Giornale Online
Pubblicità
Pubblicità

FLASH NEWS

Martedì 12 Dicembre 2017

i più apprezzati

  • PENNE E PORCHETTA PER ACCOGLIERE IL NUOVO VESCOVO

    Dal blog di Live Gubbio

    PD, L'ANALISI DEL COORDINAMENTO PER IL CONGRESSO

    Dal blog di Live Gubbio
    Gubbio visuale dal teatro romano

    GUBBIO CHE SARÀ

    Dal blog di Francesco Gagliardi
  • Live Gubbio

    VIA DELLA REPUBBLICA, PROTESTA IN ARRIVO

    Dal blog di Live Gubbio

    MADONNA DEL PONTE, CHIESA IN MEZZO AL GUADO

    Dal blog di Live Gubbio
    Palazzo dei Consoli

    UNA PALATA

    Dal blog di Francesco Gagliardi
    referendum_acqua

    Gli anni passano....Umbra Acque resta...purtroppo per NOI!!!

    Dal blog di alessandro morini
  • Bandiera italiana

    Una storia che meriterebbe l'attenzione della stampa nazionale. O no?

    Dal blog di Fabio Graziani

    PD, "RESPONSABILI PER GUBBIO" ALL'ATTACCO

    Dal blog di Live Gubbio
$('#s1').cycle({
			    fx:      'scrollHorz',
			    prev:   '#prev',
			    next:   '#next',
			    speed:  1000, 
				timeout: 5000
				});
			
Live Gubbio

Dal Blog di

Live Gubbio

Postato il: 2017-07-12 alle 15:42:18

Tags: Tennis, Gubbio, Futures

GRANDE TENNIS AL VIA COL FUTURES DI GUBBIO E I BIG DI DOMANI

CT Gubbio Futures

Sport

Gubbio ancora una volta è sede di uno degli appuntamenti più rilevanti in ambito regionale per quel che riguarda il tennis. Da sabato si parte con l’edizione 2017 del Futures da 15.000 dollari, intitolato alla memoria di Francesco Ledda, giunto alla seconda edizione (fino al 2015 si disputava l’Open Città di Gubbio) e che vedrà al via alcuni tra i prospetti più interessanti del mondo della racchetta. Basti pensare che ben tre dei 56 atleti scesi in campo lo scorso anno sui campi in terra battuta del Circolo Tennis Gubbio tra qualificazioni e tabellone principale hanno avuto la possibilità di accedere nel main draw di due tornei del grande slam: i francesi Benjamin Bonzi e Alex Muller al Roland Garros (Bonzi ha addirittura raggiunto il secondo turno, vincendo il primo match contro il russo Medvedev, attuale 49 del mondo), l’italiano Stefano Travaglia a Wimbledon, dove la settimana scorsa ha perso al primo turno al quinto set contro il russo Rublev (95 nella classifica ATP). Un motivo in più per pensare di concedersi qualche bella giornata sulle tribune del circolo eugubino, tirato a lucido per quello che è divenuto ormai un evento abituale dell’estate eugubina. “Siamo molto contenti – ha spiegato il presidente del CT Gubbio, Antonio De Palma – di poter riproporre un evento così importante, pur se le difficoltà a livello organizzativo ed economico sono sempre maggiori. Però s’è creato un team che funziona e che dimostra di saper lavorare bene, aspetto questo fondamentale per poter raggiungere determinati risultati. Un grazie va anche alle istituzioni, intese come il Comune di Gubbio e il Comune di Cantiano che ospiterà alcune gare della manifestazione. Lo scorso anno è accorso tanto pubblico e ci auguriamo di poter ripetere un’esperienza esaltante sotto ogni punto di vista”. Luca Ceccarelli, direttore del torneo, ha aggiunto che “lo spettacolo sarà assicurato sin dalle prime gare, perché rispetto al vecchio Open nei Futures tutti hanno interesse ad andare avanti e ad accaparrarsi quanto più punti nella classifica ITF ed ATP, e soprattutto la battaglia sarà serrata sin dalle qualificazioni che partono sabato 15 luglio. In gara ci saranno i talenti del domani e sapere che tre dei ragazzi ammirati lo scorso anno a Gubbio abbiano già raggiunto a distanza di meno di un anno i tabelloni principali di un grande slam conferma la qualità eccelsa dei partecipanti. È un premio anche per il grande lavoro svolto da tutto il circolo, con tantissimi volontari impegnati nella realizzazione dell’evento”. A nome del CT Gubbio ha parlato anche l’istruttore ed ex giocatore Riccardo Capannelli: “Tornei come questi valgono tantissimo e di solito i grandi nomi sono solo di passaggio, perché li utilizzano come trampolino di lancio per le loro carriere. E la cosa bella è che le partite sono tiratissime sin dalle qualificazioni, perché non c’è grandissima differenza tra un giocatore e un altro. Come CT Gubbio riponiamo molte speranze in Andrea Militi, che partirà dalle qualificazioni sperando di fare strada nel torneo di casa”. Chiusura dedicata alle due amministrazioni comunali coinvolte: “Per noi di Cantiano è un onore e un piacere poter prendere parte a questo evento – ha spiegato il sindaco Alessandro Piccini – e tutto questo conferma la voglia di costruire e progettare percorsi condivisi con realtà limitrofe come quella eugubina. È una comunità che sentiamo molto vicino alla nostra e c’è grande unione d’intenti. La ricaduta d’immagine non potrà che essere positiva e l’elemento di aggregazione acquista ancor più valore”. Piccini ha portato anche il saluto del presidente del CT Cantiano, Vincenzo Padovani. Infine, Filippo Mario Stirati ha tenuto a ricordare che “Gubbio si conferma una delle città più vive dal punto di vista sportivo a livello regionale e non solo. Negli ultimi mesi la città ha ospitato un mondiale di automodellismo, due campionati italiani di cross ed eventi nazionali di nuoto, oltre a vantare manifestazioni come la Notte Bianca dello Sport e società ed atleti che la nobilitano nel panorama nazionale. Non credo che tutto ciò sia frutto del caso: a chi dice che a Gubbio le cose le fanno sono i privati e le associazioni mi sento di rispondere che anche il Comune e le istituzioni fanno la loro parte, a fronte peraltro di risorse sempre minori da poter destinare a tali attività. Mi indigno di fronte a chi critica e disconosce questo impegno che va oltre le nostre forze. In tempi in cui si assiste a una situazione di profonda liquefazione del sistema politico e del tessuto sociale, i Comuni rappresentano una delle poche trincee democratiche del Paese e al riguardo mi compiaccio della presenza al nostro fianco del Comune di Cantiano, con il quale i rapporti sono ottimi da sempre e che sentiamo un po’ parte della nostra comunità, e viceversa. Un grazie sentito va pure al CT Gubbio per la straordinaria attività che rende possibile iniziative come queste”. Il torneo entrerà nel vivo da sabato 15 con le qualificazioni, poi da lunedì 17 via al tabellone principale. Probabile testa di serie numero uno l’inglese Jay Clarke, classe 1998, attuale numero 368 del mondo, uscito all’ultimo turno delle qualificazioni di Wimbledon ma considerando tra gli astri nascenti del tennis d’Oltremanica. Tra gli italiani i più attesi sono Riccardo Bonadio (numero 431 ATP), Omar Giacalone (531) e Claudio Fortuna (542). Occhio però alle sorprese: lo scorso anno Andrea Pellegrino vinse pur non essendo nemmeno testa di serie, superando Bonzi (n. 5), Bahamonde (n. 2), Jacq (n. 3) e in finale l’argentino Coria, testa di serie numero 1. Se confermeranno la loro presenza, saranno almeno una decina i Top 1000 della classifica mondiale presenti a Gubbio. Intanto come anteprima del torneo nella serata di mercoledì 12 luglio arriveranno al CT Gubbio i “Sette Cervelli” con il loro nuovo spettacolo estivo.

Commenta l'articoloSCRIVI

Pubblicità .

Crea il tuo Account!

Accetto il regolamento del blog.

 

LiveGubbio ti dà visibilita sul web!

LiveGubbio ti dà la possibilità di sponsorizzare la tua attività, organizzazione, società o partito politico sul web dandoti visibilità 24 ore su 24 su un blog che conta più di 1000 pagine visualizzate al giorno.

Contattaci e troveremo la soluzione che più si adatta alle tue esigenze di marketing, scrivi all'indirizzo:

info@livegubbio.it