Giornale Online
Pubblicità
Pubblicità

FLASH NEWS

Mercoledì 21 Febbraio 2018

i più apprezzati

  • Lupini

    IL CONSIGLIERE COMUNALE PAVILIO LUPINI INTERVIENE IN MERITO ALL'ASSOLUZIONE DELL'EX SINDACO ORFEO GORACCI E DELLA SUA GIUNTA DA PARTE DELLA CORTE DEI CONTI

    Dal blog di Gubbio Libera
    Live Gubbio

    DANNO ERARIALE: ASSOLTI GORACCI & C. CHI PAGA?

    Dal blog di Live Gubbio
    Live Gubbio

    Tanto per smentire il luogo comune della buona gestione amministrativa locale del centrosinistra: il Caso Terni

    Dal blog di Fabio Graziani
  • ANGELO PERUZZI VENERDI' AL LICEO "MAZZATINTI"

    Dal blog di Live Gubbio

    ALLARME A TORRE: LADRI NELLA STESSA CASA IN DUE MESI

    Dal blog di Live Gubbio
$('#s1').cycle({
			    fx:      'scrollHorz',
			    prev:   '#prev',
			    next:   '#next',
			    speed:  1000, 
				timeout: 5000
				});
			
Gubbio  Libera

Dal Blog di

Gubbio Libera

Postato il: 2018-01-15 alle 15:09:02

Tags:

BANDO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIALI

Lupini

Politica

Siamo in presenza del un nuovo bando di gara per la gestione dei servizi sociali e non mancano le sorprese.

Non si è ancora spenta l’eco dei due precedenti bandi relativi ai trasporti scolastici ed i servizi educativi della prima infanzia.

Anche i sindacati hanno riconosciuto che il comune di Gubbio sia stato l’unico in Umbria a non aver tutelato le qualifiche e gli stipendi degli operatori.

La normativa europea impone infatti che il soggetto nuovo che subentra nella gestione di un servizio pubblico, se deve assumere personale, è costretto a riassumere chi già lavorava in quel servizio. A Gubbio è accaduto però che anche operatori prossimi all’età della pensione siano stati riassunti come se fossero al primo impiego e dunque con una perdita economica fino al 40% dello stipendio; ma secondo il Sindaco Stirati è andato tutto bene.

Anche il nuovo bando sui servizi sociali mostra molte criticità.

In questi quattro anni di mandato amministrativo ho atteso e più volte richiesto una discussione consiliare per definire i contenuti del bando relativo alla gestione dei Servizi Sociali.

In campagna elettorale tutti ponemmo al centro del programma la necessità di definire i nuovi bisogni , le nuove emergenze sociali alle quali dare una risposta mediante il piano d’ambito.

Qualsiasi discussione è stata negata dal Sindaco, nell’indifferenza dei Consiglieri Comunali di maggioranza e dello stesso Presidente del Consiglio.

Mi sono più volte chiesto quale sia stato il ruolo del Consiglio Comunale di Gubbio che, in questo mandato amministrativo, è stato regolarmente estromesso dalle decisioni di propria competenza.

Rispetto al bando ho molti dubbi:

• Perché fare un mega-appalto invece di indire istruttorie di gara settoriali?

• Si possono mettere a bando anche le misure economiche di contrasto alla povertà?

Personalmente non ritengo che le funzioni di segretariato sociale , che toccano elementi di privacy, possono essere ricoperte da soggetti privati.

Ritengo che numerose e gravi siano le responsabilità politiche nell’intera vicenda:

Il bando prevede che il nostro sistema territoriale del welfare sarà ricostruito con quei soggetti ammessi alla co-progettazione, cioè i soggetti del III settore che, una volta selezionati, andranno ad avviare un percorso di co-progettazione.

Tale percorso è dunque rimesso nelle mani di uno o più soggetti consorziati e saranno loro ad individuare i servizi, le modalità organizzative e le eventuali azioni innovative.

Sostanzialmente saranno uno o più soggetti del III settore che andranno ad una lettura dei bisogni sociali presenti e saranno loro , di concerto con le figure apicali dei comuni, in particolare del capofila, a costruire il sistema dell’offerta sociale.

Perché spacciare per co-progettazione un sistema di affidamento che di progettazione condivisa non ha nulla?

Possiamo delegare l’analisi dei bisogni e la progettazione dei servizi soltanto a soggetti del terzo settore?

Il sindaco Stirati propone oggi una sorta di concertazione per discutere della crisi sociale ed occupazionale dei nostri territori.

Non ritiene che il mega appalto sui servizi sociali sia strettamente legato alla situazione socio-occupazionale dei nostri comuni?

In conclusione, noi prima mandiamo a bando 4 milioni 200 mila euro, poi apriamo una discussione in Consiglio Comunale su quale sistema di welfare dobbiamo costruire, per contrastare vecchi e nuovi bisogni.

Siamo in presenza di un altro grande esempio di qualità procedurale!

Il Sindaco chiama a raccolta le energie migliori per “ serrare le porte “ quando i buoi sono già usciti dalla stalla!

Insomma oltre al danno la beffa!

Ho molte perplessità anche su aspetti tecnici del bando che intendo esplicitare dopo la conclusione delle procedure di gara.

Gubbio il 15 Gennaio 2018

Pavilio Lupini

Consigliere Comunale “ Gubbio Libera-PRC”

Commenta l'articoloSCRIVI

Pubblicità .

Crea il tuo Account!

Accetto il regolamento del blog.

 

LiveGubbio ti dà visibilita sul web!

LiveGubbio ti dà la possibilità di sponsorizzare la tua attività, organizzazione, società o partito politico sul web dandoti visibilità 24 ore su 24 su un blog che conta più di 1000 pagine visualizzate al giorno.

Contattaci e troveremo la soluzione che più si adatta alle tue esigenze di marketing, scrivi all'indirizzo:

info@livegubbio.it