Giornale Online
Pubblicità
Pubblicità

FLASH NEWS

Martedì 12 Dicembre 2017

i più apprezzati

  • PENNE E PORCHETTA PER ACCOGLIERE IL NUOVO VESCOVO

    Dal blog di Live Gubbio

    PD, L'ANALISI DEL COORDINAMENTO PER IL CONGRESSO

    Dal blog di Live Gubbio
    Gubbio visuale dal teatro romano

    GUBBIO CHE SARÀ

    Dal blog di Francesco Gagliardi
  • Live Gubbio

    VIA DELLA REPUBBLICA, PROTESTA IN ARRIVO

    Dal blog di Live Gubbio

    MADONNA DEL PONTE, CHIESA IN MEZZO AL GUADO

    Dal blog di Live Gubbio
    Palazzo dei Consoli

    UNA PALATA

    Dal blog di Francesco Gagliardi
    referendum_acqua

    Gli anni passano....Umbra Acque resta...purtroppo per NOI!!!

    Dal blog di alessandro morini
  • Bandiera italiana

    Una storia che meriterebbe l'attenzione della stampa nazionale. O no?

    Dal blog di Fabio Graziani

    PD, "RESPONSABILI PER GUBBIO" ALL'ATTACCO

    Dal blog di Live Gubbio
$('#s1').cycle({
			    fx:      'scrollHorz',
			    prev:   '#prev',
			    next:   '#next',
			    speed:  1000, 
				timeout: 5000
				});
			
Giuseppe Maria Farneti

Dal Blog di

Giuseppe Maria Farneti

Postato il: 2017-08-13 alle 18:06:01

Tags:

Mattarella giustamente commemora ma avrebbe anche il dovere di approfondire

Live Gubbio

Cronaca

Si ha notizia che Spike Lee, il regista di “Miracolo a Sant’Anna”, viene contestato dall’ANPI perché sembra che abbia detto che -dopo gli attentati molti partigiani fuggivano abbandonando i civili-. Quelli dell’ANPI aggiungono anche che “nel film si ipotizza che la strage di civili a Stazzema ad opera delle SS sarebbe causata dal tradimento di uno di loro. Avrà documenti inediti? Da Google apprendiamo che lo sceneggiatore e autore dell’omonimo romanzo (edito da Rizzoli) James McBride, replica puntualizzando: « Oggi sono tutti partigiani. Ma all’epoca solo una piccola parte». «I partigiani — continua il regista —, non erano amati da tutti gli italiani, dopo le imboscate fuggivano e si nascondevano sulle montagne lasciando i civili alle reazioni dei tedeschi. Da cosa trae simili deduzioni? In ogni caso, chi mostra meraviglia per tutto ciò non dovrebbe; entrambi, Spike e McBride, hanno detto né più né meno ciò che dissero e dicono metà dei familiari delle vittime di un altro massacro, che costò la vita ad oltre 100 persone pur commemorate, forse date le circostanze, senza troppi clamori,!! L’eccidio è quello avvenuto a Pedescala e Settecà, nella Val d'Astico ma forse di questo eccidio l’Italia ha sentito parlare “molto poco”; nella nostra città un racconto dettagliato lo riportai io diversi anni fa su questo stesso blog. “Spararono e sparirono” e ne seguì la “Rappresaglia”; questo denunciò allora buona parte dei sopravvissuti della Val d’Astico . E poiché non tutti i familiari delle vittime di rappresaglia tedesca, “disseminate” su tre quarti del nostro territorio nazionale hanno dimostrato il coraggio che ebbero alcuni familiari delle vittime di Pedescala/Settecà, di rifiutare cioè una iscrizione all’Associazione Partigiani, con tutti i vantaggi che tale iscrizione comportava, oggi forse di quell’eccidio poco si “commemora”. Rifiutarono quell’iscrizione perché i tanti, i troppi silenzi che, dati i vantaggi, essa avrebbe comportato, erano forse per quella povera gente un prezzo troppo alto da corrispondere? Era forse il loro silenzio la implicita contropartita? C’è chi ha pensato che il “potere” avrebbe comunque trovato il modo di mettere il “bavaglio” a quella povera gente?

Commenta l'articoloSCRIVI

Pubblicità .

Crea il tuo Account!

Accetto il regolamento del blog.

 

LiveGubbio ti dà visibilita sul web!

LiveGubbio ti dà la possibilità di sponsorizzare la tua attività, organizzazione, società o partito politico sul web dandoti visibilità 24 ore su 24 su un blog che conta più di 1000 pagine visualizzate al giorno.

Contattaci e troveremo la soluzione che più si adatta alle tue esigenze di marketing, scrivi all'indirizzo:

info@livegubbio.it