Giornale Online
Pubblicità
Pubblicità

FLASH NEWS

Sabato 18 Novembre 2017

i più apprezzati

$('#s1').cycle({
			    fx:      'scrollHorz',
			    prev:   '#prev',
			    next:   '#next',
			    speed:  1000, 
				timeout: 5000
				});
			
Giuseppe Maria Farneti

Dal Blog di

Giuseppe Maria Farneti

Postato il: 2017-07-17 alle 14:49:48

Tags:

Il Maschilismo, il femminismo, il femminicidio, le donne vittime a Mosul e le Ausiliarie di Salò.

Live Gubbio

Attualita

Sul settimanale “L’Espresso” del 16 corrente ci sono ben 12 pagine dove illustri giornaliste, sociologhe e filosofe quali Valeria Parrella, Natalia Aspesi, Chiara Saraceno, Federica Bianchi e financo “una Principessa della Columbia University definita “principale studiosa marxista e femminista decostruzionista contemporanea”, che scrivono di maschilismo, sessismo e femminicidio. Del modello di integrazione che sta seguendo la donna islamica, della sua “subalternità” all’uomo ottenuta quasi sempre con la violenza, ne parla solo la “decostruzionista” che a domanda risponde:- porterebbe a conseguenze negative pensare che uomini e donne appartenenti a comunità di immigrati non condividano quello che noi consideriamo “indipendenza di genere”- Ma quando mai lasciarsi sfiorare da pensieri così negativi, pensare addirittura che possano esserci immigrati che non condividano in nostro modello di società? Ma quando mai? Altre due paginate vengono invece riservate a “ Le Martiri dell’Isis”( questo il titolo dell’articolo)vittime,nella Mosul appena liberata,della vendetta delle milizie sciite che si abbatte sulle mogli degli jihadisti sconfitti”(poveracci!!) e dal quale si evince - scrive Francesca Mannocchi- “la tragedia infinita delle donne”. La mia grande meraviglia è che tanta pietà venga esternata/ostentata da giornalisti di un Paese in cui migliaia di italiane, Ausiliarie della Repubblica di Salò, colpevoli solo di un “reato ideologico”,vennero assassinate/massacrate con i metodi più atroci(altro che Mosul!!), metodi e morti poi coperti da un silenzio più assoluto durato decenni. Molti corpi di quelle povere ragazze, straziati, vennero gettati non si sa dove, per non tornare mai in possesso dei loro famigliari e per essere poi pure condannati alla “damnatio memoriae”. Ma può esserci altrove una classe politica e una parte della popolazione più ipocrita e più infame della nostra?

Commenta l'articoloSCRIVI

  • girolamo beccafico 2017-07-17 alle 22:50:52

    Farneti(cazioni) di un giorno di mezza estate!

    • Giuseppe Maria Farneti 2017-07-18 alle 00:44:33

      Ho indicato il settimanale, ho indicato la data dello stesso, ho indicato i nomi della intellighentia femminile/femminista che ha vergato i propri articoli, ho riportato un dato storico "incontrovertibile", "inconfutabile" di cui un Paese serio dovrebbe vergognarsi. Di quanto ho detto, ho messo chiunque avesse voluto farlo, nella condizione di verificarne la veridicità e come risponde il "Beccafico" di turno colpito dal solleone come fossimo in pieno agosto?; fa il gioco delle assonanze con il mio cognome( esponendosi a sua volta), senza rendersi conto di apparire, agli occhi di chi ha un minimo di onestà intellettuale, un gran peracottaro.

Pubblicità .

Crea il tuo Account!

Accetto il regolamento del blog.

 

LiveGubbio ti dà visibilita sul web!

LiveGubbio ti dà la possibilità di sponsorizzare la tua attività, organizzazione, società o partito politico sul web dandoti visibilità 24 ore su 24 su un blog che conta più di 1000 pagine visualizzate al giorno.

Contattaci e troveremo la soluzione che più si adatta alle tue esigenze di marketing, scrivi all'indirizzo:

info@livegubbio.it