie di contatti sui social che si sono ampliati. Sono stati riscontrati a livello internazionale centinaia di casi di giovani finiti nella morsa, con oltre 150 vittime, tra i 9 e i 16 anni, che si sono spinte fino alle più estreme drammatiche conseguenze. E' coinvolto in questa storia anche il tribunale dei minori ed è stato messo al corrente il sindaco Filippo Mario Stirati, dopo che l'istituto scolastico superiore cittadino ha lanciato l'allarme informando i carabinieri a seguito del colloquio molto delicato e attento avuto con il ragazzo che è stato convinto ad aprirsi. Se la vicenda è emersa e ha consentito di fermare la spirale, lo si deve al fatto che il giovane si è confidato con un'amica che frequenta un altro istituto e che si è poi preoccupata tanto da informare la dirigenza. A quel punto sono state attivate una serie di procedure per cercare di gestire il caso, fino alla decisione di parlare direttamente con lui per farsi raccontare quanto stava accadendo. Il quattordicenne si è sbloccato cominciando a parlare, ha riferito e quindi mostrato i segni che portava sul corpo. Nella sua classe, la prima, non si sono mai accorti di nulla né immaginavano la storia della Blue Whale, anche perché il loro compagno è caratterialmente timido e non ha mai esternato sull'argomento. Neppure in famiglia si erano resi conto della situazione. Il percorso della Blue Whale, letteralmente balenottera azzurra nella tradizione dall'inglese, prevede una serie di tappe che il giovane è spinto ad affrontare attraverso 50 regole trasmesse e gestite via internet da occulti manovratori. Alcuni passaggi prevedono di autoinfliggersi ferite, svegliarsi alle 4.20 del mattino per vedere video horror e ascoltare musica triste, fino a essere indotto all'estremo gesto senza ritorno di lanciarsi dal punto più alto della propria città. E qui la testa va inevitabilmente al muretto di piazza Grande, diventato purtroppo e tristemente un simbolo dei gesti estremi, oltre che di pericolo a rischio incidenti perché senza alcuna protezione.

Commenta l'articoloSCRIVI

Pubblicità .

Crea il tuo Account!

Accetto il regolamento del blog.

 

LiveGubbio ti dà visibilita sul web!

LiveGubbio ti dà la possibilità di sponsorizzare la tua attività, organizzazione, società o partito politico sul web dandoti visibilità 24 ore su 24 su un blog che conta più di 1000 pagine visualizzate al giorno.

Contattaci e troveremo la soluzione che più si adatta alle tue esigenze di marketing, scrivi all'indirizzo:

info@livegubbio.it