Giornale Online
Pubblicità
Pubblicità

FLASH NEWS

Martedì 12 Dicembre 2017

i più apprezzati

  • PENNE E PORCHETTA PER ACCOGLIERE IL NUOVO VESCOVO

    Dal blog di Live Gubbio

    PD, L'ANALISI DEL COORDINAMENTO PER IL CONGRESSO

    Dal blog di Live Gubbio
    Gubbio visuale dal teatro romano

    GUBBIO CHE SARÀ

    Dal blog di Francesco Gagliardi
  • Live Gubbio

    VIA DELLA REPUBBLICA, PROTESTA IN ARRIVO

    Dal blog di Live Gubbio

    MADONNA DEL PONTE, CHIESA IN MEZZO AL GUADO

    Dal blog di Live Gubbio
    Palazzo dei Consoli

    UNA PALATA

    Dal blog di Francesco Gagliardi
    referendum_acqua

    Gli anni passano....Umbra Acque resta...purtroppo per NOI!!!

    Dal blog di alessandro morini
  • Bandiera italiana

    Una storia che meriterebbe l'attenzione della stampa nazionale. O no?

    Dal blog di Fabio Graziani

    PD, "RESPONSABILI PER GUBBIO" ALL'ATTACCO

    Dal blog di Live Gubbio
$('#s1').cycle({
			    fx:      'scrollHorz',
			    prev:   '#prev',
			    next:   '#next',
			    speed:  1000, 
				timeout: 5000
				});
			
Live Gubbio

Dal Blog di

Live Gubbio

Postato il: 2017-05-28 alle 11:38:15

Tags:

MINORENNE SALVATO DAL TERRIBILE "GIOCO" DELLA BLUE WHALE

Live Gubbio

Cronaca

Si era già spinto parecchio avanti - rivela oggi il Messaggero - portando i primi segni, con delle ferite sul corpo, nel percorso maledetto che chiamano Challeng Blue Whale. Un adolescente, che vive nell'eugubino e frequenta il primo anno delle scuole superiori, c'è finito dentro adescato su internet. Stava infilato in un tunnel dal quale è difficilissimo uscire se qualcuno non viene in soccorso. Il minorenne ha confidato questa storia ma soprattutto a scuola hanno intuito che qualcosa non andava e hanno cercato di intervenire. Hanno parlato con lui, usando tutta la delicatezza del caso, fino a rendersi conto della preoccupante condizione psico-fisica che aveva raggiunto. A quel punto hanno avvertito i carabinieri di quello che stava succedendo e si è innescato il meccanismo d'intervento, con il coinvolgimento dei genitori e del tribunale di minori. Il caso è stato formalmente denunciato per cercare di risalire ai responsabili di una pratica pericolosissima che mina i giovani, sul piano psicologico e poi fisico, spingendoli in una spirale di prove dure e autolesioniste. Il ragazzo stava attraversando un periodo difficile, vivendo la quotidianità con sempre maggiore difficoltà. Era in un tunnel guidato da gente pericolosa. Con qualcuno ne ha parlato, ha raccontato di quell'esperienza dai contorni drammatici. Stava affrontando le 50 tappe che il famigerato gioco prevede. A casa non si era accorti di nulla, neanche della sveglia alle primissime ore del mattino come rituale nel percorso della blue whale. I sospetti sono maturati nell'ambiente scolastico e si sono adoperati tutti gli strumenti, con la massima cautela, per affrontare la situazione e trovare una via d'uscita. A scuola hanno capito che questo ragazzo era a rischio suicidio. La lunga conversazione con lui, condotta con scrupolo, ha permesso di giungere alla rivelazione di quello che stava succedendo. I Carabinieri della Compagnia di Gubbio, guidata dal capitano Pier Giuseppe Zago, hanno subito preso in mano la vicenda attivando tutte quelle forme di indagine da una parte e di tutela del minore dall'altra. C'è chi si fa promotore a Gubbio della blue whale, cercando adepti. Così è stato anche per l'adolescente che è caduto nella rete e per fortuna è stato salvato in tempo. Il famigerato gioco proveniente dalla Russia che induce all’autolesionismo e al suicidio è stato trasmesso al giovane eugubino con un'attenta opera di convincimento studiata a tavolino. Il veicolatore punta sulla suggestione e guida la vittima ad affrontare le 50 tappe del terribile percorso, con un coinvolgimento allargato a gruppi whatsapp o sui social nei quali i giovani si confrontano, si fomentano reciprocamente e si incitano mantenendo gli adulti all'oscuro di tutto. Alcuni passaggi prevedono di autoinfliggersi ferite, svegliarsi alle 4.20 del mattino per vedere video horror e ascoltare musica triste, fino all'estremo gesto senza ritorno di lanciarsi dal punto più alto della propria città. Le forze dell'ordine sono mobilitate per contrastare il fenomeno e ci sono consigli utili. Alle famiglie e in altri contesti (amicizie e scuola) viene raccomandato di prestare attenzione a certi comportamenti, come i cambiamenti repentini di rendimento scolastico, la socializzazione, il ritmo sonno-veglia. Così come diventa importante fare rete, parlarne, segnalare le situazioni che inducono a pensare a un percorso di blue whale da cui si può tornare indietro.

Commenta l'articoloSCRIVI

Pubblicità .

Crea il tuo Account!

Accetto il regolamento del blog.

 

LiveGubbio ti dà visibilita sul web!

LiveGubbio ti dà la possibilità di sponsorizzare la tua attività, organizzazione, società o partito politico sul web dandoti visibilità 24 ore su 24 su un blog che conta più di 1000 pagine visualizzate al giorno.

Contattaci e troveremo la soluzione che più si adatta alle tue esigenze di marketing, scrivi all'indirizzo:

info@livegubbio.it